Faredelbene.net



psicologia -> -> Insonnia


Insonnia




Il Termine Insonnia deriva dal latino insomnia e letteralmente significa mancanza di sogni. Nel Linguaggio comune Esso indica un'insufficiente continuità del Sonno.

 

Insonnia
Nella DEFINIZIONE di insonnia, quindi, all'aspetto di Insufficiente Durata e continuità del Sonno, obiettivamente controllabile in laboratorio, DEVE Essere associato Quello di insoddisfacente Qualità del Sonno, legato alla valutazione del servizio Soggettiva di ciascuno Sulle Proprietà riposanti del proprio Sonno.
InsonniaL'insonnia non e Una Malattia, MA e delle Nazioni Unite sintomo di svariate avere visionato patologiche psichiche o Fisiche, oppure di Alterati equilibri situazionali o Ambientali (Sudhansu Chokroverty., 2000). Essa Vienne frequentemente percepita dal Paziente Come Un Disturbo Primario, a causa del Suo Notevole Impatto esistenziale ea causa della Difficoltà di riconoscimento della vera patologia primaria Che ESSA sottende. I Parametri polisonnografici evidenziano Che NEGLI insonni il tempo di addormentamento E in generale aumentato indipendentemente dall'età, MENTRE Il Numero dei risvegli non sembra Essere particolarmente influenzato dall'insonnia. Tale osservAzione indurre ad Interpretare la Difficoltà ad iniziare il Sonno venire il disturbo dell'insonnia Primario dal Momento Che Esso E In Primo Piano SIA all'inizio del Sonno Sia in Occasione dei risvegli Durante la notte (Bergonzi P. et Al., 1992; Ferri R., 1996). Il tempo Totale di veglia degli insonni sembra influenzato dall'età, analogamente a Quello dei Normali.
L'insonnia TROVA la SUA Massima Espressione Durante le prime minerali della notte, indipendentemente dall'età. NEGLI insonni has been osservata Una rappresentazione generale degli Stadi del Sonno simile a Quella dei Normali Dormitori, ma Una maggior variabilità della percentuale di sonno REM da una notte all'altra. Risulta diminuita la percentuale di Sonno trascorsa Nello stadio 4, cioè dello Stadio Più Profondo e riposante del Sonno, Che Insieme alla Diminuzione del sonno REM, determinano delle Nazioni Unite Incremento degli Stadi Meno Profondi di Sonno, cioè lo stadio 1 e, ancor di Più lo stadio 2. Si puo quindi concludere Che in generale Gli insonni Cronici Hanno maggior Difficoltà ad addormentarsi, Hanno Più intrasonno veglia e veglia Totale Durante la notte, Hanno Una Notevole variabilità della Qualità e dell'efficienza del Sonno da una notte all'atra, possono Avere Più risvegli e delle Nazioni Unite Sonno Profondo Meno (Ferri R, Alicata F., 1995;. G. Coccagna, 2000). Dal punto di vista della Misura obiettiva dei Parametri Poligrafici del Sonno Si Può quindi concludere Che Nella popolazione generale esistono Coloro Che Dormono bene e non Hanno Problemi di Sonno, i cosiddetti "buoni Dormitori", e Coloro Che Dormono Meno bene o francamente maschile, i cosiddetti "Cattivi Dormitori", i Quali Hanno delle Nazioni Unite Sonno con le Caratteristiche sopra riferite, Che vengono generalmente attribuite Agli insonni Cronici. Questi Ultimi Sono per lo Più Cattivi Dormitori. Gli insonni Cronici Non Sono quindi Una popolazione omogenea per Quanto riguarda i Parametri Obiettivi del Sonno e, se alcuni di Essi effettivamente Dormono maschio, Altri non trovano Nel Laboratorio del Sonno obiettive spiegazioni al proprio Disturbo (G. Coccagna, 2000;. Sudhansu Chokroverty. , 2000). Accanto alla eterogenicità delle visionato Responsabili dell'insonnia, esiste ha ONU Notevole polimorfismo nell'espressione clinica di Disturbo racconto. In visionato Certe, l'insonnia Presenta infatti Caratteristiche peculiari Che la differenziano dall'insonnia che sì Realizza in visionato diverse, Anche se non raramente esiste ha Una breve sovrapposizione dei Suoi Aspetti clinici (Mancia M., 1996;. C. Barbui, 1998) . POSSIAMO suddividere le insonnie in:
Insonnia psicofisiologica;
Insonnia Associata un psichiatrici Disturbi;
Insonnia Associata all'uso di farmaci, Droghe ed alcol;
Insonnia Associata una Disturbi respiratori INDOTTI dal sonno;
Insonnia Associata al mioclono notturno e alla sindrome delle Gambe senza Riposo ;
Insonnia Associata un Malattie, un intossicazioni ea visionato Ambientali sfavorevoli;
Insonnia un esordio nell'infanzia;
Insonnia Associata a quadri polisonnografici inusuali;
pseudoinsonnia: i brevi Dormitori;
Insonnia Soggettiva senza corrispondenti reperti polisonnografici.
In Casi di Molti l'insonnia evolve parallelamente alla CONDIZIONE Che la ha innescata e puo Essere transitoria, ricorrente o di lunga Durata (G. Coccagna., 2000). In non Pochi Casi SI Presenta Come Un Disturbo cronico senza apparenti Connessioni con le visionato Che ne Hanno determinato l'esordio o addirittura senza Che sia possibile identificare evidenti Elementi causali. Una Volta Che SI E STABILITA, l'insonnia Cambia Il Modo di vivere dei Pazienti e Determina, SIA a Loro Che NEGLI Altri, Reazioni Che possono contribuire al mantenimento del Disturbo. Venite per OGNI affezione Cronica, also per l'insonnia E quindi Scorretto prendere in considerazione Unicamente La malattia e attribuire Tutta la sintomatologia Ai Fattori Che l'anno innescata. QUANDO un'insonnia Diventa Cronica, E in gioco Una Complessa Interazione di Fattori Che Vanno al di là di Quelli originariamente Responsabili del Disturbo (Lungaresi E., 2005;. G. Coccagna, 2000; Sudhansu Chokroverty., 2000).


