Faredelbene.net



medicina naturale -> fitoterapia -> Come preparare un estratto glicerico


Come preparare un estratto glicerico




L'estratto glicerico, o gemmoderivato, è solitamente ottenuto dalle parti della pianta in rapida moltiplicazione (le gemme, appunto): gli elementi di una pianta al loro primo stadio di sviluppo contengono sostanze particolari e preziose, perché dotate di proprietà terapeutiche speciali

Gli estratti idroglicerici non vanno confusi con gli estratti gliceroalcolici o con gli estratti secchi (realizzati mediante alcool che viene eliminato successivamente restituendo una polvere pura, estremamente concentrata).

Procedimento per ottenere un estratto glicerico:

Il procedimento è semplice e veloce: basta sminuzzare la pianta scelta, metterla in un barattolo con chiusura ermetica insieme a pari quantità di acqua, glicerina e conservante (in base al peso). L’estratto glicerico che andiamo a preparare richiede il conservante poiché contiene acqua. Si lascia quindi macerare per 14-20 giorni, in un luogo buio e lontano da umidità e fonti di calore, si filtra con una garza e si ripone in contenitori adatti (possibilmente di vetro scuro con pipetta).

Le dosi indicative per circa 100 ml di estratto glicerico sono:

50 gr. di acqua
50 gr. di glicerina (non diluita, quindi non 85% di w:glicerolo, minimo 95% meglio ancora la 99,5%)
10-25 gr. della pianta scelta (la pianta dev’essere completamente immersa nel solvente)
conservante qb
Se avete una glicerina poco pura o diluita con tenore di glicerolo minimo inferiore al 95%, considerate la possibilità di inserire meno acqua nel composto.

Come utilizzare e conservare gli estratti glicerici:

L’estratto idroglicerico si inserisce nella fase C (a freddo) delle preparazioni di prodotti e creme cosmetiche, all’1-5%. Se ben conservato, dura fino a cinque anni. Tuttavia conservazioni casalinghe realizzate con conservanti generici non assicurano una longevità così elevata, le sostanze idrosolubili inoltre perdono molto più rapidamente le loro proprietà all’interno dell’estratto rispetto a quelle estratte dal glicerolo, quindi dopo qualche tempo il nostro estratto glicerico sarà meno performante, avendo mantenuto solo parte delle sostanze iniziali (questa caratteristica vale anche per gli estratti glicolici, in glicole propilenico). Per questi motivi consigliamo di utilizzare l’estratto casalingo entro 6-8 mesi dalla realizzazione, purché venga a contatto con meno aria possibile. Dopo questo periodo si dovrebbe, a breve, avere di nuovo a disposizione la pianta fresca, e quindi si può riprodurre di nuovo l’estratto.  Se si ha bisogno di un estratto più durevole, è consigliabile acquistare gli estratti glicerici pronti, che con un processo professionale di estrazione e conservazione assicurano maggiore performance, durata, sicurezza e qualità del prodotto finito. Bisogna inoltre considerare che il solvente (qualsiasi tipo di solvente) non fa distinzione fra sostanza benefica e non di una pianta: in un estratto si ottiene tutto quello che la pianta rilascia. Assicurarsi quindi (oltre a prendere atto che parte della sostanza estratta non sarà di nostro interesse) di scegliere piante che crescono in luoghi puliti lontani da contaminazioni aeree o del terreno. Gli estratti glicerici concentrati di nuova generazione hanno raggiunto un livello di concentrazione e quindi di prestazione al pari di quelli glicolici. (approfondisci)

Alcune idee per fare macerati glicerici:

L’estratto glicerico più comune, perché più utile, è quello di Malva. Questa pianta rilascia nel macerato mucillagini idratanti e antinfiammatorie, lenitive ed emollienti, adatte alla pelle secca e delicata e per combattere l’arrossamento. Si può realizzare un macerato anche dalla Centella asiatica, dalle proprietà stimolanti sulla produzione di collagene e decongestionanti del sistema circolatorio; ha proprietà anti-rughe, anti-smagliature, elasticizzanti, contrasta la cellulite, migliora il microcircolo. L’estratto glicerico di Tè Verde è particolarmente utilizzato in preparati anti-cellulite, rassodanti e drenanti. Il macerato di fiori di Ibisco, grazie alle antocianine, agli acidi della frutta e ai polifenoli in essi contenuti, è un notevole anti-ossidante contro l’invecchiamento della pelle e può essere inserito in trattamenti anti-età e idratanti. L’estratto glicerico di Melograno, infine, è anch’esso anti-invecchiamento e rivitalizzante per la pelle.

Altri tipi di estratti vegetali:

Estratti idro-glicerol-alcolici: Aggiungendo una piccola percentuale di alcool si possono preparare anche macerati idro-glicerol-alcolici. Bisogna macerare la droga scelta in alcool (quanto basta per coprirla) per una decina di giorni, solo in seguito aggiungere acqua e glicerina e procedere come indicato precedentemente (si può omettere il conservante vista la presenza di alcool). In questo modo si possono estrarre principi attivi dall’edera (anticellulite), dalla Vite rossa e dall’Ippocastano (protettivi dei capillari, anti-varici).
Estratti secchi: Solitamente polveri di sostanza estratta. La droga viene estratta usando come solvente l’alcool che poi viene eliminato restituendo una polvere concentrata.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Quali sono le conseguenze dell'endometriosi

Le lesioni dell'endometriosi dipendono dalla gravità della malattia, dalle sedi nelle quali si sono instaurate, dal fatto se si tratta di lesioni recenti o meno, dalla vicinanza della mestruazione, dalla presenza di aderenze che la malattia può aver determinato.

 





Categorie

riflessioni
riflessioni
lavori creativi
lavori creativi
news
news
io non ci sto
io non ci sto
curiosit
curiosit
scuola
scuola
pedagogia
pedagogia
popoli e culture
popoli e culture
tradizioni
tradizioni
amore e dintorni
amore e dintorni
diete
diete
sesso
sesso
scomode verit
scomode verit
autismo
autismo
filosofia
filosofia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!