Faredelbene.net



medicina naturale -> fitoterapia -> Depurare lorganismo con la linfa di betulla


Depurare lorganismo con la linfa di betulla




Gli estratti dei grandi alberi agiscono in profondità e grazie alla forza vitale e all’energia depurativa che naturalmente possiedono puliscono tutto l’organismo

Tra noi e il regno vegetale esiste una stretta relazione, un connubio funzionale che possiamo usare a fini terapeutici. Osservando una pianta, il suo habitat e il tipo di energia che esprime, attraverso la forma, il ritmo di crescita, la fioritura, è possibile leggere le caratteristiche che la rendono adatta a un particolare disturbo.
Un prodotto utilizzato molto nei periodi di cambio stagione come adesso è la linfa di betulla, già utilizzata da moltissimo tempo nei paesi nordici. Infatti in questi paesi questa bevanda è nota sin dall’antichità come elixir  con proprietà rigenerante e depurative. La sua disponibilità è sempre stata molto limitata, a causa dei sistemi di raccolta e soprattutto a causa del tempo di conservazione molto breve. In passato era raccolta dalle popolazioni nordiche con incisioni nel tronco e conservata in contenitori di legno. Questo sistema antico permette di ottenere solo una quantità limitata di succhi da ogni albero, ma la Betulla Bianche possono così conservare abbastanza linfa per la crescita delle nuove foglie.

Ad ognuno il suo albero

La betulla caratterizzata da una prorompente forza vitale aiuta a depurare i tessuti corporei in profondità, liberandoli dalle scorie ed evitando le infiammazioni che sono responsabili della comparsa di alcune fra le patologie degenerative più gravi, persino del cancro. Ci aiuterà a proteggere e rigenerare gli organi o i distretti corporei in questo mese:  apparato digerente, vie urinarie, vie respiratorie, sistema nervoso e tessuto cutaneo. Con una cura di soli 15 giorni recuperi l’energia, digerisci meglio, riattivi la diuresi, alzi le difese e depuri anche la pelle. La betulla, la pianta utile a chi tende a bere poco, ama soprattutto i sapori forti (salato, piccante, spezie ecc.) e non disdegna il caffè, che consuma più volte al giorno. Questa tipologia tende a soffrire di cistiti, uretriti e candida (vaginale). Col tempo tende a sviluppare anche sabbia renale, microcalcoli o veri e propri calcoli alle vie urinarie.

Le funzioni della linfa nel corpo umano

Negli esseri umani (e negli animali) la linfa svolge la funzione di raccogliere liquidi e materiale di scarto, come scorie metaboliche e tossine dalla periferia per poi veicolarlo agli organi di depurazione (fegato, reni, polmoni, pelle). Quando il prezioso sistema di drenaggio linfatico va in tilt si possono accumulare notevoli quantità di liquidi negli spazi interstiziali, provocando ritenzione liquida, cellulite, trattenendo in questo modo sostanze dannose che intossicano l’organismo. Inoltre la linfa non viene spinta dall’attività cardiaca, ma scorre nei vasi linfatici, mossa dall’azione dei muscoli. Contraendosi e rilassandosi, questi tessuti funzionano come una vera e propria pompa. Quando tale azione viene meno, per esempio a causa dell’eccessiva immobilità, la linfa tende a ristagnare, accumulandosi nei tessuti. Per questo motivo piedi e caviglie si gonfiano quando si rimane a lungo in piedi in una posizione statica o si fa poca attività fisica.

L’azione della linfa di betulla sul sistema linfatico umano

La linfa contiene inoltre calcio, fosforo, manganese, magnesio, potassio, e meno dell’1% di zuccheri, in gran parte fruttosio. La linfa di betulla è un efficace depurativo naturale che aiuta l’organismo ad eliminare gli acidi urici, le tossine (soprattutto quelle derivate da cure farmacologiche, terapie cortisoniche o ormonali, iperuricemia e ipercolesterolemia) e i ristagni di liquidi nei tessuti. Quindi è consigliabile a tutti per mantenersi o ritornare in forma, per la bellezza della pelle, nel combattere la cellulite, per favorire la riduzione delle scorie. Il gemmoderivato della linfa è utilizzato efficacemente anche in presenza di edemi, causati da insufficienza cardiaca e/o renale. Per queste sue peculiarità e per la proprietà ipocolesterolemizzante, che la caratterizza, rientra negli schemi terapeutici del trattamento del sovrappeso. In più, non sostiene soltanto il nostro sistema linfatico nella sua funzione drenante, ma agisce anche come stimolante delle naturali difese dell’organismo, contro gli effetti dannosi dei radicali liberi e gli attacchi di agenti infettivi.

La forza della betulla è nella linfa

In questa parte della pianta esiste una sostanza, chiamata betulina, dotata di un’elevata attività antinfiammatoria e di straordinarie proprietà diuretiche e depurative. La linfa della betulla ha inoltre una spiccata capacità di sciogliere depositi urinari, aumentare la diuresi e favorire l’eliminazione degli acidi urici, dei cloruri e dell’urea (prodotti di scarto del metabolismo). È quindi, il rimedio l’ideale quando, comincia a crearsi il terreno favorevole per la proliferazione di microrganismi responsabili di infezioni delle vie urinarie, come uretriti, cistiti o candida.

Addio ritenzione idrica

Le gemme di betulla hanno anch’esse un’azione diuretica e svolgono un’attività stimolante su un complesso di cellule disseminate in varie parti del corpo, preposte all’eliminazione delle sostanze nocive che aprono la strada alla cellulite. Dalla loro macerazione si ottiene un potente olio essenziale drenante che regola il metabolismo e favorisce la rigenerazione dei tessuti, purificandoli. L’essenza, mescolata a un olio vegetale, viene usata per il massaggio anti-cellulite.

 

Come utilizzare la betulla

Al mattino, prima di colazione, assumi la linfa di betulla, sotto forma di sciroppo diluito in succo di limone (un misurino da 30 ml) o di succo di linfa fresca (1-2 bicchieri) o di macerato glicerico (30-50 gocce in un bicchiere d’acqua): aiuta a mantenere disinfiammate le vie urinarie e a evitare che si formino ristagni che possono portare alla comparsa dei calcoli.

Prima di cena assumi 1-2 cucchiaini di decotto di foglie di betulla per purificarti dalle scorie della giornata, associati all’infuso con peduncoli di ciliegia. Inizia il pasto con germogli diuretici di asparago e non consumare formaggi o carni grasse (inclusi salumi, insaccati ecc.) che apportano troppe scorie e sali che favoriscono i ristagni.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
attualit
attualit
stile & bon ton
stile & bon ton
bonus e incentivi
bonus e incentivi
astronomia
astronomia
arte
arte
curiosit
curiosit
simboli e archetipi
simboli e archetipi
medicina naturale
medicina naturale
scuola
scuola
musica
musica
sesso
sesso
riflessioni
riflessioni
storia
storia
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!