 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Limiti, paure e aspettative

Ciò che ogni persona riesce a realizzare in questa Vita dipenderà da tre fattori: limiti, paure e aspettative.Noi siamo delle Anime che decidono di incarnarsi in un corpo allo scopo di realizzare il proprio progetto in questa dimensione spazio temporale. Quando, dopo aver preso in prestito un corpo materiale, nasciamo, siamo puri e liberi da condizionamenti e blocchi di sorta.

Man mano che andiamo crescendo, però, veniamo inquadrati nella massa di pecore chiamata comunemente popolo. Ciò avverrà attraverso il processo di programmazione comunemente chiamato “educazione”. Dal momento in cui cominceranno ad educarci, non saremo più liberi di percepire la nostra realtà personale, ma solo la realtà basata sulle altrui aspettative.

Quando il processo “educativo” sarà stato completato dai nostri programmatori (religiosi, genitori, superiori, allenatori e, in generale, tutti colori i quali sono incaricati della nostra “educazione”), noi non saremo più liberi e potenti. Da quel momento, infatti, saremo pieni di sovrastrutture mentali, paure e condizionamenti che limiteranno la nostra capacità d’agire e, di conseguenza, il nostro libero arbitrio.

Tre fattori, in particolare, giocheranno a nostro svantaggio: limiti, paure e aspettative. Essi costituiranno i maggiori ostacoli alla nostra realizzazione e libera espressione del Se. Voglio adesso analizzare in che modo andranno ad influire in maniera incisiva, quanto sabotante, nella realizzazione dei nostri progetti di Vita.

Comincio con i limiti o, meglio, con la loro presunta esistenza. Sì, perchè, in realtà NON CI SONO LIMITI, SOLTANTO PENSIERI RIGUARDANTI LA LORO PRESUNTA ESISTENZA! I limiti sono umani…. cosa importa a noi di loro, visto che siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio? Tuttavia, il mancato riconoscimento del Dio che è in noi, ci porta alla separazione e, di conseguenza, alla convinzione che esistano dei limiti che ci impediscono la libera espressione e realizzazione del nostro Se.

