Faredelbene.net



medicina naturale -> Rimedi naturali per le scottature solari


Rimedi naturali per le scottature solari




I rimedi naturali per le scottature solari, quelli che utilizzavano le nostre nonne e che funzionavano anche abbastanza bene

Le scottature solari  sono una delle note dolenti per tutti coloro che hanno la carnagione molto chiara o delicata.

 

Le scottature da sole purtroppo capitano a chi si dimentica di spalmarsi adeguatamente una crema protettiva, di rimettersela dopo aver fatto il bagno oppure ad una scelta errata del livello di protezione. I sintomi delle scottature vanno dalle antipatiche e dolorose vescichette di acqua, alla pelle arrossata e dolorante sino ad arrivare agli eritemi.

 

Per rimediare a questi danni si può far ricorso ad una serie di rimedi naturali, quelli che utilizzavano le nostre nonne e che funzionavano anche abbastanza bene. Per trovare sollievo al bruciore dovuto alle scottature si possono usare: l’aloe vera, le patate, il latte e aceto, le uova e l’amido di riso, l’acqua e aceto ed anche l’alcool denaturato.

 

Andiamo per ordine e cerchiamo di capire come utilizzare questi elementi.

 

L’aloe, quella vera mi raccomando, era già nota anticamente per le sue proprietà miracolose tra cui quella di essere un ottimo cicatrizzante ed un rinfrescante. Quindi se vi siete scottati ed a casa avete un barattolino di aloe vera stendetene un velo sulla pelle e proverete subito una piacevole sensazione di fresco e, in breve tempo, anche la scottatura si attenuerà. Potete utilizzarla anche se non vi siete scottati e volete semplicemente sentirvi freschi e leggeri.

 

La patata è ottima per curare le scottature in generale. Contiene la solanina che non permette che si formino le bolle di acqua (dolorosissime) e da sollievo immediato al bruciore. Come fare? E’ semplicissimo, applicate una fetta di patata sui punti critici e lasciarcela per una ventina di minuti oppure, nel caso si tratti del viso, basta grattugiare una patata e spalmare il succo sulla parte dolente. 

 

Ora parliamo dell’aceto e latte. Non storcete il naso, vi assicuro che funziona ….

 

Mettete in una terrina o in un pentolino mezzo bicchiere di latte e mezzo di aceto (ovviamente se le scottature sono su tutto il corpo mettetene di più). Lasciate riposare il liquido per circa un oretta poi, quando il latte comincia a fare il caglio spalmatelo sulle zone arrossate.

 

Un altro rimedio miracoloso è l’uovo. Prendete la chiara e montatela a neve. Una volta montata spalmatela sulle bruciature ed aspettate che inizi a seccarsi, ve ne renderete conto perche la pelle inizierà a tirare leggermente. A quel punto fatevi una doccia tiepida oppure togliete la chiara dell’uovo lavandovi le parti dove avete spalmato la chiara. La pelle sarà più morbida, liscia ed il bruciore sarà praticamente quasi sparito.

 

Se in casa avete la vasca da bagno potete utilizzare l’amido di riso che anch’esso è un altro ottimo rimedio. Riempite la vasca di acqua tiepida e versateci un bicchiere di amido di riso. Immergetevi e rilassatevi. A fine bagno vi sentirete molto meglio e le scottature non dovrebbero più darvi fastidio.

 

Se la zona ustionata è piccola potete inumidire un asciugamano e metterci un pochino di amido di riso e tamponare delicatamente l’area “incriminata” oppure potete fare una specie di crema mescolando l’amido con l’acqua ed applicarlo direttamente sulla zona ustionata.

 

Gli ultimi due rimedi sono l’acqua e aceto (che non profuma assolutamente e che è da evitare per tutti coloro a cui da fastidio l’odore dell’aceto) e l’alcool denaturato (anche questo non ha una profumazione molto gradevole).

 

Per quanto riguarda l’acqua e aceto bisogna versare in un bicchiere (e qui dipende da quanto è estesa la scottatura) due dita di acqua e due dita di olio ed aggiungere un cucchiaio di aceto. Bagnate un fazzoletto di cotone e mettetelo sulla zona ustionata lasciandolo fino a quando la stoffa non sarà calda. Ripetete l’operazione sino a quando non vedete che l’area non sarà più arrossata poi  idratate la pelle con un buon doposole o con una crema idratante.

 

Se la scottatura che vi siete procurati vi ha causato qualche linea di febbre è meglio ricorrere ad un medico.

Fonte http://www.oltrelecolonne.it/

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

lingua italiana
lingua italiana
beneficenza
beneficenza
scienza
scienza
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
scuola
scuola
salute
salute
mamme
mamme
amore e dintorni
amore e dintorni
simboli e archetipi
simboli e archetipi
psicosomatica
psicosomatica
numerologia
numerologia
astrologia
astrologia
autismo
autismo
riflessioni
riflessioni
filosofia
filosofia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!