Faredelbene.net



news -> NOTIZIA SHOCK: Il latte la causa principale del cancro


NOTIZIA SHOCK: Il latte la causa principale del cancro




Molti di noi da bambini si sono sentiti raccontare la bella storia della mucca che viveva felice nel pascolo e che non vedeva l’ora di fare tanto latte buono per dare da mangiare a tutti i bimbi fortunati

Diciamolo pure, ma siamo tutti cresciuti col mito che bisognava bere tanti latticini per avere ossa forti e per non ammalarsi; i miti spesso però sono solo miti, peggio ancora se sono stati costruiti ad hoc basandosi su informazioni false e tendenziose allo scopo di creare imperi finanziari.

Da quando, sia in Italia che all’Estero, si è formato il colosso dell’industria casearia non c’è più stato scampo per gli ignari consumatori e, tramite il controllo dell’informazione, ben presto il mito del calcio e del bere latte ha fatto il giro del mondo, diventando realtà inviolabile nella mente delle persone.

Intanto in questi ultimi 30 anni sono state svolte moltissime ricerche che volente o nolente hanno dimostrato che la realtà in fatto di nutrizione e nello specifico di nutrizione delle ossa è molto differente da quella che ci è stata propinata.

Il mito del calcio per fortificare le ossa e avere una vecchiaia in salute però, nonostante nel mondo vegan ormai sia ormai solo più un mito, rimane ancora una realtà inviolabile per i più, proprio a causa del continuo martellamento che i media fanno quotidianamente senza tregua.

Dose giornaliera raccomandata esagerata

Il fabbisogno di calcio per l’essere umano è stato alzato dall’industria casearia nel 1994 fino a 1000 mg al giorno, nel 1997 a 1200 e nel 2001 a 1500 mg per vendere milioni di litri di latte.

Il fabbisogno reale risulta essere molto più basso di quanto si dicesse, infatti già nel 2007 in tutta Europa è stato riportato a 700 milligrammi al giorno e a 400 per gli adolescenti!

Addirittura devi sapere che le raccomandazioni per il calcio della FAO/WHO Expert Group erano per gli adolescenti di 350 mg e per le donne in gravidanza di 500 mg al giorno.

In Cina, in Zambia e in altri paesi in cui l’incidenza di fratture osee era quasi nulla, le persone avevano un introito di calcio che andava da 250 fino a 400 mg al giorno (Hunt 2007).

Nonostante questi numeri, continuiamo a essere bombardati da pubblicità ingannevoli, fuorvianti e dannose per la salute.

I danni causati dal consumo di latticini

In un articolo in cui si parla di calcio non si può non parlare dell’argomento direttamente più correlato: latte e derivati.
Infatti è senza dubbio vero che le ossa contengono calcio e ne sono la maggiore riserva; ma che cosa dobbiamo fare per mantenerle sane o per recuperarle se malate?

Semplice, la scienza ci ha fornito la risposta da anni: consumare più latticini, fonte primaria di calcio!!

Ma sarà proprio così? Da innumerevoli ricerche effettuate nello studio Cina dal dottor Campbell e il suo team, i dati ottenuti hanno mostrato risultati molto differenti.

Infatti anni di studi e osservazioni hanno evidenziato che quando il consumo di proteine animali aumenta, si registra un aumento diretto di acidità tissutale e scatta il pericoloso fenomeno dell’acidificazione del sangue.

L’acidità dei tessuti non può essere tollerata a lungo dal sistema immunitario, il quale corre ai ripari e si protegge con l’unico meccanismo che conosce: cercando tamponi basici che servono a legare gli acidi accumulati.

Il maggiore tampone basico che possiede il nostro corpo è proprio il calcio organico, sostanza alcalina che viene prontamente prelevata dalle ossa per far fronte all’acidosi.

Comincia a delinearsi una serie di indizi che ci porta a definire un primo paradosso, quello dei latticini, infatti la maggior parte delle persone, pressantemente persuasa dai media, si sforza suo malgrado di consumare una buona dose di latticini con la convinzione di rinforzare le proprie ossa, ma al contrario crea le basi per una perdita di calcio organico!

Il paradosso del calcio

Che il consumo di latticini crei acidità tissutale e indebolisca le ossa è ormai risaputo, almeno nel mondo vegan.

Quello che viene sottolineato molto meno è quello che io definisco “il paradosso del calcio”.

Osservando il semplice grafico qui sotto, possiamo notare come proprio nei paesi occidentali dove viene fatto il maggior consumo di latte e derivati, si registra il maggior tasso di fratture dell’anca in assoluto.

Il tasso percentuale di frattura dell’anca è il valore che di solito viene preso come riferimento della salute ossea di una nazione: se poche persone hanno questo problema si presume che la salute ossea media in età anziana sia buona.

Grafico tratto da: “The China Study”

Come puoi vedere pare proprio che il consumare grandi quantità di latticini non protegga la salute delle ossa, ma anzi, tutt’altro. Proprio gli USA per esempio, grandi consumatori di latte, sono i primi ad accusare un elevato problema di fragilità ossea!

Il prof. Mark Hegsted, a cui si devono i dati del grafico precedente, ha sostenuto fin dagli anni ’80 come una dose di calcio maggiore al necessario per un lungo periodo sia responsabile di creare uno squilibrio nell’assorbimento e nell’escrezione del calcio, tramite una scompensazione dell’ormone calcitriolo, una forma attiva di vitamina D.

Ecco quindi il paradosso del calcio: veniamo spinti a consumarne troppo per curare le ossa, ma troppo calcio squilibra il metabolismo dello stesso in modo che il corpo non riesce più a capire quando e come assorbirlo.

La conseguenza è un aumento vertiginoso dell’osteoporosi oltre i 60 anni di età.

