Faredelbene.net



miti e leggende -> -> Fiume Stige


Fiume Stige




STIGE: fiume degli Inferi, secondo l'immaginazione dei Greci.

Si avvolgeva più volte intorno al regno di Ade, e per passarlo bisognava usare della barca di Caronte. Il fiume aveva la sua divinità nella ninfa omonima, figlia della Notte e di Erebo, oppure di Oceano e di Teti, ricordata da Esiodo nella Teogonia. Nell'Oltretomba, Stige viveva in un palazzo con splendide colonne d'argento. Sposò il titano Pallante a cui generò Bia ("forza"), Crato ("potere"), Zelo ("emulazione") e Nike ("vittoria"). Durante la lotta di Zeus contro Crono e i Titani fu la prima a correre in aiuto del dio e i suoi figli si distinsero per valore nella campagna vittoriosa. Zeus, in segno di ricompensa, li nominò suoi aiutanti e stabilì che un giuramento fatto alle acque dello Stige non potesse essere cancellato nemmeno dagli dèi. Tutte le volte che un dio prestava giuramento, Iride riempiva una giara con l'acqua dello Stige e la riportava nell'Olimpo, come "testimone" del giuramento. Chi rompeva questo giuramento veniva colto da uno stupore catatonico per un "grande anno" (nove anni solari) e poi veniva esiliato dall'Olimpo per altri nove "grandi anni". Il fiume, dall'oceano e dal monte Chelmo in Arcadia, scendeva nel Tartaro, poi si divideva in rami minori e girava per nove volte intorno al regno di Ade. La sua acqua passava per avere proprietà magiche, e proprio in questo fiume Teti avrebbe tuffato il neonato Achille, per renderlo invulnerabile; ma aveva dovuto reggerlo per il tallone, che era quindi rimasto la sola parte mortale dell'eroe.
Il mito dello Stige, perpetuatosi presso i posteriori scrittori greci e latini, fu in ultimo raccolto da Dante. Particolare importanza aveva nella tradizione classica il giuramento sulle acque dello Stige, che gli dèi facevano per dare speciale solennità alle loro promesse.
Stige immortale fu la prima che giunse in Olimpo insiem coi figli suoi, secondo il volere del padre. E Zeus l'onorò, le diede larghissimi doni, fece che il nome suo fosse giuro solenne ai Celesti, e che i suoi figli sempre vivesser dov'egli viveva... (Esiodo, Teogonia, 389 segg.).

Autore:



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

stile & bon ton
stile & bon ton
popoli e culture
popoli e culture
amore e dintorni
amore e dintorni
miti e leggende
miti e leggende
beneficenza
beneficenza
storia
storia
simboli e archetipi
simboli e archetipi
psicosomatica
psicosomatica
attualit
attualit
bambini
bambini
medicina
medicina
lavori creativi
lavori creativi
artisti
artisti
numerologia
numerologia
religioni
religioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!