Faredelbene.net



medicina -> Gli antipsicotici


Gli antipsicotici




Antipsicotici
(Chiamati tranquillanti maggiori o Neurolettici)
Nomi dei farmaci:
Amidate, Arvynol, Dalmane, Demerol, Depakote, Doriden, Dormalin, Geodon, Haldol, Largon, Lidone, Loxitane, Mellaril, Moban, Navane, Nembutal, Neurontin, Nozinan, Orap, Permitil, Phenergan, Proketazine, Prolixin, Proscom, Quide, Repoise, Serlect, Seroquel, Sparine, Stelazine, Taractan, Tegretol, Thorazine, Tindal, Topamax, Trancopal, Triclos, Trilafon, Versed, Vesprin.
 
Nomi dei nuovi antipsicotici:
Abilify, Ambien, Clozaril, Compagine, Lamictal, Resurpine, Risperdal, Serentil, Zyprexa.
 
Effetti collaterali:
Akathisia*, Difficoltà nella deambulazione, Malformazioni alla nascita, Cecità, Disturbi ematici, Valori anormali degli zuccheri nel sangue, Arresto cardiaco, Vista offuscata, Confusione, Decesso da collasso del fegato, Depressione , Diabete, Sonnolenza, Ansia estrema, trombi fatali, Cefalea, Aritmie cardiache, Collassi cardiaci, Palpitazioni, Colpi di calore , Emorragie, Ostilità, Ipoglicemia (carenza di zuccheri nel sangue) Iperglicemia (troppi zuccheri nel sangue), Impotenza, Insonnia, Movimenti involontari, Reazioni maniacali, Rigidità muscolare, Sventatezza Nausea, Nervosismo, Sindrome neurolettica maligna*, Incubi, Eruzioni cutanee dolorose, Pancreatite (infiammazione del pancreas, una ghiandola vicina allo stomaco, che aiuta la digestione) Scarsa concentrazione, Agitazione, Convulsioni, Disfunzioni sessuali, Torpore, Spasmi, Pensieri suicidi, Seno gonfio con perdita di liquidi, Tachicardia, (irregolarità del cuore), Dyskinesia tardiva*, Tremori, Violenza, Vomito, Debolezza, Aumento di peso.
 
*Akathisia: A vuol dire "senza" e kathisia vuol dire "sedersi", un' incapacità di star fermi. I pazienti camminano in modo incontrollabile. L'effetto collaterale è stato collegato ad un comportamento violento.
 
*Sindrome neurolettica maligna: Una reazione tossica, potenzialmente fatale nella quale i pazienti accusano febbre e diventano confusi, agitati ed estremamente rigidi. Circa 100.000 americani ne sono morti dopo aver preso antipsicotici di vecchia generazione. 
 
*Dyskinesia tardiva: Tardiva vuol dire "che arriva dopo" e dyskinesia vuol dire "anormale movimento dei muscoli". La dyskinesia tardiva è un deterioramento permanente dei muscoli volontari delle labbra, della lingua, della mascella, delle dita di mani e piedi e di altre parti del corpo. 
 
Avvertimenti generali e studi sugli antipsicotici:
"The Journal of Toxicology" riporta che gli antipsicotici di nuova generazione " spiegano la maggior parte di avvelenamenti da agenti psicotici che si presentano nelle strutture sanitarie statunitensi".  Inoltre riporta rari casi di convulsioni associate con antipsicotici atipici sia con la dose terapeutica che con l'overdose". E ancora "l'ingestione di una singola pillola di clozapino (Clozaril), olanzapina (Zyprexa) e rispiridone ( Risperidal) potrebbe causare una tossicità significativa in un bambino. Ataxia (movimenti muscolari involontari), confusioni, EPS (Sintomi extrapiramidali – danni ai nervi), coma e arresto respiratorio sono stati riportati dopo l'iniezione di 50- 200 mg di clozapine a bambini. 
 
Settembre 2003: La FDA richiede ai produttori di sei nuovi antipsicotici di aggiungere nel foglietto illustrativo un avviso riguardo ai potenziali rischi del diabete e anomalie degli zuccheri nel sangue. 
 
