Faredelbene.net



psicologia -> -> Disturbi cognitivi


Disturbi cognitivi




I diturbi cognitivi sono tutte le alterazioni o disfunzioni nelle funzioni cognitive di cui si occupa il neuropsicologo

Le funzioni cognitive sono: attenzione, memoria, percezione, ragionamento.

Vediamo brevemente le funzioni cognitive di base:

-attenzione è la funzione che permette di isolare le informazioni pertinenti e rilevanti rispetto a un problema da risolvere o a un contesto, considerando le infinite informazioni in arrivo sia da dentro sia da fuori di noi;
-memoria è la funzione che riceve dai sistemi di apprendimento, ordina e archivia, recupera, ogni tipologia di informazione;
-percezione è la funzione che elabora gli stimoli interni e esterni che arrivano dai canali sensoriali;
-ragionamento è la funzione responsabile dei processi logici, tra cui importantissimo è il linguaggio.

Da queste funzioni basiche derivano le funzioni cognitive complesse:

-orientamento nello spazio, nel tempo, nelle relazioni con sè e con gli altri;
-linguaggio come competenza di gestire sistemi logici e simbolici;
-abilità prassiche sia come pianificazione, sia come esecuzione di prodotti finiti;
-funzioni esecutive che supervisionano tutte le funzioni cognitive dei livelli inferiori, e che, qualora danneggiate, causano gravi disturbi della intenzionalità;
-intelligenza è in realtà molte intelligenze ovvero molte funzioni che risolvono problemi complessi. Il Q.I. è una misura dell’intelligenza scolastica, e non una misura delle intelligenze artistiche e tecniche.

Data questa definizione, è chiaro che i disturbi cognitivi sono:

[partendo dalle prime età del ciclo di vita per arrivare infine alla terza & quarta età]

l’autismo, i disturbi specifici dell’apprendimento (es. dislessia), il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, le sequele di incidenti stradali o lavorativi, i comportamenti associati alla dipendenza da sostanze o dal gioco d’azzardo, le pseudodemenze a base depressiva, le demenze nelle loro varie tipologie.
Un interessante caso di disturbo cognitivo – generalmente non considerato tale – è la falsa testimonianza inconsapevole, che interessa: attenzione, memoria, percezione, ragionamento. Oltre 2.000 studi scientifici (dato del 2013) hanno dimostrato che i resoconti e le identificazioni dei testimoni oculari sono falsi per un terzo del totale esaminato. Il ricordo e la testimonianza sono perciò temi delicatissimi in psicoterapia, dove può accadere che il paziente creda vere situazioni traumatiche che possono benissimo non essere mai accadute. E nel caso di consulenze / perizie giuridiche è altrettanto importante che lo psicologo sappia valutare i rischi di una falsa testimonianza inconsapevole ma convincente, dato che la memoria umana è suggestionabile in base a criteri ben noti alla psicologia cognitiva.

 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

astrologia
astrologia
coppia
coppia
arte
arte
cucina
cucina
scomode verit
scomode verit
medicina
medicina
bambini
bambini
religioni
religioni
miti e leggende
miti e leggende
amore e dintorni
amore e dintorni
misteri e paranormale
misteri e paranormale
antroposofia
antroposofia
significato dei colori
significato dei colori
musica
musica
mamme
mamme


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!