Faredelbene.net



psicologia -> -> Disturbi di personalit


Disturbi di personalit




La personalità è il  nostro modo particolare di comportarci, pensare, sentire e percepire. Vediamo però cosa si intende per disturbi della personalità

La persona con un Disturbo di personalità pensa, sente o si comporta in modi molto distanti rispetto alle aspettative della propria cultura. Per parlare di un disturbo tali modalità di pensare, sentire e comportarsi, oltre ad essere in dissonanza rispetto alla propria cultura, devono produrre anche danni importanti alla vita sociale o lavorativa della persona.

Altra condizione necessaria per parlare di un Disturbo di personalità è che i modi di pensare, di sentire e di comportarsi siano una caratteristica permanente della persona, emersa durante l’adolescenza o la prima età adulta.


Inflessibilità
La caratteristica che salta maggiormente agli occhi di questo tipo di disturbi è l’inflessibilità con cui le persone che ne sono affette pensano, sentono e si comportano.

Chi ha una personalità sana riesce ad affrontare le difficoltà della vita rispondendo in modo flessibile ed appropriato alla diversità dei problemi. E’ in grado di riflettere e di individuare la soluzione specifica e appropriata rispetto alla specifica difficoltà.

Chi è affetto da un Disturbo di personalità, al contrario, mette in atto sempre lo stesso tipo di comportamento, non importa quale sia il problema.


Ad esempio, la persona che presenta un Disturbo di personalità narcisistico si sente speciale e tenta di dominare l’altro in modo arrogante. Questa persona tenderà ad applicare il suo schema di comportamento in ogni circostanza, in modo automatico e irragionevole. Se al ristorante si sente trascurato dal cameriere, si arrabbierà, criticherà e tratterà con arroganza il personale.

Come si comprende facilmente, tale rigidità può comportare notevoli difficoltà nel rapportarsi con gli altri.


Cause dei Disturbi di personalità

Cosa provochi l’insorgere di un Disturbo di personalità è ancora oggetto di dibattito da parte degli studiosi e dei professionisti della salute mentale. Sebbene alcuni affermino che la causa sia da cercarsi nell’infanzia, mentre altri sostengano che sia una patologia a carattere genetico, come al solito la verità probabilmente sta nel mezzo, ossia nella possibilità che entrambi i fattori siano rilevanti.

In quest’ottica i Disturbi di personalità sarebbero determinati da una combinazione di cause “ambientali” e di cause “genetiche”.  Per determinare un Disturbo di personalità sono importanti sia il periodo di sviluppo durante l’infanzia, sia il patrimonio genetico con cui una persona è venuta al mondo.

Personalmente credo che l’essere umano nasca con una serie di predisposizioni e che l’ambiente abbia poi un ruolo fondamentale nel rendere queste predisposizioni una realtà oppure no. Un bambino può nascere con i migliori talenti ma se l’ambiente che lo accoglie – in primis i suoi genitori – non è all’altezza di fornirgli le cure fisiche o psicologiche di cui ha bisogno, svilupperà dei disturbi fisici o psicologici. E viceversa: se un bambino viene al mondo con un “cattivo patrimonio genetico” (mi si perdoni questa brutta espressione) e l’ambiente lo accoglie offrendogli tutte le cure e le attenzioni possibili, l’influenza genetica negativa sarà enormemente stemperata e la persona imparerà ad utilizzare le sue risorse al meglio.
 

