Faredelbene.net



medicina naturale -> floriterapia e fiori di bach -> Fiori per superare Ansia e Fame ansiosa


Fiori per superare Ansia e Fame ansiosa




Indichiamo con queste parole la prescrizione estemporanea dei Fiori per superare degli stati d'animo negativi per lo più transitori

Il trattamento con i Fiori di Bach mira a una trasformazione profonda della coscienza, liberandola da blocchi e da condizionamenti. Qui invece si tratta di individuare quei Fiori che permettono di stare meglio e di superare dei semplici momenti negativi.

Ansia

I grandi rimedi dell'ansia sono soprattutto Agrimony, Aspen, Heather e White Chestnut,  ma troviamo sindromi ansiose ben rappresentate in più Fiori.

Agrimony - E' un Fiore fobico, che non sopporta angoscia e tensioni, e la coscienza del dolore. Non possiamo dire che non sopporti il dolore, in quanto è un tormentato che convive con i suoi conflitti, quello che non ne sopporta è però la coscienza. Fino a che questi conflitti si manifestano con una sofferenza, che tiene segreta, e un senso di agitazione, per lui sono accettabili, ritiene che facciano parte della vita stessa. Quello che però il Fiore non sopporta è che questi conflitti vengano visti per quello che sono, che abbiano un nome. Lo stato d'ansia del Fiore è dato sopratutto dal sentire che questi conflitti spingono, come è loro natura, per raggiungere la coscienza e identificarsi come una sofferenza forte e chiara. E questo rende il Fiore fobico, e lo spinge alla fuga, prima di tutto da se stesso. Troviamo quindi in questo Fiore uno stato d'ansia perenne, che lo porta a sfuggire la solitudine, quindi la possibilità di un profondo contatto con se stesso, a gettarsi in mille attività, a stordirsi con sostanze psicotrope o con l'euforia. Le altre ansie tipiche del Fiore vengono dalla paura di essere rifiutati, da quella di finire in miseria e far pena agli altri, di essere abbandonati e trovarsi con la casa vuota. Il rimedio si può utilmente aggiungere al cocktail nei casi in cui lo stato d'ansia sia preponderante, in ogni caso quando siano presenti onicofagia, bruxismo e fame ansiosa (vedi seconda tabella).

Aspen - Lo stato d'ansia è dovuto all'insicurezza primaria del Fiore. Non necessariamente collegato alle sue paure (vedi Paura), ma se ci ragioniamo troviamo che il nesso esiste, lo stato d'ansia di Aspen nasce dal sentire che tutto è precario e può essere perduto improvvisamente, come se nell'aria stessa si celasse una qualche entità avversa pronta a colpire la sua vita. Così Aspen è un frettoloso, non è spinto però dal bisogno di finire le cose, come Impatiens, quanto dalla paura di non avere improvvisamente più il tempo per finirle. Aspen non sente stabile nulla di quanto possiede, lavoro, beni, relazioni affettive. Tutto appare precario, insicuro, sempre a rischio di essere distrutto, anche la propria vita, che si manifesta nell'ansia di non nutrirsi mai abbastanza, specie se non assume continuamente proteine. Se in un quadro d'ansia importante troviamo anche un'insicurezza primaria, una tendenza alle suggestioni e alle premonizioni, Aspen sarà più indicato di Agrimony.

Heather - L'ansia è dovuta a una continua preoccupazione per se stessi, come se si fosse dei bambini piccoli i cui bisogni sono tutti importanti, soprattutto quello dello sguardo della madre. L'ansia può arrivare fino all'ipocondria, segno patognomonico del Fiore. Riconosciamo Heather dal bisogno parossistico e incontrollabile di scaricare l'ansia parlando, ma la sua sindrome ansiosa sembra nascere da una sostanziale fragilità emotiva, per cui il Fiore non ha il senso di esistere se l'altro non è testimone di tutto quello che lo riguarda, come uno specchio. E se questo specchio manca la persona si sente come annaspare, non c'è alcuna presa di coscienza ma solo un crescere dell'ansia fino a diventare insostenibile. Un altro segno della sua fragilità emotiva è l'eccitazione per le cose piacevoli che si tramuta anch'essa in un vero e proprio attacco di ansia, con agitazione, tremiti, incapacità di concentrazione. E' un Fiore da prescrivere negli stati ansiosi quando sia presente una continua paura per se stessi, discriminando da Agrimony, che non denuncerà mai quest'aspetto.

