Faredelbene.net



psicologia -> -> Cos' il disturbo psicologico


Cos' il disturbo psicologico




Il disturbo psicologico consiste in uno stato di disagio emotivo percepito soggettivamente accompagnato da difficoltà nelle attività della vita quotidiana, nel lavoro o a scuola, oppure nei rapporti interpersonali e familiari

 Dire se una persona è affetta o no da un disturbo psicologico non si basa su esami medici quali una risonanza magnetica al cervello o delle analisi del sangue.
Il primo passo è venire a patti con la situazione attuale, accettare la propria condizione di sofferenza e di confusione interiore per poi decidere di prendersi cura di sé. Cogliendo il proprio disagio e dandogli un nome, le persone possono ridimensionare le proprie paure e riacquistare la fiducia di poter fare qualcosa, di poter intervenire, magari con l’aiuto di un professionista della salute mentale, per poter acquistare un senso di potere personale e di benessere.

Le principali categorie di disturbi psicologici sono:

Dipendenze patologiche: quando la ricerca del piacere o dell'eccitazione è esagerata e senza controllo, come ad esempio nell’ Alcolismo, la Dipendenza da Internet, la Dipendenza dal gioco d’azzardo o la Dipendenza da sostanze.

Disturbi cognitivi: caratterizzati da una compromissione delle cosiddette funzioni razionali, quali la capacità di ragionamento, la memoria, l’attenzione, il linguaggio. Esempi di disturbi cognitivi sono la malattia di Alzheimer e l’Amnesia.

Disturbi d’ansia: in cui l'ansia ricorre cronicamente ed influisce pesantemente nella vita delle persone, come nel caso degli Attacchi di panico, le Fobie, il Disturbo d’ansia generalizzato, il Disturbo post-traumatico da stress, il Disturbo acuto da stress e il Disturbo ossessivo-compulsivo.

Disturbi alimentari: caratterizzati da una cronica e inadeguata modalità di alimentarsi, come nel caso dell’Anoressia, la Bulimia, il Disturbo da alimentazione incontrollata (Binge eating disorder).

Disturbi del controllo degli impulsi: caratterizzati dall’incapacità di resistere all’impulso di compiere un’attività pericolosa, come nella Cleptomania, la Piromania, la Tricotillomania, la Dermatillomania, il Disturbo del controllo della rabbia, il Disturbo esplosivo intermittente.

Disturbi del sonno: caratterizzati da anomalie della quantità, della qualità o del ritmo del sonno o da comportamenti inconsueti che si verificano durante il sonno, come nell’Insonnia, l'Ipersonnia, la Narcolessia, il Disturbo del sonno legato alla respirazione, il Disturbo del ritmo circadiano del sonno, il Disturbo da incubi, il Terrore del sonno (Pavor nocturnus), il Sonnambulismo.

Disturbi dell’adattamento: in cui, rispetto ad un evento difficile della vita, la persona risponde in modo eccessivo tale da danneggiare il proprio funzionamento a livello sociale o lavorativo.

Disturbi dell’infanzia/adolescenza: sono i disturbi diagnosticati solitamente per la prima volta nell’infanzia, nella fanciullezza o nell’adolescenza. Esempi di tali disturbi sono: i Disturbi da tic, i Disturbi del comportamento dirompente, i Disturbi dell’apprendimento (Dislessia, Discalculia, Disgrafia), i Disturbi della comunicazione, i Disturbi della nutrizione e dell'alimentazione, i Disturbi dell'evacuazione (Encopresi, Enuresi), il Disturbo d’ansia di separazione, il Disturbo da deficit dell’attenzione (ADHD), i Disturbi pervasivi dello sviluppo, il Mutismo selettivo, il Ritardo mentale.

Disturbi dell’umore: in cui le alterazioni del tono dell'umore sono tali da danneggiare il funzionamento a livello sociale, lavorativo o scolastico. Ad esempio: la Depressione, il Disturbo maniaco-depressivo (Bipolare).

Disturbi di personalità: modi di comportarsi stabili nel tempo che sono dannosi o che provocano disagio alla persona. I Disturbi di personalità maggiormente diffusi sono: l’Antisociale, il Borderline, il Dipendente, l’Evitante, l’Istrionico, il Narcisistico, l’Ossessivo-compulsivo, il Paranoide, lo Schizoide, lo Schizotipico.

Disturbi dissociativi: caratterizzati da profondissime alterazioni della coscienza. La persona può arrivare ad assumere una nuova personalità o dimenticare intere parti della propria vita. Sono Disturbi dissociativi: l’Amnesia dissociativa, la Fuga dissociativa, il Disturbo dissociativo dell’identità (Disturbo da personalità multipla), il Disturbo di depersonalizzazione.

Disturbi fittizi: in cui la persona simula intenzionalmente una malattia, ma non per ottenere vataggi economici o materiali, ma per ricevere le cure e le attenzioni psicologiche che solitamente riceve un malato.

Disturbi psicotici: caratterizzati da sintomi gravissimi quali l’allucinazione e il delirio. Sono Disturbi psicotici: il Disturbo delirante, il Disturbo piscotico condiviso, il Disturbo psicotico breve, il Disturbo schizoaffettivo, il Disturbo schizofreniforme, la Schizofrenia.

Disturbi sessuali: in cui il proprio comportamento sessuale provoca disagio a sé o agli altri, come ad esempio nei Disturbi del desiderio sessuale, i Disturbi da eccitazione sessuale, i Disturbi dell’orgasmo, i Disturbi del dolore sessuale, le Parafilie (Esibizionismo, Feticismo, Frotteurismo, Pedofilia, Masochismo, Sadismo, Feticismo di travestimento, voyeurismo), i Disturbi dell’identità di genere.

Disturbi somatoformi: in cui vi sono problemi fisici senza che si riesca però ad individuare una causa organica. Sono i cosiddetti Disturbi "psicosomatici" che creano confusione e imbarazzo nella medicina ufficiale più tradizionale e materialista. I Disturbi somatoformi sono di origine psicologica e si suddividono in: Disturbo di somatizzazione, Disturbo somatoforme indifferenziato, Disturbo di conversione, Disturbo algico, Ipocondria, Disturbo di disformismo corporeo.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
news
news
sesso
sesso
diete
diete
casa
casa
riflessioni
riflessioni
miti e leggende
miti e leggende
tradizioni
tradizioni
stile & bon ton
stile & bon ton
amore e dintorni
amore e dintorni
Vini e dintorni
Vini e dintorni
numerologia
numerologia
astronomia
astronomia
libri e recensioni
libri e recensioni
musica
musica


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!