I limiti sono responsabili del secondo fattore che condiziona l’esistenza di gran parte degli umani: la paura. Se si crede di avere dei limiti, se ci si sente separati, impotenti e si reprime la creatività con l’eccessiva razionalità, è normale avere paura. Si ha paura di non farcela, del futuro, di essere giudicati, del rifiuto e potrei continuare ad elencare fino a domani.

ANCHE LA PAURA E’ UN’ILLUSIONE, UN’IDEA MALSANA PARTORITA DA UNA MENTE LIMITATA. PER SUPERARLA BASTA CONNETTERSI COL DIVINO, SMETTENDO DI SENTIRSI SEPARATI DA TUTTO IL RESTO. Tuttavia, la maggior parte delle persone cresce e vive nell’illusione di essere una creatura imperfetta, limitata e, di conseguenza, alimenta la paura di non essere all’altezza delle diverse situazioni che le si andranno a parare davanti nel corso del suo cammino terreno.

Come abbiamo visto, l’illusione di avere dei limiti porta ad avere paura di risultare inadeguati. La paura, a sua volta, crea una situazione di aspettativa. Cos’è un’aspettativa? L’aspettativa consiste nel riporre un’eccessiva fiducia sul fatto che una situazione debba andare sempre e comunque come previsto senza calcolare un seppur minimo margine di rischio (se volessi saperne di più, puoi leggere l’articolo da me recentemente pubblicato col titolo “Le aspettative” o acquistare il mio libro cliccando in alto a destra sull’immagine di copertina). Chi ha aspettative, è destinato a vivere nella delusione e nella paura.

Come vedete è un circolo vizioso: ci crediamo separati, da ciò nascono i limiti, dai limiti nascono le paure e, a completamento dell’opera, dalle paure nascono le aspettative. Questi tre fattori sono interconnessi ed interdipendenti. Sono un gioco ad incastro tipo le costruzioni della Lego.

Come si può uscire da questo circolo vizioso? Realizzando l’unità. Solo tornando all’Uno si può vivere liberi da condizionamenti, limiti, paure e aspettative. Solo capendo che TUTTO E’ PERFETTO E CHE NON SI DEVE CONTENTARE NESSUNO SI PUO’ VIVERE PRIVI DI CONDIZIONAMENTO NELLA GIOIA PIU’ CREATIVA.

Il primo passo per liberarsi dai tre fattori che rendono infelice l’umanità consiste nel riconoscere di non essere realizzati, di essere stati vittime di secoli di condizionamenti da parte dei nostri genitori, datori di lavoro, mezzi di comunicazione di massa e da tutti coloro i quali consapevolmente (chi vuole detenere il potere lasciandoci nell’ignoranza) o inconsapevolmente (i nostri genitori sono stati, a loro volta, educati in questo modo e tenderanno a trasmetterci ciò che per loro è giusto e buono per noi) hanno avuto un’influenza sul nostro processo di crescita ed educazione.

Impariamo a capire che NON CI SONO LIMITI. Quando capiremo di non avere limiti, ma solo idee sulla loro esistenza, potremo riprenderci il nostro potere che, in realtà, non avevamo mai perso, solo dimenticato a causa dell’educazione ricevuta. Superati i limiti e riconosciuta la divinità che è in noi come in tutto ciò che ci circonda, non potremo più avere paura di deludere nessuno e smetteremo di avere aspettative in quanto capiremo che TUTTO E’ PERFETTO E ARRIVA PER INSEGNARCI CIO’ DI CUI ABBIAMO BISOGNO PER CRESCERE ED EVOLVERE SU QUESTO PIANO DI ESISTENZA.

Vincenzo Bilotta

Fonte visionealchemica.com





Categorie

numerologia
numerologia
scomode verit
scomode verit
riflessioni
riflessioni
sesso
sesso
Vini e dintorni
Vini e dintorni
coppia
coppia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
simboli e archetipi
simboli e archetipi
itinerari
itinerari
scienza
scienza
musica
musica
amore e dintorni
amore e dintorni
fisica quantistica
fisica quantistica
vegan & co.
vegan & co.
misteri e paranormale
misteri e paranormale


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!