Giugno 2004: La Australian Therapeutic Goods Administration pubblica un Bollettino degli Effetti Collaterali dei Farmaci nel quale viene riportato che gli antipsicotici di nuova generazione possono aumentare il rischio di diabete. 
22 Settembre 2005: Il Dr. Jeffrey Lieberman della Columbia University e altri ricercatori pubblicano uno studio su The New England Journal of Medicine che paragona la vecchia generazione di antipsicotici con alcuni di quelli nuovi . Su 1.493 pazienti che avevano partecipato, il 74% smise di prendere il farmaco prima della fine del trattamento a causa della sua inefficacia, degli intollerabili effetti collaterali o per altri motivi. Dopo 18 mesi di assunzione di Zyprexa, il 64% dei pazienti non volle più continuare perché il farmaco causava sonnolenza, aumento di peso o sintomi neurologici come rigidità muscolare e tremori. 
 
1 Dicembre 2005: Alcuni ricercatori scoprono che il 18% di quasi 23.000 pazienti anziani che avevano preso gli antipsicotici di vecchia generazione erano morti nei primi sei mesi di cura. 
 
2 Maggio 2006 : Su USA today vengono pubblicati i risultati di un'analisi condotta dalla Food and Drug Administration (FDA) i quali rivelano che 45 bambini tra il 2000 e il 2004 morirono per gli effetti collaterali dei farmaci antipsicotici (Clozaril, Risperdal, Zyprexa, Seroquel, Abilify and Geodon). Nonostante l'approvazione per questi farmaci da parte della FDA fosse limitata ai pazienti adulti, secondo USA Today, questi farmaci sarebbero stati prescritti a più di 2 ½ milioni di bambini. Poiché il database dell' FDA che riporta gli effetti collaterali dei farmaci raccoglie solamente dall'1% fino al 10% degli effetti collaterali o dei decessi indotti dai farmaci, il numero effettivo di bambini deceduti potrebbe essere da 450 a molte migliaia. La denuncia dell' USA Today compare nella sua prima pagina e in una serie di altri 5 articoli di circa 4 pagine ciascuno. C'erano inoltre 1328 rapporti su altri effetti collaterali alcuni letali come convulsioni e ridotto numero di globuli bianchi. 
 
Avvertimenti su antipsicotici specifici:
Abilfy
Abilify e altri farmaci antipsicotici hanno causato una condizione chiamata Sindrome neurolettica maligna. Essa è potenzialmente fatale e i pazienti che sviluppano questi sintomi possono avere febbre alta, rigidità muscolare, stati mentali alterati, polso e pressione sanguigna irregolari, tachicardia, sudorazione eccessiva e aritmia. 
Disturbi del centro nervoso del controllo della temperatura sono stati attribuiti ad agenti antipsicotici come Abilify
 
Nell' aprile 2003, il Public Citizen (un comitato di consumatori) conduce la propria revisione dell'informazione pubblicata su Abilify. La loro valutazione era principalmente basata sulle rassegne di informazioni della FDA disponibili disponibili al pubblico, le quali erano state presentate dal produttore di Abilify durante l' approvazione del farmaco da parte della FDA. L'approvazione della FDA era basata solo su 5 test, che duravano dalle 4 alle 6 settimane. Secondo Public Citizen "….niente in questi 5 test può portare a credere che l'aliprazolo (Abilify) costituisca un determinante passo avanti nel trattamento di schizofrenia. 
 
Il ‘bugiardino' di Abilify include iperglicemia (alto livello di zucchero nel sangue, di solito associato al diabete), ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) e diabete come possibili effetti collaterali. 
 
Zyprexa
22 Luglio 2005: Eli Lilly, il produttore dell'antipsicotico Zyprexa, concorda di pagare 1,07 miliardi di dollari per più di 8 000 richieste di risarcimento contro il proprio farmaco in quanto esso poteva causare diabeti in forma letale. 
 
22 Settembre 2005: Il dottor Jeffrey Lieberman della Columbia University e altri ricercatori pubblicano su The New England Journal Medicine uno studio nel quale vengono paragonati gli antipsicotici di vecchia e nuova generazione. Dopo 18 mesi di cure con Zyprexa il 64 % dei pazienti che lo prendevano avevano interrotto l' assunzione, nella maggior parte dei casi perché non era ben tollerato e causava sonnolenza, aumento di peso o sintomi neurologici come rigidità muscolare e tremori. 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

sesso
sesso
news
news
popoli e culture
popoli e culture
riflessioni
riflessioni
astronomia
astronomia
significato dei colori
significato dei colori
itinerari
itinerari
musica
musica
medicina naturale
medicina naturale
Vini e dintorni
Vini e dintorni
fisica quantistica
fisica quantistica
significato sogni
significato sogni
bambini
bambini
bonus e incentivi
bonus e incentivi
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!