Faredelbene.net



medicina naturale -> fitoterapia -> Cola


Cola




La cola è uno stimolante naturale che aiuta a combattere efficacemente la stanchezza e il torpore, mantenendo alto il livello di attenzione, grazie alla presenza di caffeina

Proprietà della cola
La Cola ha le seguenti proprietà terapeutiche: toniche, stimolanti, broncodilatatrici, antiasteniche, afrodisiache, antiossidanti, ergogeniche (aumento della performance  sportiva), anoressizzanti, dimagranti, antiossidanti.

Nonostante venga tradizionalmente impiegata come rimedio antifatica e diuretico, in realtà è sfruttata come fonte di caffeina. La caffeina aumenta il livello di attenzione e consente di contrastare la sonnolenza, stimolando il sistema nervoso centrale.

La noce di cola può anche agire a livello cognitivo migliorando le prestazioni, che si tratti dell'attenzione, della memorizzazione o dell'apprendimento. La cola riduce la stanchezza fisica e mentale, oltre che la depressione. Può attenuare i mal di testa causati da cattiva circolazione del sangue. È inoltre un coadiuvante nello sforzo muscolare intenso e aumenta la pressione arteriosa.

La cola favorisce una migliore eliminazione dell'acqua e dei nutrienti non essenziali, facilitando quindi la perdita di peso. La cola è presente in numerosi preparati di tipo erboristico, come dimagrante e stimolante neuromuscolare.

I principi attivi della cola sono: caffeina (in una percentuale compresa tra l'1,5 e il 3,5%), colatina, tannini, flobafeni, teobromina. Mentre, tra i costituenti chimici, si riscontrano flavonoidi, tannini catechici, procianidine, polifenoli, metilxantine (teobromina, teofillina e caffeina).

 

Modalità d’uso
La parte della noce di cola utilizzata in fitoterapia è il seme, privato dell'involucro esterno. Essiccato al sole, il seme viene successivamente ridotto in polvere. Esso trova il seguente impiego terapeutico:

Debolezza, astenia, affaticamento intellettivo, obesità, calo delle capacità di concentrazione, depressione; anticellulite (applicazione topica in fitocosmesi)
Quando i semi di cola vengono assunti a scopo curativo, è indispensabile ricorrere a forme farmaceutiche definite e standardizzate in principi attivi (caffeina), le uniche che consentono di sapere quante molecole farmacologicamente attive si stanno somministrando al paziente. Preparazioni erboristiche tradizionali come infusi, succhi e decotti, non permettono di stabilire con esattezza la quantità di principi attivi somministrata al paziente, il che aumenta il rischio di insuccesso terapeutico.
La cola può essere assunta con il seguente dosaggio:

In infusione, è possibile aggiungere in una tazza di acqua bollente 1 o 2 g di polvere di noce di cola per una decina di minuti. La posologia abituale è di 3 tazze al giorno.
Si può aggiungere 1 cucchiaino da caffè di polvere di noce di cola alla propria bevanda preferita. La posologia giornaliera massima per la polvere è di 1 o 2 g.
È anche possibile consumare la noce di cola sotto forma di estratto liquido, in quantità da 0,6 a 1,2 ml, da assumere da una a tre volte al giorno.
Per la tintura madre di cola, la posologia è da 1 a 4 ml al giorno.
È possibile produrre del vino tonificante lasciando macerare per una decina di giorni 50 g di noce di cola in 1 litro di vino. Ovviamente, da consumare con moderazione.

Controindicazioni della cola
L'uso sistematico e continuativo della Cola è controindicato, come del resto tutte le droghe a metilxantine, in caso di:

cardiopatia ischemica,
ipertensione,
ipertiroidismo,
insonnia.


A scopo preventivo, non va assunta in gravidanza e durante l'allattamento, non va somministrata ai bambini. Gli effetti indesiderati legati al consumo della noce di cola sono prevalentemente dovuti alla caffeina: agitazione, nervosismo, insonnia, irritazione gastrica.

A dosi elevate, questa sostanza può anche provocare mal di testa, aritmia, palpitazioni cardiache, nausea e vomito, nonché ipertensione arteriosa. Inoltre l'assunzione di caffeina, protratta nel tempo, causa dipendenza. La noce di cola non va utilizzata in concomitanza con un altro stimolante, l'efedrina, che raddoppia pericolosamente gli effetti della caffeina. In caso di abuso, questa associazione può provocare svenimenti e persino arresto cardiaco.

Sono possibili interazioni tra la cola e diversi farmaci, i cui effetti verranno moltiplicati, ad esempio nel caso degli analgesici o, al contrario, ridotti, come nel caso di sedativi, calmanti. Inoltre, questo prodotto può aumentare gli effetti collaterali dei broncodilatatori e degli stimolanti del sistema nervoso centrale.

Infine, la noce di cola non va in alcun modo associata agli antiacidi, ai farmaci per la prevenzione dell'osteoporosi, agli anticoagulanti e agli antipiastrinici, poiché comportano un aumento del rischio di emorragia.

Descrizione della pianta
La Cola acuminata è un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Sterculiacee. È alto dai 5 fino a oltre 20 metri. Le foglie sono alterne, di forma ovale, portate da un lungo picciolo. I fiori sono di colore giallo disposti a grappoli, costituiti sia da fiori femminili che fiori maschili.

I frutti sono follicoli oblunghi molto coriacei, formati da 5 carpelli. Questi follicoli contengono i semi, di colore verde, poi gialli quando diventano maturi. Ogni baccello di cola è composto da quattro o cinque semi. Di questo genere esistono circa 125 specie di piante spontanee sempreverdi, originarie delle foreste tropicali dell'Africa occidentale.

 

Habitat della cola
Pianta originaria dell'Africa occidentale, vegeta tipicamente nelle foreste tropicali. Viene coltivata in sud America (Brasile), in Jamaica e nelle Indie Occidentali.

 

Cenni storici
Il primo a descrivere e a classificare la specie della Cola fu Ambroise Marie François Joseph Palisot de Beauvois, botanico e naturalista francese.

Da secoli, la noce di cola è un rimedio tradizionale utilizzato per combattere la stanchezza o come afrodisiaco. Per consumarla, era necessario masticarne i semi. Gli alberi di cola venivano sempre piantati nelle vicinanze dei villaggi. A partire dal Medioevo, i carovanieri e i viaggiatori che intraprendevano la traversata del Sahara, ben conoscevano le proprietà terapeutiche della noce di cola che scambiavano con polvere d'oro.

In Occidente, la cola si è diffusa alla fine del XIX secolo grazie all'invenzione di una celebre bibita gassata del dottor John Pemberton, di cui la noce e la foglia di cola costituivano i due ingredienti principali.

Oggi, la noce di cola rientra nella composizione di diversi farmaci: di questi, alcuni sono impiegati per combattere l'asma o le malattie polmonari croniche. La direttiva del Ministero della Salute (dicembre 2010), consente di inserire negli integratori alimentari le sostanze e gli estratti vegetali di questa pianta. La pianta di Cola viene consumata in alcune regioni dell'Africa durante riti e cerimonie, per dare il benvenuto, come simbolo di amicizia.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
stile & bon ton
stile & bon ton
artisti
artisti
cucina
cucina
bambini
bambini
tecnologia
tecnologia
filosofia
filosofia
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
antroposofia
antroposofia
musica
musica
fisica quantistica
fisica quantistica
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
animali
animali
vegan & co.
vegan & co.
io non ci sto
io non ci sto


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!