Faredelbene.net



medicina naturale -> floriterapia e fiori di bach -> I rimedi di Bach divisi per categorie


I rimedi di Bach divisi per categorie




Elenco dei rimedi, divisi per categorie, con il numero della loro posizione successiva (secondo quanto stabilito da Bach), con il nome inglese, italiano e latino

 


Categoria 1 = Paura
1) Rock Rose, Eliantemo, Helianthenum nummularium;
2) Mimulus, Mimmolo, Mimulus gattatus;
3) Cherry Plum, Viscida, Prunus cerasifera;
4) Aspen, Pioppo, Populus tremula;
5) Red chestnut, Castagno rosso, Aesculus carnea.


Categoria 2 = Incertezza
1) Cerato, Piombaggine, Ceratostigma wilmottiana;
2) Scleranthus, Scleranto, Scleranthus annuus;
3) Gentian, Genziana, Gentiana amarella;
4) Gorse, Ginestra, Ulex europeus;
5) Hornbeam, Carpine, Carpinus betulus;
6) Wild Oat, Avena selvatica, Bromus ramosus.


Categoria 3 = Alienazione ovvero insufficienza di interesse per il presente
1) Clematis, Clematide, Clematis vitalba;
2) Honeysuckie, Caprifoglio, Lonicera caprifolium;
3) Wild Rose, Rosa selvatica o canina, Rosa canina;
4) Olive, Olivo, Olea europea;
5) White Chestnut, Castagno bianco, Aesculus hippocastanum;
6) Mustard, Senape, Sinapis arvensis;
7) Chestnut Bud, Gemma di castagno, Gemma castaneae.


Categoria 4 = Solitudine
1) Water Violet, Violetta d'acqua, Hottonia palustris;
2) Impatiens, Impatiens, Impatiens glandulifera;
3) Heather, Erica, Calluna vulgaris.


Categoria 5 = Ipersensibilità alle influenze e alle idee
1) Agrimony, Agrimonia, Agrimonia eupatoria;
2) Centaury, Centaurea, Centaurium umbellatum;
3) Walnut, Noce, Juglans regia;
4) Holly, Agrifoglio, Ilex aquifolium.


Categoria 6= Scoraggiamento
1) Larch, Larice, Larix decidua;
2) Fine, Pino silvestre, Pinus silvestris;
3) Elm, Olmo, Ulmus procera;
4) Sweet Chestnut, Castagno dolce, Castanea sativa;
5) Star of Bethlehem, Stella di Betiemme, Ornithogalum umbellatum;
6) Willow, Salice, Salix Vitellina;
7) Oak, Quercia, Quercus robur;
8) Crab Apple, Melo selvatico, Malus pumila.


Categoria 7 = Eccessiva attenzione per gli altri
1) Chicory, Cicoria, Cichorium inthibus;
2) Vervain, Verbena, Verbena officinalis;
3) Vine, Vite, Vitis vinifera;
4) Beech, Faggio, Fagus sylvatica;
5) Rock Water, Acqua di roccia, Aqua petra.


