Faredelbene.net



news -> E' morto Joe Cocker


E' morto Joe Cocker




A 70 anni muore Joe Cocker, la voce graffiante del Rock

Il cantante era malato da tempo di una malattia incurabile. Si è spento nel suo ranch in Colorado.
Joe Cocker è morto all'età di settant'anni, era malato da tempo di carcinoma polmonare. Una vita sul palco, scandita dalle mani che solo lui ha mosso così, con le dita aperte, a segnare il tempo, i gomiti stretti al fianco, il mento proteso verso l'alto. Si è spento nel suo ranch a Crawford, in Colorado. A dare l'annuncio è stato il sito internet della Bbc avvertito dal suo agente, Barrie Marshall, al suo fianco da trent'anni: "Era semplicemente unico, sarà impossibile riempire il vuoto che lascia nei nostri cuori". E un addolorato Zucchero Fornaciari, che ricorda il rapporto stretto, di affetto e di comunanza artistica, con l'amico scomparso.

Cocker era nato a Sheffield, in Inghilterra, come John Robert Cocker il 20 maggio 1944 e lì aveva cominciato la sua carriera mentre imparava il mestiere di idraulico. Presto, come accadeva più frequentemente allora, iniziò a 15 anni con il nome di Vance Arnold, divenne un membro degli Avengers poi dei Big Blues nel 1963 e infine della Grease Band, tre anni dopo nel 1966. Cocker amava il blues e il soul ma quelli erano anni d'oro nel Regno Unito. La musica esplodeva con suoni nuovi, i Beatles erano ovunque e cambiavano la percezione dei suoni. Il primo singolo con cui si fece notare fu proprio una cover dei Fab Four, 'I'll Cry Instead', dall'album 'A Hard Day's Night'. Ma fu la sua apparzione a Woodstock a consacrarlo. Joe Cocker uscì all'inizio, cantò il terzo pezzo del concerto cominciato alle 17.07 di venerdì15 agosto 1969. Uscì davanti alla folla di ragazzi e cantò 'With a Little Help from My Friends'.a i primi a commentare la sua scomparsa Eric Clapton. 

E un addolorato Zucchero Fornaciari, che ricorda il rapporto stretto, di affetto e di comunanza artistica, con l'amico scomparso.Cocker era nato a Sheffield, in Inghilterra, come John Robert Cocker il 20 maggio 1944 e lì aveva cominciato la sua carriera mentre imparava il mestiere di idraulico. Presto, come accadeva più frequentemente allora, iniziò a 15 anni con il nome di Vance Arnold, divenne un membro degli Avengers poi dei Big Blues nel 1963 e infine della Grease Band, tre anni dopo nel 1966. Cocker amava il blues e il soul ma quelli erano anni d'oro nel Regno Unito. La musica esplodeva con suoni nuovi, i Beatles erano ovunque e cambiavano la percezione dei suoni. Il primo singolo con cui si fece notare fu proprio una cover dei Fab Four, 'I'll Cry Instead', dall'album 'A Hard Day's Night'. Ma fu la sua apparzione a Woodstock a consacrarlo. Joe Cocker uscì all'inizio, cantò il terzo pezzo del concerto cominciato alle 17.07 di venerdì15 agosto 1969. Uscì davanti alla folla di ragazzi e cantò 'With a Little Help from My Friends'.Cocker ha stregato diversi cantautori italiani. Oltre Zucchero, con Eros Ramazzotti nel 1998 aveva cantato 'That's All I Need to Know', nell'album 'Eros live'. Lo ricordano su Twitter Eros Ramazzotti e Gianna Nannini, che sul social ha ricordato il loro incontro.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

I mudra, cosa sono e come si eseguono

Il termine  Mudra che racchiude molti significati: un gesto, una posizione mistica delle mani, un sigillo o persino un simbolo, ma vengono chiamate mudra anche delle posizioni degli occhi, del corpo e delle tecniche di respirazione. Queste posizioni simboliche possono raffigurare vividamente alcuni stati o processi della consapevolezza; viceversa, posizioni specifiche sono in grado di evocare gli stati di consapevolezza che simboleggiano.

Che cosa significa tutto questo, in termini concreti? I mudra impegnano alcune zone del cervello e/o dell’anima e allo stesso tempo esercitano una specifica influenza su di esse, oltre a essere efficaci anche a livello fisico. Queste tecniche, che sembrano tanto semplici, sono doni estremamente preziosi tramandati dai grandi maestri di yoga illuminati dei tempi antichi. In India i mudra sono una componente riconosciuta di tutte le attività religiose e, insieme alle posizioni delle braccia (hasta), sono particolarmente significativi nella raffigurazione degli dei induisti, di cui rappresentano anche le caratteristiche peculiari. Sono altrettanto familiari nella danza indiana, dove le mani, gli occhi e i movimenti del corpo esprimono la narrazione senza bisogno di parole.

Come praticare i mudra?
È molto semplice: muovete le mani e posizionate le dita come sono raffigurate nelle illustrazioni degli articoli che seguiranno. La pressione delle dita deve essere molto leggera e piacevole, le mani devono essere rilassate. Forse vi accorgerete che non è così semplice! Le dita sono rigide, le mani si stancano facilmente e non riescono a mantenere la posizione. La flessibilità delle mani, infatti, è direttamente collegata con la flessibilità del corpo intero: con il tempo le tensioni si dissolveranno sia nelle mani e nelle dita sia nelle zone corrispondenti del corpo. Eseguite i mudra il meglio possibile e gli effetti si manifesteranno in ogni caso. I mudra possono essere eseguiti da seduti, da sdraiati, in piedi e mentre si cammina. Assicuratevi che la vostra posizione sia simmetrica e centrata, il più rilassata e sciolta possibile. L’effetto viene accelerato e intensificato quando assumete una posizione di meditazione e, allo stesso tempo, vi concentrate sulle mani e osservate la respirazione.

Dove e quando praticare i mudra?
I mudra si possono eseguire quasi in ogni luogo e circostanza, ma soltanto quando siamo anche capaci di ritrarci in noi stessi praticamente in qualsiasi luogo e circostanza. In realtà non è poi così difficile, si può imparare, come qualsiasi altra cosa. I momenti migliori per praticare i mudra sono quelli prima di alzarsi la mattina e prima di addormentarsi la sera, oppure prima o dopo i pasti, quando si sta camminando (tutti abbiamo bisogno di camminare un po’ durante il giorno, per andare da qualche parte), sui trasporti pubblici o durante le pause sul lavoro.

L’effetto di un mudra può essere percepito immediatamente o solo dopo un certo periodo di tempo. Cominciate a sentire un certo calore, il senso di disagio e il dolore svaniscono, l’umore migliora e la mente è più fresca, ma all’inizio può accadere esattamente l’opposto: vi sentite stanchi o avete freddo e brividi. Anche questi sono sintomi positivi dell’azione del mudra.





Categorie

riflessioni
riflessioni
autismo
autismo
libri e recensioni
libri e recensioni
bonus e incentivi
bonus e incentivi
pedagogia
pedagogia
scienza
scienza
casa
casa
filosofia
filosofia
sesso
sesso
lingua italiana
lingua italiana
significato sogni
significato sogni
scuola
scuola
amore e dintorni
amore e dintorni
numerologia
numerologia
io non ci sto
io non ci sto


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!