Faredelbene.net



psicologia -> -> Disturbi fittizi


Disturbi fittizi




I Disturbi fittizi sono caratterizzati dal fatto che la persona simula o esagera i propri sintomi al fine di assumere il ruolo di malato

Questo disturbo va differenziato dalla Simulazione vera e propria, in cui la persona cerca di passare da malato per ottenere dei vantaggi di ordine materiale. Ad esempio una persona potrebbe simulare una malattia per evitare il servizio militare o per ricevere un’indennità di malattia.

La persona con un Disturbo fittizio invece desidera assumere il ruolo di malato per ricevere le cure e le attenzioni personali che normalmente vengono riservate a chi è malato.

Per giungere a questo risultato, la persona può mentire, simulare dei sintomi inesistenti, auto-prodursi delle ferite o alterare i propri esami medici. Ad esempio può contaminare il proprio campione di urine o assumere dei farmaci per alterare la composizione del proprio sangue prima di un’analisi.

Ovviamente questo modo di comportarsi evidenzia delle profonde difficoltà emotive.
 

Tipi di Disturbi fittizi

La situazione descritta fin ora è il quadro classico del Disturbo fittizio conosciuto come Sindrome di Münchhausen. Il barone di Münchhausen è passato alla storia per essere un noto “pallonaro”, un raccontatore di frottole, in quanto era uso raccontare di sé in termini romanzati ed esagerati. Di conseguenza, purtroppo per lui, il suo nome viene oggi usato per indicare un’abitudine cronica alla finzione.

Può accadere che una persona possa produrre i sintomi della malattia in una seconda persona a lei affidata – di solito un figlio, un genitore anziano o un parente disabile – al fine di ricevere attenzione lei stessa. In questo caso si parla di Sindrome di Münchhausen per procura.


Riconoscere un Disturbo fittizio

Questi i possibili segni che possono rappresentare un campanello di allarme per la presenza di un Disturbo fittizio:

La persona racconta di aver avuto una serie di malattie in passato, tuttavia non ha a disposizione una documentazione che possa provarlo. Non dispone dei risultati delle analisi, dei certificati ospedalieri, etc.
La persona ha diverse cicatrici che testimoniano di un numero anormale di interventi chirurgici.
Compaiono regolarmente “nuovi sintomi” quando alla persona non viene diagnosticata nessuna malattia.
La persona ha periodiche ricadute ogni volta che comincia a guarire.
La persona lamenta di avere alcuni sintomi che però non può mostrare perché hanno luogo solo "quando mi trovo da solo".
Una storia passata di numerosi interventi, ricoveri, visite mediche anche in città diverse.
Il paziente ricoverato riceve poche o nessuna visita da parte di familiari o conoscenti.

Cause dei Disturbi fittizi

Gli studiosi tendono a concordare sul fatto che le persone con questi disturbi hanno avuto un’infanzia caratterizzata da importanti episodi di abbandono e di trascuratezza, in cui hanno vissuto storie di malattie importanti e frequenti. La persona può essere stata lei stessa particolarmente malata durante l’infanzia o aver assistito alla malattia di un membro familiare. La condizione di malattia, in queste storie, è spesso associata a lunghi o frequenti periodi di ricovero ospedaliero.

In pratica la persona ha imparato che le cure e l’attenzione vengono fornite solo a chi è malato.


Come si curano i Disturbi fittizi?

Il primo obiettivo da perseguire nella cura dei Disturbi fittizi consiste naturalmente nel porre fine al comportamento autolesivo della persona. Nel caso della Sindrome di Münchhausen per procura, occorre mettere in atto misure di protezione della persona vittima, anche mediante interventi legali.

Una volta raggiunto il primo obiettivo occorre prendersi cura delle difficoltà psicologiche di queste persone. E’ indicato un percorso psicoterapeutico, anche se molto spesso queste persone non sono motivate a collaborare con il processo terapeutico. Sono infatti molto legate alla propria necessità di assumere il ruolo di malato e negano l’esistenza del disturbo. Un percorso terapeutico necessita invece della consapevolezza della malattia da parte della persona e della sua motivazione a volerne uscire. Solo se queste condizioni sono soddisfatte, il percorso terapeutico può aver luogo.

Un percorso terapeutico con questo tipo di persone deve andare a esplorare e modificare le convinzioni relative al fatto che si possa ottenere affetto unicamente in una relazione finalizzata alla cura della malattia. Il percorso terapeutico per queste persone è molto impegnativo in quanto richiede un cambiamento radicale nel loro modo di relazionarsi. Queste persone inoltre devono acquisire la capacità di entrare in intimità con gli altri in quanto persona, e non in quanto malato. Devono comprendere come, quando e perché hanno sviluppato le loro convinzioni e modi di comportarsi distorti e sviluppare nuove abilità relazionali.

Anche la terapia familiare può essere utile. I familiari devono imparare ad “accarezzare” la persona affetta dal Disturbo fittizio per le sue caratteristiche positive e smettere di “accarezzarlo” quando assume il ruolo di malato.
 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

psicologia
psicologia
arte
arte
coppia
coppia
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
news
news
fisica quantistica
fisica quantistica
amore e dintorni
amore e dintorni
lavori creativi
lavori creativi
astronomia
astronomia
letteratura
letteratura
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
salute
salute
scienza
scienza
io non ci sto
io non ci sto
artisti
artisti


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!