Faredelbene.net



psicologia -> 11 cose che solo le persone sensibili possono capire


11 cose che solo le persone sensibili possono capire




La sensibilità è una condizione dello spirito che ti permette di recepire molte più cose con molta più intensità rispetto alle persone normali. I vantaggi sono notevoli, si colgono aspetti della vita nascosti e imperscrutabili per molte persone, ma a volte questo eccesso di sensibilità può portare sofferenza. Vediamo quali sono le cose che solo le persone sensibili possono capire.


1. Percepisci il dolore degli altri
Una vera rogna. Già nella vita il proprio dolore basta e avanza ma le persone sensibili hanno anche quella particolare ricettività che gli fa sentire la sofferenza provata dalle persone che gli stanno intorno. Per quanto questa caratteristica renda la persona sensibile un essere speciale – tanto da sperare di averlo come amico – spesso dover sopportare carichi multipli di disgrazie diventa davvero un’impresa difficile.

2. Ti commuovi spesso
La lacrimuccia da commozione è sempre pronta a spuntare dagli occhi. Che si tratti di un film romantico, di un romanzo profondo, di un politico che finisce in galera, la persona sensibile reagisce alle emozioni forti con un caldo pianto. Questo può essere fastidioso per gli uomini sensibili, perché il mito del maschio forte sopravvive ancora, e frignare a dirotto guardando Guardia del Corpo o Love Actually purtroppo è considerato ancora segno di debolezza.

3. Ogni cosa è amplificata
Dalle persone sensibili qualsiasi avvenimento della vita viene vissuto in maniera epica. Questo fa si che ogni gioia sia pienamente colorata di migliaia di sensazioni di piacere, ma anche che ogni dolore sia percepito come la fine del creato.

4. I film violenti ti paralizzano
I film violenti e i thriller rappresentano una dura prova per i nervi delle persone sensibili. Mentre alcune persone gioiscono nel guardare horror e splatter, godendosi qualche gustoso snack durante la visione, la persona sensibile non riesci a capacitarsi come possa esistere gente in grado di mantenere tale distacco da immagini così raccapriccianti. Spesso se costretti a visionare una di queste opere non riescono a dormire per settimane.

5. Le critiche ti abbattono
Le persone sensibili sono molte ricettive nei confronti del giudizio degli altri, e non riescono mai a distaccarsene come le persone con poca sensibilità. Per questo una critica può rappresentare una profonda ferita per la persona sensibile, ma anche il motore per fare qualcosa di straordinario.


6. Vieni colto dalla malinconia senza motivo
Purtroppo con l’aumentare della sensibilità aumenta anche la conoscenza delle cose, e con la conoscenza viene anche la sofferenza. Per questo le persone sensibili vengono colte da momenti di malinconia, spesso senza motivo, semplicemente perché non possono fare a meno di provare tristezza, come se si perdessero comunque qualcosa che valesse la pena essere provato.

7. La bellezza ti paralizza
Spesso le persone sensibili vengono abbagliate dalla bellezza, da un quadro, da un’opera d’arte, da un tramonto, da una foglia che cade. È una sorta di estasi che le persone normali non riusciranno mai a comprendere, un incanto straordinario che rappresenta uno dei maggiori vantaggi della sensibilità, sempre se non sfocia in Sindrome di Stendhal.

8. Sei un grande osservatore
Le persone sensibili sono naturalmente portate a ricercare il dettaglio in tutte le cose Hanno uno spiccato spirito d’osservazione che permette di accorgersi dei cambiamenti del mondo esterno prima degli altri.

9. Le tragedie ti colpiscono profondamente
Assistere a un incidente stradale, a un malore di un senzatetto, a un tragedia quotidiana può rappresentare un’esperienza decisamente forte per la persona sensibile. Spesso la visione di tali accadimenti può portare a giorni interi di angoscia e paura.

10. Riesci a leggere le emozioni degli altri
Uno degli enormi vantaggi è rappresentato dal riuscire a leggere le emozioni degli altri. Difficilmente si riesce a nascondere qualcosa a una persona sensibile, che possiede un naturale talento nel leggere il linguaggio del corpo e gli sguardi degli interlocutori. Per questo le persone sensibili scoprono i tradimenti anche solo dal tono della voce al telefono, rendendole impossibili da fregare ma scarsi beneficiari della serenità data dal credere alle menzogne.

11. Spesso gli altri ti considerano fragile
Infine le persone sensibili sono spesso accusate di essere deboli. Sicuramente per molti aspetti questo è vero, ma considerando che l’essere umano ha raggiunto il più alto grado di evoluzione in natura proprio per superare la sua innata fragilità rispetto alle altre bestie, si può anche dire che il mondo cambia solo grazie alle persone sensibili.

Fonte oltreuomo

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

itinerari
itinerari
artisti
artisti
astrologia
astrologia
autismo
autismo
sesso
sesso
io non ci sto
io non ci sto
lingua italiana
lingua italiana
medicina naturale
medicina naturale
beneficenza
beneficenza
coppia
coppia
religioni
religioni
antroposofia
antroposofia
salute
salute
vegan & co.
vegan & co.
lavori creativi
lavori creativi


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!