Definizione sintetica di ciascun rimedio di Bach

  • Rock Rose: paura che occlude la coscienza, la consapevolezza, ottundimento della coscienza e della consapevolezza.
  • Mimulus: paura della povertà, del buio, delle cose quotidiane.
  • Cherry Plum: paura che le cose fatte non vadano bene, paura di perdere la ragione.
  • Aspen: paure e ansietà vaghe.
  • Red Chestnut: paura che accada qualcosa ai propri cari.
  • Cerato: incertezza riguardo alle proprie capacità.
  • Scleranthus: incertezza riguardo a una scelta importante o per scelte importanti.
  • Gentian: si scoraggiano facilmente per il più piccolo problema.
  • Gorse: pessimismo, incertezza per il futuro in generale, non crede che si possa fare ancora qualcosa.
  • Hombeam: la vita quotidiana è avvertita come molto faticosa e per tollerarla appare necessario rinforzare il corpo e la mente; incertezza di non avere forze sufficienti per andare avanti.
  • Wild Oat: incertezza riguardo alla scelta della carriera.
  • Clematis: perso nella programmazione del futuro, o nei sogni riguardanti l'avvenire o in un mondo irreale.
  • Honeysuckie: perso nel passato che fu felice.
  • Wild Rose: rassegnazione, atteggiamento passivo, mancanza di coraggio per cambiare la propria vita avvertita come infelice.
  • Olive: la vita è un pesante fardello privo di piacere; tira avanti per il senso del dovere.
  • White Chestnut: pensieri e preoccupazioni ossessive.
  • Mustard: momenti di depressione, come se una scura e fredda nube oscurasse il cielo della vita; paura dei temporali; meteoropatico.
  • Chestnut Bud: non trae insegnamento dalle esperienze negative, ripete lo stesso tipo di errori, esperienze spiacevoli dello stesso tipo ripetute, risentimento persistente.
  • Water Violet: vuole essere lasciato in pace, ma viene disturbato da persone che lo caricano dei loro problemi o cercano di influenzarlo.
  • Impatiens: impaziente di fronte alla lentezza e alle debolezze degli altri; preferisce lavorare da solo.
  • Heather. hanno sempre bisogno di avere qualcuno vicino, per parlare dei loro problemi.
  • Agrimony: nasconde il proprio pensiero per non dover litigare; mostra il sorriso, mentre soffre nell'animo; abusa di alcool, psicofarmaci e droghe, per mantenere un finto sorriso, quando il suo animo vorrebbe ribellarsi, ma non osa.
  • Centaury: per aiutare gli altri, divengono servi e vittime degli approfittatori.
  • Walnut: pur avendo ideali e convinzioni ben precise, quando, per un impulso sbagliato, in seguito a forte insistenza altrui, vi rinuncia e successivamente se ne pente.
  • Holly: si rode molto, anche per piccoli torti.
  • Larch: complesso di inferiorità, che impedisce di tentare di raggiungere gli obiettivi ambiti.
  • Fine: eccessiva autocritica, per complessi di colpa e perfezionismo maniacale.
  • Elm: soffrono per non riuscire a raggiungere uno standard troppo elevato, che loro stessi si sono attribuiti; orgoglio frustrato.
  • Sweet Chestnut: autodistruttività, scatenata dalle critiche, che non sopporta; paura delle malattie; impressione di avere raggiunto il limite estremo della sopportazione.
  • Star ofBethlehem: trauma per cattive notizie, per un lutto, un esame andato male, un parente in ospedale, una perdita finanziaria, un danno materiale.
  • Wilhw: la vita li ha piegati come salici piangenti, tisicamente o moralmente; hanno le spalle reclinate verso il petto, dove trattengono con autocommiserazione le proprie pene; ritengono di essere stati puniti ingiustamente dalla vita, ma fanno poco o nulla per risollevarsi.
  • Oak: sente di combattere una dura battaglia per la sopravvivenza, pur avvertendo di non avere molte speranze di farcela.
  • Crab Apple: desiderio di purificarsi mentalmente e/o tisicamente; talora questo desiderio di purificazione si rivolge verso qualche sintomo o segno o problema psicofisico ben determinato, liberatesi dal quale è convinto di poter essere felice.
  • Chicory: si esaurisce nel tentativo di correggere tutto ciò che secondo lui non funziona negli altri, anche nei particolari della loro vita o del loro comportamento.
  • Vervain: è il rimedio degli insegnanti o dei genitori che, fra grandi difficoltà, cercano di convertire i loro allievi o i loro figli alla cultura o, semplicemente, alla loro visione della vita.
  • Vine: pesa la responsabilità verso altre persone, specie nel comandarle e nel guidarle.
  • Beech: percepisce di avere mancato o di non riuscire a realizzare nel modo voluto i propri ideali positivi, nel lavoro, nell'impegno familiare e sociale.
  • Rock Water: si sacrifica molto, per dare l'esempio.


 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
tecnologia
tecnologia
attualit
attualit
riflessioni
riflessioni
simboli e archetipi
simboli e archetipi
musica
musica
fisica quantistica
fisica quantistica
autismo
autismo
Vini e dintorni
Vini e dintorni
lingua italiana
lingua italiana
psicosomatica
psicosomatica
numerologia
numerologia
animali
animali
storia
storia
popoli e culture
popoli e culture


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!