White Chestnut - L'ansia è quella di sentire dentro di sé le giuste risposte per apparire grande agli occhi degli altri, ma di non riuscire mai a darle nella pratica per mancanza di tempestività. Quindi il Fiore rimugina continuamente su quello che avrebbe dovuto dire, e fa le prove mentali prima di affrontare delle situazioni. Ma l'aspetto per cui ci interessa il Fiore in questo contesto è la modalità della sua ansia, che diventa pervasiva e disorganizza il pensiero. White Chestnut riguarda quindi quei casi in cui il motivo dell'ansia diviene un pensiero fisso e ossessivo, che si impone continuamente intralciando e confondendo gli altri pensieri e portando all'insonnia. E' sempre da prescrivere quando in una sindrome ansiosa intravediamo dei pensieri fissi e soprattutto l'insonnia.

***

Centaury - Diviene ansioso in presenza di altri, da solo è tranquillo. Quando è con gli altri entra in ansia perché stiano bene. Non con il senso di paura per il loro benessere come Red Chestnut, ma per il bisogno che siano contenti. Al ristorante teme che qualcosa non vada bene, al cinema teme che il film possa non piacere all'altro, e via dicendo.

Cerato - Entra in ansia, anche parossistica, di fronte alle scelte. Vedi Paura.

Cherry Plum - E' un ottimo rimedio per gli stati d'ansia quando ci siano i segni di un logorìo nervoso.

Chestnut Bud - L'ansia di questo Fiore è simile a quella di Agrimony, trattandosi anche qui di un Fiore che fugge la presa di coscienza di se stesso. Qui però è assente il tormento, il Fiore fugge in avanti cercando di risolvere i problemi con il creare, compulsivamente, situazioni nuove. Lo vedremo quindi ansioso di fronte a nuove possibilità, di lavoro, di relazione, per la fretta di concludere e lasciarsi così alle spalle le cose che non andarono bene.

Chicory - Il controllo che il Fiore esercita sull'affidabilità dell'affettività degli altri nei suoi confronti denota uno stato ansioso latente. Il Fiore infatti teme di essere abbandonato e di doversi confrontare con il proprio senso di vuoto.

Hornbeam - Anche qui si tratta di uno stato d'ansia latente. Il mentale di questo Fiore infatti è sempre allertato e sorveglia che il tempo e le occasioni, anche piccole, non vadano perduti. Questo bisogno continuo di ottimizzare tutto non permette di rilassarsi nemmeno nei tempi morti, si escogita sempre una modalità per renderli utili.

Impatiens - Si tratta qui di un'ansia che non dà sofferenza, ma solo stati di stress. La persona si sente spinta da un bisogno di portare a termine i suoi compiti, che in genere ama, nel tempo più breve possibile, e questo lo rende irritabile e ansioso fino a che non ci sia riuscito. Segue poi uno stato di catarsi, poi sorge un nuovo impegno e con esso un nuovo stato ansioso. E' un ottimo rimedio dello stress mentale.

Larch -  L'ansia di Larch è data dal suo senso di inferiorità, e si rende evidente nei rapporti sessuali, con l'incapacità di abbandonarsi temendo di non essere abbastanza piacente.

Mimulus - Anche questo Fiore è facilmente preda dell'ansia, come risposta a ogni difficoltà paventata, anche minima. Il Fiore entra quindi in ansia prima di eventi mondani, di viaggi, di impegni in ambienti sconosciuti, se dovrà parlare in pubblico. Un altro motivo della sua ansia è quello di essere abbandonato, poiché trova la sua sicurezza nella protezione che riceve dal partner. Quest'ansia cade se il Fiore può trovare la stessa protezione altrove, anche in persone di servizio.

Red Chestnut - Ha accessi di ansia per il benessere delle persone care, vedi Paura.

Vine - L'ansia di questo Fiore è quella di controllare gli altri, e la loro sottomissione o il loro assenso, anche in modo parossistico. Vine ha infatti bisogno, per la propria immagine, di essere continuamente rassicurato di avere il dominio su persone e situazioni.

Rescue Remedy - E' sempre indicato per le crisi di ansia, con assunzioni ripetute.

Oltre i Fiori descritti hanno un effetto calmante Elm, Gentian, Mustard, Pine, Rock Rose e Star of Bethlehem.

Fame ansiosa

La fame ansiosa ha due motivazioni, una fisiologica e una psicologica. Dal punto di vista fisico quando lo stomaco si riempie di cibo si dilata e preme sul nervo vago, distendendolo, e questo conferisce un senso di calma. Dal punto di vista psicologico le implicazioni sono più complesse: riempire un vuoto, e divorare.

