Faredelbene.net



news -> Dimmi il tuo gruppo sanguigno e ti dir che memoria hai


Dimmi il tuo gruppo sanguigno e ti dir che memoria hai




Alcuni studiosi americani sostengono di aver individuato una correlazione tra gruppo sanguigno e rischio di sviluppare problemi alle funzioni cognitive

Se nelle vostre vene circola il sangue appartenente al gruppo più raro, potreste avere buone probabilità di andare incontro a disturbi della memoria da anziani: non è una minaccia, ma la conclusione di un recente studio curato da un gruppo di ricercatori della University del Vermont e reso noto attraverso un paper pubblicato da Neurology, la rivista medica dell'Accademia Americana di Neurologia. Il lavoro avrebbe individuato nelle persone con gruppo sanguigno AB una più alta possibilità di sviluppare deficit cognitivi legati all'età avanzata rispetto a quelle con gli altri gruppi sanguigni.

Lo studio

Il tipo AB rappresenta il gruppo sanguigno umano meno comune esistente in natura: in Italia, ad esempio, è riscontrato nel 3% della popolazione mentre negli Stati Uniti la cifra si aggira attorno al 4%. Già in passato, altri si erano occupati di individuare una possibile associazione tra gruppo sanguigno e disturbi vascolari: i risultati avevano evidenziato come gli individui di sangue 0 presentassero un rischio minore di andare incontro a malattie cardiache o ad ictus, fattori entrambi in grado di incrementare in diverse maniere il rischio di perdite di memoria, di difficoltà nel linguaggio e di cali dell'attenzione. I ricercatori guidati, dalla dottoressa Mary Cushman, hanno quindi pensato di approfondire la questione concentrandosi proprio sui disturbi da declino cognitivo: a tal fine, il gruppo ha preso in analisi i dati provenienti da circa 30.000 individui residenti negli USA, sia caucasici sia afroamericani, precedentemente arruolati in un più ampio studio chiamato REGARDS (Reasons for Geographical and Racial Differences in Stroke).

Durante il periodo di follow-up, durato tre anni e mezzo, sono stati identificati 495 soggetti che avevano sviluppato un indebolimento delle facoltà cognitive. Per proseguire nello studio, quindi, il gruppo è stato confrontato con un gruppo di controllo composto da 587 persone che non presentavano alcun problema alla memoria. Ne è emerso che il 6% degli individui con disturbi delle funzioni cognitive aveva gruppo sanguigno AB, ossia una percentuale più alta rispetto a quella sulla popolazione degli Stati Uniti. Combinando questo dato con tutti i parametri relativi all'età, alla razza, al sesso e alla regione di provenienza dei partecipanti, si è concluso che coloro i quali hanno il gruppo sanguigno AB risultano avere un rischio aumentato dell'82% di esperire, in età avanzata, problemi legati alla memoria, al linguaggio e alla capacità di attenzione, rispetto a quelli di gruppo 0, A o B.

Un legame tra gruppo sanguigno, malattie vascolari e demenze senili?

Benché tali manifestazioni di declino cognitivo siano per lo più indicative di un principio di demenza, lo studio non ha guardato al rischio di sviluppare una particolare forma di demenza, ma è probabile che ricerche ulteriori approfondiscano proprio questo aspetto. In una seconda parte dell'indagine, i ricercatori hanno, inoltre, esaminato i livelli nel sangue dei partecipanti del Fattore VIII, ossia la glicoproteina codificata da un gene che svolge un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue. Hanno così potuto osservare come quelli con livelli più alti di Fattore VIII presentassero un rischio più alto di andare incontro a declino cognitivo: non a caso, i livelli medi di questo fattore erano effettivamente più elevati in coloro i quali avevano sangue di tipo AB rispetto a quelli con sangue di tipo 0.

«Il nostro studio guarda al gruppo sanguigno e al rischio correlato di indebolimento delle funzioni cognitive, ma diversi studi hanno già mostrato come fattori come la pressione e il colesterolo alti o il diabete possano aumentare il rischio di declino cognitivo e di demenza» ha spiegato la dottoressa Cushman «Il gruppo sanguigno è anche collegato ad altri problemi cardiovascolari, come quelli che portano all'ictus, quindi i nostri risultati evidenziano quali sono le connessioni tra problemi vascolari e salute del cervello». Una ricerca e delle conclusioni molto interessanti che, però, per essere provate necessiteranno di ulteriori studi che dimostrino in che modo il gruppo sanguigno AB causi un rischio più elevato di andare incontro a disturbi della memoria da anziani e, eventualmente, a demenze senili.

Fanpage.it

 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

significato dei colori
significato dei colori
religioni
religioni
scienza
scienza
storia
storia
pedagogia
pedagogia
antroposofia
antroposofia
io non ci sto
io non ci sto
popoli e culture
popoli e culture
misteri e paranormale
misteri e paranormale
vegan & co.
vegan & co.
musica
musica
bambini
bambini
autismo
autismo
significato sogni
significato sogni
miti e leggende
miti e leggende


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!