Faredelbene.net



psicologia -> -> Disturbi dissociativi


Disturbi dissociativi




La capacità di ritrovare la nostra identità viene compromessa e scombussolata nei Disturbi dissociativi

So cosa ho fatto ieri, sono capace di attingere alla mia memoria e di percepire il mondo che mi circonda.

Nei Disturbi dissociativi però queste capacità di base vengono meno.

Normalmente ci svegliamo la mattina e senza accorgercene, senza rifletterci, ci ritroviamo in noi stessi. Sappiamo chi siamo, come ci chiamiamo e dove ci troviamo. Ritroviamo la nostra identità, proprio là dove l’avevamo lasciata, nel letto!

Queste capacità, che ci sembrano scontate proprio perché le utilizziamo e le ritroviamo giorno dopo giorno, vengono compromesse e scombussolate nei Disturbi dissociativi.

Memoria, identità e capacità percettive non funzionano più come un tutto unico. La persona può mantenere una chiara identità di sé e perdere la capacità di ricordare fatti importanti della propria vita (amnesia). O al contrario può essere capace di utilizzare la propria memoria, ma non avere una chiara identità di sé. Oppure avere varie identità che fanno la propria comparsa una dopo l’altra, un momento si chiama Mario Rossi, il momento successivo si chiama Ugo Rossi. Oppure la persona può non riconoscersi più, sentirsi estranea a se stessa ed avere la sensazione che il proprio corpo sia qualcosa di staccato da sé.
 

Tipi di Disturbi dissociativi

Amnesia dissociativa: caratterizzata dal fatto che la persona non riesce a ricordare importanti informazioni personali o periodi della propria vita. Questo disturbo di solito è la conseguenza di un trauma. Può durare ore, giorni o anche anni in base alla gravità del trauma subito.
Fuga dissociativa: in cui la persona si allontana improvvisamente e inaspettatamente dal proprio ambiente: l’abitazione, la famiglia, il lavoro. Non riesce a ricordare il proprio passato né chi è ed a volte si costruisce una nuova identità.
Disturbo dissociativo dell’identità. Questo disturbo in passato era conosciuto come il “Disturbo da Personalità Multipla”. E’ caratterizzato dalla presenza di due o più identità che assumono vicendevolmente il controllo della persona. Ciascuna identità può essere consapevole dell’esistenza delle altre anche se la memoria tra le identità è compromessa.
Disturbo di depersonalizzazione: in cui la persona si sente un osservatore esterno rispetto al proprio corpo e alla propria mente. Da non confondersi con gli stati meditativi in cui lo condizione di osservazione è accompagnata da benessere e comprensione.

Cause dei Disturbi dissociativi

Questi disturbi sono la conseguenza di gravi traumi infantili di perdita o di abuso. Durante queste esperienze il bambino è stato capace di allontanare la propria attenzione dalla realtà per soffrire di meno.

Per quanto riguarda il Disturbo dissociativo dell’identità (personalità multiple) il trauma infantile è consistito in abusi fisici, emotivi e sessuali, spesso perpetrati dai genitori.

Affinché il bambino sviluppi da adulto un Disturbo dissociativo occorre però che siano presenti una serie di elementi:
L’abuso ha avuto inizio prima dei cinque anni di età.
Gli abusi sono stati gravi e sono stati ripetuti per un periodo di tempo (non basta un solo episodio).
Il bambino ha avuto la capacità di dissociarsi dalla realtà, dalle percezioni, dai ricordi o dalle emozioni.
Non è stato presente nessun adulto che potesse dare conforto. Il bambino è stato obbligato ad essere emotivamente autosufficiente.

Anche la dissociazione ha un significato

Un bambino che ha alle proprie spalle una storia di gravi abusi perde la capacità di avere fiducia nel prossimo. Comprensibilmente da grande diventa una persona che vive in un costante stato di paura.

Una simile sofferenza è un bagaglio enorme da portare, molto spesso è un carico eccessivo. Così la persona adulta, così come il bambino, tende a separarsi – a dissociarsi appunto – da intere parti di sé, o da capitoli interi della memoria della propria vita. In questo senso la dissociazione è qualcosa che difende il bambino abusato e oggi difende la persona adulta dal vivere il dolore emotivo, la vergogna, la rabbia e la paura memorizzati all’interno della propria psiche.
 

Cura dei Disturbi dissociativi

Riprendere contatto con l’enorme sofferenza interiore di queste persone è un lavoro grande che richiede un processo di psicoterapia lento e lungo. Richiede che il terapeuta sia presente e amorevole con la persona per un lungo periodo di tempo, solitamente per diversi anni. La terapia breve sembra non essere efficace con le persone affette da un Disturbo dissociativo.

Queste persone hanno bisogno di una enorme presenza, possibilmente quotidiana, di almeno una persona accogliente e per un lungo periodo prima che decidano di fidarsi nuovamente di un altro essere umano ed inizino il processo di recupero e di elaborazione della propria sofferenza infantile.

Una alternativa alla psicoterapia, potrebbe consistere in una comunità psicoterapeutica. Questa soluzione è particolarmente indicata per le persone che non sono in grado di gestire autonomamente le normali incombenze della vita quotidiana, o per le persone che sono a rischio di suicidio.

Nonostante il trattamento di un Disturbo dissociativo possa essere difficile, molte persone con un Disturbo dissociativo sono riuscite a imparare nuovi modi per vivere in modo sano e creativo.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

itinerari
itinerari
scuola
scuola
simboli e archetipi
simboli e archetipi
religioni
religioni
bonus e incentivi
bonus e incentivi
scienza
scienza
fisica quantistica
fisica quantistica
beneficenza
beneficenza
riflessioni
riflessioni
amore e dintorni
amore e dintorni
lavori creativi
lavori creativi
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
Vini e dintorni
Vini e dintorni
vegan & co.
vegan & co.
bambini
bambini


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!