Tipi di Disturbi di personalità

Disturbo di personalità antisociale: caratterizzato da impulsività, mancanza di empatia e di rispetto verso gli altri. La persona viola le regole sociali senza provare rimorso.
Disturbo di personalità borderline: caratterizzato da instabilità nei modi di pensare, di sentire e di comportarsi. La persona ha notevoli e repentini sbalzi di umore. Ha relazioni sociali caotiche, discontinue o precarie.
Disturbo di personalità depressivo: caratterizzato da convinzioni e sentimenti di abbattimento, malinconia. La persona è eccessivamente seria e critica verso se stessa. Si concentra più sui propri fallimenti che sui propri successi.
Disturbo di personalità dipendente: la persona è convinta di non poter far fronte da sola alle responsabilità della vita quotidiana, chiede continuamente aiuto per qualsiasi cosa. Si sottomette volentieri a chi fornisce l’aiuto tanto desiderato.
Disturbo di personalità evitante: caratterizzato da timidezza, insicurezza, ipersensibilità ai giudizi negativi e al rifiuto. La persona evita le situazioni sociali, specie quelle nuove dove teme di fare brutta figura di fronte a sconosciuti.
Disturbo di personalità istrionico: caratterizzato da un’espressione emotiva eccessiva e mutevole. Ricerca l’attenzione degli altri.
Disturbo di personalità narcisistico: caratterizzato da un’eccessiva stima di sé. La persona è così sicura di essere una persona speciale, che non prova rimorsi nel comportarsi in modo arrogante o nello sfruttare gli altri. Ha un grande bisogno di essere ammirato.
Disturbo di personalità ossessivo compulsivo: la persona è costantemente preoccupata dall’ordine e dal perfezionismo. Aspira a tenere tutto sotto controllo.
Disturbo di personalità paranoide: caratterizzato da una sfiducia universale nei confronti degli altri. La persona sospetta irragionevolmente di tutti. Interpreta come malevoli le azioni amorevoli e generose degli altri.
Disturbo di personalità passivo-aggressivo: in cui la persona tende ad opporsi e a resistere in modo passivo alle richieste e alle necessità sociali e lavorative – ad esempio si dilunga eccessivamente nella cura dei particolari mentre dimentica di portare avanti l’incarico lavorativo.
Disturbo di personalità schizoide: caratterizzato da distacco e indifferenza. La persona non desidera né prova piacere nell’avere relazioni intime con altre persone. Non mostra di avere grandi emozioni.
Disturbo di personalità schizotipico: caratterizzato da un forte disagio nelle relazioni strette. La persona inoltre pensa e si comporta in modi considerati “eccentrici” dagli altri – ad esempio può essere convinto di avere poteri magici, telepatici o la capacità di influenzare gli altri a distanza.
 

Quando ricorrere ad un professionista della salute mentale

Non sempre la persona con un Disturbo di personalità si rende conto di avere dei modi di pensare, di sentire o di comportarsi problematici. Anzi, spesso è vero l’opposto: spesso la persona si vede perfettamente normale, perché per lei i propri modi di pensare, di sentire e di agire sono quelli giusti e buoni. Al più sono tutti gli altri ad essere strani e sbagliati!

Talvolta però abbiamo la fortuna di renderci conto di comportarci in modo eccessivamente rigido. Spesso ciò avviene quando diventiamo stufi di essere stufi. Se abbiamo questa fortuna, o abilità, se vediamo che il nostro modo di comportarci provoca problemi nella propria vita e ne abbiamo abbastanza di tutto ciò, è giunto il momento di ricorrere ad un professionista della salute mentale.
 

Come si cura

A seconda del Disturbo di personalità si interviene secondo modalità specifiche. Gli strumenti di intervento a disposizione sono vari e spesso è utile utilizzarli in modo combinato.

Tra gli strumenti di intervento troviamo: la psicoterapia (individuale, di gruppo, di coppia o familiare), la farmacoterapia (utile transitoriamente per alcuni tipi di Disturbo di personalità e sempre accompagnata da psicoterapia), i corsi per apprendere specifiche abilità (come ad esempio la regolazione delle emozioni o la gestione dei conflitti interpersonali).
 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

artisti
artisti
lingua italiana
lingua italiana
popoli e culture
popoli e culture
medicina naturale
medicina naturale
antroposofia
antroposofia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
attualit
attualit
libri e recensioni
libri e recensioni
salute
salute
scienza
scienza
psicosomatica
psicosomatica
itinerari
itinerari
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
animali
animali
io non ci sto
io non ci sto


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!