Faredelbene.net



medicina naturale -> Rimedi naturali per combattere e prevenire i geloni


Rimedi naturali per combattere e prevenire i geloni




Prevenire e combattere i geloni con Aloe vera, propoli e miele di manuka, ed altri rimedi naturali

La pelle delle mani o dei piedi si arrossa e diventa piano piano bluastra, brucia e può addirittura aprirsi: sono i geloni, dolorose infiammazioni dei piccoli vasi sanguigni presenti nella pelle causate da un improvviso riscaldamento dopo un'esposizione a basse temperature. Capita, così, che le dita si gonfino e che inizino a prudere. Il problema può durare delle settimane, durante le quali al dolore si somma il rischio di infezioni. Fortunatamente è possibile cercare di combattere i sintomi ed evitare che la situazioni peggiori.

Il primo accorgimento sta nell'evitare il più possibile di grattarsi e di esporre mani o piedi al freddo. La pelle deve essere tenuta al caldo ma lontana da fonti di calore e il più possibile pulita per ridurre il rischio di infezione. Per alleviare prurito e gonfiore è possibile affidarsi a creme e lozioni, ma anche i rimedi naturali possono aiutare a combattere i geloni.

Nella lista di quelli considerati più efficaci sono inclusi l'aloe vera, la propoli e il miele di manuka, tutti da applicare sulla pelle per alleviare i sintomi e promuovere la guarigione. In caso di prurito si può provare anche con l'applicazione di olio essenziale di pepe nero, mentre contro il dolore sono più efficaci l'olio di cocco, la lavanda e il tea tree. Attenzione, invece, alla vitamina D: in passato veniva consigliata nel trattamento dei geloni, ma alcune ricerche hanno rilevato che questo tipo di terapia non funziona.

 

In alcuni casi questi accorgimenti sono sufficienti ad affrontare il problema, ma nel caso in cui il dolore aumenti, se i geloni non scompaiono in 1 o 2 settimane al massimo o se si ha il sospetto che possa essere presente un'infezione è bene rivolgersi al medico. Inoltre chi soffre di problemi di circolazione o di diabete dovrebbe contattare subito il medico per prevenire eventuali complicazioni.

Una volta superato il problema è importante prevenire la sua ricomparsa. Per farlo è bene evitare o limitare l'esposizione al freddo, scegliere un abbigliamento caldo, mantenere una temperatura confortevole negli ambienti interni e coprirsi il più possibile quando si affrontano basse temperature senza dimenticare di proteggere adeguatamente anche i piedi, le mano e il viso. Infine, nel caso in cui la pelle sia esposta al freddo è bene cercare di riscaldarla gradualmente in modo da evitare il riscaldamento improvviso che può scatenare i geloni.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Cosa significa sognare di essere nudi?

Scopriamo cosa significa sognare di essere nudi.

Sognare di essere nudi è spesso accompagnato da un senso di vergogna. Spesso si cerca di fuggire o nascondersi, e a volte può subentrare una strana inibizione che impedisce di muoversi e di coprirsi.

Se ci capita di sognare di essere nudi in mezzo a persone sconosciute, che spesso hanno un'espressione indifferente o comunque non sembrano scandalizzate dalla nostra nudità, il sogno potrebbe appagare un desiderio inconscio di ritorno alle origini o all'infanzia, in cui la nudità era vissuta come un momento liberatorio. Si tratta comunque di un sogno ambivalente, perché il sognatore può provare molto imbarazzo.

Può anche accadere di sognare la propria nudità di fronte a persone conosciute, di fronte alle quali proviamo disagio a svelarci. Freud classifica questo sogno come sogno di esibizione, il cui significato potrebbe essere una segreta fantasia di trovarsi al centro dell'attenzione. La sensazione di disagio che proviamo potrebbe essere un modo in cui il nostro inconscio censura l'euforia che provoca lo spogliarsi.

Un altro possibile significato del sogno di essere nudi potrebbe essere il desiderio di essere riconosciuti per ciò che si è, senza pregiudizi, al di là di ogni maschera sociale.

Quando nel sogno compare un'altra persona nuda, i significati possono essere molteplici. Se è il partner o la persona desiderata ad essere nuda, ad esempio, non per forza si tratta di un sogno a sfondo sessuale; la nudità di una persona, infatti, potrebbe indicarne la vulnerabilità. Se qualcuno si spoglia davanti a noi, analogamente, potrebbe trattarsi di qualcuno che vuole aprirsi alla confidenza.

Sognare di essere nudi nella Smorfia Napoletana

Secondo la Smorfia Napoletana la nudità è associata al numero 33, il nudismo al 37 e l'essere nudo al 35. Diversi numeri, poi, caratterizzano diversi luoghi: essere nudo al balcone, 63; arrestato, 51; al mare,34; al sole, 77; che dorme, 68; che fa il modello, 50; che fugge, 33; che si lava, 2; che trema, 34; in bagno, 77; in casa, 69; in pubblico, 20; in strada, 8.

Fonte interpretazione-sogni.com

Leggi anche

Sognare un angelo





Categorie

fisica quantistica
fisica quantistica
Vini e dintorni
Vini e dintorni
arte
arte
diete
diete
autismo
autismo
medicina
medicina
medicina naturale
medicina naturale
salute
salute
stile & bon ton
stile & bon ton
io non ci sto
io non ci sto
artisti
artisti
scuola
scuola
sesso
sesso
animali
animali
itinerari
itinerari


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!