Ecco alcuni dei danni causati dall’assunzione di latticini:

Acidificazione tissutale;
Allergie;
Asma;
Osteoporosi;
Disbiosi intestinale;
Fragilità ossea

Ricapitolando ecco 5 buoni ragioni per smettere di consumare latte e derivati:

1. i latticini acidificano il sangue, costringendoci a consumare le nostre riserve di calcio organico;
2. i latticini contengono troppo calcio, mandando in tilt la nostra capacità di assorbimento;
3. i latticini sono prodotti causando enormi sofferenze al mondo animale;
4. la produzione di latticini è grande fonte di inquinamento;
5. verdure a foglia verde, semi e noci sono ricchi di calcio e di altri importanti micronutrienti.

A questo punto la domanda che dovremmo porci è: vogliamo continuare a bere il latte di un altro mammifero per tutta la vita sottoponendo il nostro corpo a pesanti ripercussioni oppure vogliamo cominciare a mangiare i frutti della natura che ci sono stati messi gentilmente a disposizione come medicina naturale e universale?

Notizia bomba è uscita sulla TV nazionale russa più seguita in assoluto. I medici russi hanno dichiarato pubblicamente sul loro canale più famoso il 20 gennaio 2013 che latte e derivati sono molto dannosi per la salute. In queste immagini dicono chiaramente di essere a conoscenza da almeno 2 anni di studi scientifici durati per 10 anni forniti anche dalla più famosa università di Harvard. Hanno elencato le malattie provocate dal consumo di latticini: cancro alla prostata, morte precoce e malattie cardiovascolari. Le proteine del latte, dicono sempre i medici nel programma televisivo, sono potenti allergeni per il nostro organismo. E’ stata un’emozione, sono cresciuta con questo programma televisivo e finalmente mi ha rivelato la verità.

Latte vaccino e derivati dichiarati nocivi in Russia

Notizia bomba è uscita sulla TV nazionale russa più seguita in assoluto. I medici russi hanno dichiarato pubblicamente sul loro canale più famoso il 20 gennaio 2013 che latte e derivati sono molto dannosi per la salute. In queste immagini dicono chiaramente di essere a conoscenza da almeno 2 anni di studi scientifici durati per 10 anni forniti anche dalla più famosa università di Harvard. Hanno elencato le malattie provocate dal consumo di latticini: cancro alla prostata, morte precoce e malattie cardiovascolari. Le proteine del latte, dicono sempre i medici nel programma televisivo, sono potenti allergeni per il nostro organismo. E’ stata un’emozione, sono cresciuta con questo programma televisivo e finalmente mi ha rivelato la verità.

Fonte: 1channel

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



abuso degli antibiotici

Il  largo uso di antibiotici ha creato una resistenza ai microbi è diventata una problematica sanitaria in tutto il mondo della medicina.L’abuso di antibiotici o altri farmaci, porta alla loro minor efficacia con gravi rischi per la salute umana. Ricordiamo che, è sempre necessario il parere si un medico professionista prima di iniziare una qualsiasi cura farmacologica.Abbiamo parlato spesso di come, negli ultimi periodi l'utilizzo dei farmaci stia prendendo un largo uso, 

e di come ancora molte persone sono quasi ignare degli effetti negativi che, questi provocano alla nostra salute.In particolar modo nel periodo caldo,ovvero in Estate, è importante avere maggiori accortezze riguardo l'uso dei farmaci, o di come essi vanno conservati.

Per quanto riguarda la conservazione o il trasporto dei farmaci durante il periodo estivo deve essere prestata adeguata attenzione ed il medico ma anche il dentista deve sensibilizzare il propri paziente a prestare attenzione per garantirne l'integrità e l'efficacia. Alcuni farmaci inoltre, per via del loro meccanismo d'azione, possono interferire con la termoregolazione o alterare lo stato di idratazione dell'organismo, amplificando gli effetti del caldo.

l'AIFA (l'Agenzia del Farmaco) ci ricorda come, il periodo estivo possa avere effetti negativi sulla conservazione dei nostri farmaci, e sul loro portale pubblicano una guida per il paziente con utili suggerimenti per evitare gli spiacevoli inconvenienti legati alla cattiva conservazione (o trasporto) dei medicinali in presenza di temperature elevate.

L'opuscolo, invita l'Agenzia del farmaco," potrà essere condiviso e diffuso dagli operatori sanitari, che avranno a disposizione uno strumento in più per sensibilizzare il paziente su queste buone pratiche a tutela della salute".

Classiche indicazioni per il dentista:

• Seguire le indicazioni date dal produttore del farmaco

• Conservarli al riparo dalla luce, dal calore e dall'umidità, in armadi chiusi e locali adeguati

• Se sul foglietto illustrativo non sono indicate temperature di conservazione, la temperatura di conservazione è tra 8°C e 30°C. Attenzione che in una giornata estiva in un ambiente chiuso e senza aria condizionata questa temperatura si supera facilmente
Nel frigorifero, adatto e diverso da quello utilizzato dallo studio per bibite ed altri alimenti, devono essere riposti i farmaci la cui conservazione è indicata tra i 2 e gli 8 gradi
Per i medicinali, che non devono essere conservati al di sotto di 25°C, è necessario un frigorifero od un ambientela cui temperatura sia controllata





Categorie

stile & bon ton
stile & bon ton
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
bonus e incentivi
bonus e incentivi
amore e dintorni
amore e dintorni
autismo
autismo
scomode verit
scomode verit
popoli e culture
popoli e culture
bambini
bambini
antroposofia
antroposofia
psicologia
psicologia
pedagogia
pedagogia
lingua italiana
lingua italiana
io non ci sto
io non ci sto
astronomia
astronomia
significato dei colori
significato dei colori


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!