L'apparato buccale è legato a emozioni primarie, alla corrente d'amore che si sviluppa tra madre e bambino durante l'allattamento e al primo uso della propria aggressività dell'atto di mordere.

Questo disturbo va quindi letto da entrambi i versanti:

1 - Riempire (con il cibo) un vuoto affettivo, direttamente quello materno oppure della persona a cui si era dato il compito di nutrire con lo stesso amore.

2 -  Mordere, divorare. Il cibo come sostituto delle persone che non si riescono, o non si possono, aggredire. Oppure, in effige, divorare il cibo come se si divorasse se stessi.

Agrimony - E' il primo Fiore indicato per questa manifestazione dell'ansia, è quello che si alza la notte per mangiare. A parte il bisogno di fuga dai propri conflitti, per cui il Fiore deve 'stroncare' ogni ansia sul nascere, e quindi torna utile il riflesso vagale dato dall'assunzione di cibo, con Agrimony ci troviamo più nella tematica del 'divorare', che non in quella affettiva. Il Fiore infatti emotivamente è abbastanza freddo, però non si scontra, non si batte, non si afferma direttamente e la sua aggressività resta facilmente inespressa e si scarica su se stessi.

Chicory - E' il secondo grande rimedio della fame ansiosa. Qui siamo invece direttamente nel tema affettivo. Il Fiore ha bisogno dell'amore materno, indiscutibile e rassicurante, sempre raggiungibile. Questi aspetti però non possono connotare completamente un rapporto adulto, così il Fiore si sente  sempre inappagato dell'amore che riceve. E continua a tentare di riempire questo vuoto con il cibo, la cui assunzione può riportare nella psiche un'eco, o la ricerca, del senso di pace sperimentato durante l'allattamento.

Red Chestnut, Walnut, Honeysuckle - Quando in un disturbo di fame ansiosa è presente la sofferenza affettiva di Chicory bisogna sempre aggiungere Red Chestnut per rompere il cordone ombelicale con la madre che non si è ancora spezzato a livello emotivo. Possono essere utili anche Walnut, che libera dai legami ormai vetusti e Honeysuckle che libera dalla nostalgia per il passato.

Cherry Plum - E' da prescrivere per l'aspetto aggressivo verso se stessi, quando si mangia con piena coscienza di quanto questo sia deleterio. Ci può essere addirittura come un senso di trionfo nel farsi del male. Un atteggiamento simile esprime un'aggressività che non si riesce ad agire verso gli altri e che diviene retroflessa.

Centaury, Walnut - Centaury può essere utile, insieme a Walnut, quando la natura del problema sia stata capita ma è difficile smettere di mangiare perché questo comportamento è diventato ormai abituale. I due Fiori agiscono su quella sorta di 'inerzia' interiore che rende difficile lasciare le vecchie abitudini.

Aspen, Heather - In questi due Fiori troviamo un ricorrere ansioso al cibo per paura di non nutrirsi abbastanza. Si tratta però di un'ansia che non sfocia in un comportamento alimentare disturbato in modo stabile quanto piuttosto in una ricerca di cibi nutrienti ed energetici.

Modalità di assunzione dei Fiori

Si possono usare con beneficio fino a 6 o 7 Fiori contemporaneamente.
Si può preparare una boccetta: una piccola parte di cognac come conservante e il resto acqua di fonte o oligominerale. Si aggiunge 1 goccia di ogni rimedio scelto per ogni 10 ml di liquido. Quindi boccetta da 20 ml, 2 gocce di ogni Fiore, boccetta da 30 ml, 3 gocce di ogni Fiore e così via. Di questa miscela si assumono 4 gocce 4 volte nella giornata.

Si possono usare le essenze pure, senza preparare la boccetta, mettendo 2 gocce del rimedio, o dei rimedi, scelti in mezzo bicchiere d'acqua, da assumere 3 o 4 volte al giorno. Le essenze sono più efficaci diluite.

 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

letteratura
letteratura
stile & bon ton
stile & bon ton
scuola
scuola
riflessioni
riflessioni
tecnologia
tecnologia
tradizioni
tradizioni
mamme
mamme
medicina naturale
medicina naturale
storia
storia
attualit
attualit
numerologia
numerologia
donna
donna
libri e recensioni
libri e recensioni
significato sogni
significato sogni
salute
salute


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!