Faredelbene.net



medicina naturale -> fitoterapia -> Lichene islandico


Lichene islandico




Il Lichene islandico svolge un'attività antimicrobica e antisettica utile in presenza di affezioni renali, respiratiorie e gastroenteriche

Proprietà del lichene islandico
La parte del lichene islandico contenente principi attivi (la droga) è il tallo,  in cui sono presenti: polisaccaridi (licheina e isolicheina), acidi lichenici amari (acido usnico, acido cetrarico), acido folico, e altre vitamine del gruppo B.

L'acido usnico conferisce alla pianta un'attività antimicrobica e antisettica utile in presenza di affezioni renali, respiratiorie e gastroenteriche; mentre la cetrarina esercita azione amaro-tonica, stimolante le funzioni digestive e antiemetiche, valide per combattere la nausea e il vomito (anche durante la gravidanza); e in pediatria come regolatore dell’intestino.

La lichenina produce mucillagini, una sorta di gelatina, con spiccate mucolitica, decongestionante e protettiva per le mucose dell'apparato respiratorio, per questa ragione è usato come espettorante e fluidificante delle secrezioni bronchiali in caso di tosse, pertosse e asma, e contro il mal di gola,  Queste proprietà risultano utili perciò per sfiammare bronchi e polmoni e vie aeree superiori; la pelle e i tessuti che rivestono il sistema gastroenterico e quello urogenitale.

Per uso esterno il lichene islandico può essere utilizzato, per l'attività lenitiva e antisettica come ingrediente di prodotti cosmetici contro l'acne, e come detergente e blando disinfettante di emergenza su piaghe e ferite; nella formulazione di dentifrici, saponi e detergenti dall'azione purificante, disinfettante e deodorante, in particolare per l'igiene intima.

Descrizione della pianta
I Licheni sono vegetali molto particolari in cui il tallo è costituito da associazione di un fungo (micobionte) e di un'alga (fotobionte), fra i quali si instaura un rapporto di collaborazione definita simbiosi (dal greco syn e bios  che significa vita insieme); questo significa che i due organismi vivono e crescono insieme e che la vita dell'uno è strettamente legata e connessa a quella dell'altro, con un vantaggio reciproco. La Cetraria islandica è una specie di lichene terricolo fruticoso tipico di aree montane. Ha un tallo fogliaceo provvisto di lobi, alto fino a 10-15 cm, con consistenza cartilaginea, di colore verde oliva chiaro nella parte superiore, bianco-grigiastro in quella inferiore.

 

L'habitat del lichene islandico
Cresce aderente al terreno, più raramente sulle cortecce, nelle regioni fredde boreali più umide e montagnose dell'Europa e dell'America, anche in Italia fino all'Appennino centrale, e non solo in Islanda come farebbe supporre il nome, derivato probabilmente dal fatto che in Islanda, la Cetraria è molto diffusa sulle distese laviche.

 

Cenni storici
Il termine lichene deriva dal greco leichèn significa "lambire", "strisciare", per il fatto che queste vegetazioni crittogamiche, rivestono sassi e piante, dando l'apparenza di croste cutanee sulle rocce o ai tronchi degli alberi su cui essi vegetano.

Ben conosciuto dalle popolazioni del Nord Europa, venne segnalato per la prima volta nel 1627 da Valerio Cordo. Già a partire dal 1700, Linneo, Scopoli ecc. ne consigliavano l'impiego nella terapia della tisi.

Nei paesi nordici viene utilizzato come alimento: viene raccolto quando piove o di notte, poi viene messo a macerare nell'acqua per 24 ore, al fine di eliminare le sostanze amare; infine si essicca e si macina, ottenendo così una farina. La lichenina infatti è un carboidrato che può raggiungere percentuali molto elevate, perfino superiori all'amido contenuto nelle patate, ed è per questo alto valore nutritivo che il Lichene islandico è utilizzato dalle popolazioni nordiche delle zone boreali come alimento, sia per gli animali come le Renne, sia, in tempi passati di particolare carestia, anche per l'uomo, con l'accorgimento di privarlo delle sostanze amare, che lo renderebbero non commestibile, tramite bollitura, o con infusione a freddo di 24 ore.

 

Una ricetta con il lichene islandico
La cetrarina determina il principio amaro tonico, a dosi elevate ha un effetto lassativo. Facendolo bollire si elimina la prima acqua e con essa il principio amaro.

USO INTERNO:

INFUSO: 1 cucchiaio raso di lichene islandico tallo, 1 tazza d’acqua

Versareil tallo nell’acqua fredda, accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire qualche minuto e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo dopo i pasti per usufruire dell’azione antinfiammatoria e protettiva delle mucose

- estratto secco: 500-1000 mg a dose

Tintura Madre Preparata dal tallo essiccato tit.alcol. 65°

 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

significato sogni
significato sogni
lingua italiana
lingua italiana
fisica quantistica
fisica quantistica
vegan & co.
vegan & co.
psicosomatica
psicosomatica
beneficenza
beneficenza
tecnologia
tecnologia
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
pedagogia
pedagogia
bambini
bambini
misteri e paranormale
misteri e paranormale
scienza
scienza
letteratura
letteratura
itinerari
itinerari
animali
animali


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!