Faredelbene.net



news -> Bimba 11enne genera fuoco col pensiero: Conferenza stampa mondiale


Bimba 11enne genera fuoco col pensiero: Conferenza stampa mondiale




Non è l’Uomo Torcia dei Fantastici 4, ma una bimba di 11 anni con un grosso problema: provoca incendi, a quanto si dice, con la forza del pensiero. La sua incredibile facoltà- o condanna…- è stata ufficialmente annunciata durante una conferenza stampa organizzata dal medico vietnamita che l’ha esaminata e che è arrivato a questa conclusione: la piccola è in grado di produrre la “pirocinesi”. Sarà vero?

I dubbi sono leciti, visto che la spiegazione del dottor Nguyen Manh Hung, il rettore dell’Università di Hong Bang, appare in realtà molto poco scientifica. “Abbiamo scoperto che nell’emisfero destro del suo cervello c’è una linea rossa, un fenomeno che compare solo nei filosofi e nei religiosi.” Una caratteristica in verità che non risulta nei libri di anatomia in uso dalle nostre parti.

Comunque, la storia della bambina incuriosisce, non fosse altro per l’enfasi con la quale è stata resa nota e per il numero di specialisti coinvolti nelle indagini. “È un caso molto strano, non solo per il Vietnam, ma per tutto il mondo. Ha un raro potereche merita di essere studiato: elimineremo ad una ad una tutte le ipotesi, sperando di arrivare all’origine del fenomeno“, ha detto ad una folla di giornalisti il Dottor Hung.

L’11enne vive a Tan Binh, un distretto di Ho Chi Min, e a quanto pare è in grado di far bruciare qualsiasi cosa, senza toccarla, anche a distanza. Il team formato da esperti in varie discipline che l’ha analizzata ha eliminato le cause ambientali per quei roghi spontanei che avvengono solo in presenza della bambina.

Se ne sono accorti, per primi, i genitori circa un mese fa. All’inizio, ad andare a fuoco sono stati l’impianto elettrico e alcuni elettrodomestici della casa:  i tecnici chiamati a ripararli non capivano il motivo del corto circuito. Quando poi la famiglia è andata in vacanza, lo stesso è accaduto in hotel: non appena la piccola si avvicinava ad un oggetto, si scatenavano le fiamme.

Una situazione a dir poco allarmante, visto che poi, nel corso delle settimane, si sono incendiati anche gli abiti della ragazzina, il materasso e poi, dulcis in fundo, lo scorso 12 maggio è andato in cenere l’intero appartamento in cui la famigliola abitava. A quel punto- finalmente, vien da dire- i genitori si sono rivolti a degli specialisti per evitare ulteriori guai.

La bimba è stata presa in cura dall’ospedale pediatrico di Cho Ray, dove i medici hanno escluso qualsiasi problema fisico. Ma invece il dottor Du Quang Chau, della clinica universitaria, ha notato delle alterazioni rispetto alla norma nel suo cervello. Esami più mirati con la Tac avrebbero mostrato quella fantomatica “linea rossa” a livello cerebrale.

Non solo. Gli studiosi avrebbero appurato che quando la bimba indossa un particolare braccialetto di quarzo nero, la linea scompare, ma lei si sente male, come se fosse percorsa in tutto il corpo da una scarica elettrica. Tolto il braccialetto, torna a star bene- ma fa bruciare gli oggetti attorno a sè.

Un caso davvero anomalo sul quale gli studiosi vogliono continuare ad indagare, dicono. Campioni di sangue, di urina e di tessuto epiteliare sono stati prelevati in vista di approfondite analisi. Più che ad un potere paranormale, dunque, si pensa ad un fenomeno reale e spiegabile scientificamente, come sostiene anche un ricercatore del Centro di ricerca del Potenziale umano, Nguyen Phuc Giac Hai: “Dura da ormai un mese e i roghi si sprigionano solo quando c’è la bambina, ha una rilevanza mondiale“, conferma.

Anche lui si è appassionato alla vicenda della bimba pirocinetica ed anche il suo centro ha convocato una conferenza stampa per comunicare il risultato degli studi e altrettanto intende fare l’Istituto di Fisica del Vietnam, parimenti interessato a far chiarezza su questo singolare caso.

Nel frattempo, la bimba- dicono le fonti locali- continua ad andare a scuola, ma viene controllata a vista e ovunque vada (in auto, per strada o a casa) accanto a lei c’è sempre un estintore, per spegnere sul nascere le fiamme. Per la cronaca, sembra che la bimba vada d’accordo con le compagne di classe.

Fonte: retenews24 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Sognare un gatto, significato

Il gatto nei sogni  simboleggia l'istinto legato alla sfera femminile. E' il guardiano del focolare, colui che rappresenta il confort e la sicurezza del proprio appartamento. Ciò si ricollega anche al sentimento di sicurezza interiore. Il gatto associato alla casa è un segno di tranquillità e di pace dell'animo. E' anche il bisogno di avere un spazio tutto per sé, un luogo in cui ci si possa ritrovare e rassicurare. E' un segno femminile che può riguardare sia l'uomo sia la donna.

Sognare un gatto nero, gatto bianco
Il gatto nero è associato ai segni del destino. Generalmente indica che un avvenimento funesto o spiacevole rischia di succedere. Questa immagine superstiziosa, comunque, non prevale sempre e la presenza di un gatto nero può evocare anche il bisogno di un ritorno verso il focolare domestico o verso il proprio universo intimo, un po' trascurato. E' indice di un bisogno di intimità e introspezione. Il gatto bianco, invece, evoca l'arrivo di un lieto evento, per esempio una nascita; oppure può trattarsi della necessità di ritrovare la propria femminilità per una donna o la propria sensibilità per un uomo.

Sognare un gatto aggressivo
Un gatto aggressivo è l'espressione di un istinto sensibile che attacca chi lo sogna, coma la propria intimità che si vendiaca per essere stata trascurata (ciò può presentarsi sottoforma di malattia) o come una persona che nutre dei sentimenti negativi nei nostri confronti. Bisogna essere vigili e cercare di capire ciò che succede.

Sognare un gatto morto
La presenza di un gatto morto o che sta morendo esprime una negligenza verso se stessi, o psichica o fisica. Chi sogna un gatto morto deve porsi con urgenza una domanda: "che tipo di vita voglio vivere?" Il bisogno di sicurezza materiale e psicologica è pressante.

Fonte alfemminile.com





Categorie

medicina naturale
medicina naturale
arte
arte
curiosit
curiosit
filosofia
filosofia
attualit
attualit
psicologia
psicologia
scuola
scuola
riflessioni
riflessioni
lavori creativi
lavori creativi
popoli e culture
popoli e culture
Vini e dintorni
Vini e dintorni
musica
musica
mamme
mamme
artisti
artisti
news
news


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!