Faredelbene.net



medicina naturale -> 10 rimedi naturali per la cura dell'herpes labiale


10 rimedi naturali per la cura dell'herpes labiale




L'herpes labiale è un'infezione provocata da un virus denominato Herpes Simplex

La sua presenza nell'organismo può essere latente per lunghi periodi e manifestarsi attraverso la formazione di bollicine e lesioni sulle labbra o ai bordi di esse in particolari periodi di stress o di affaticamento.

L'herpes può scomparire da solo in una decina di giorni, ma se si desidera velocizzarne la guarigione è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali, nel caso si preferisca evitare l'utilizzo dei comuni farmaci. Ecco alcuni consigli orientativi in merito.

1) Estratto di equiseto

L'estratto di equiseto viene solitamente venduto in polvere e consigliato per la cura dell'herpes labiale per via della suo contenuto di silice organica, una sostanza in grado di aiutare l'organismo a ristabilire l'equilibrio delle cellule danneggiate per quanto riguarda l'osmosi. Esso contiene anche altri elementi benefici come lo zolfo, il calcio e lo zinco.

2) Succo di limone

Il succo di limone può essere utilizzato da applicare come impacco sull'herpes labiale per facilitarne la guarigione. L'acidità del succo di limone potrà velocizzare il processo di formazione delle crosticine e la scomparsa dell'herpes. Esso dovrà essere applicato delicatamente imbevendo il lembo di un fazzolettino di cotone.

3) Oli essenziali

Per quanto riguarda gli oli essenziali, sono ritenuti efficaci da applicare direttamente sulla zona interessata quelli estratti da geranio ed eucalipto. Esistono anche oli essenziali da assumere per via orale, contenuti in apposite capsule. In questo caso il medico o l'erborista potrebbero consigliarvi di orientarvi verso l'olio essenziale denominati come Melaleuca quinquinervia (Tea Tree Oil), Ravensara aromatica e Eucalyptus raviata.

4) Aceto

Una volta che le vescicole dell'herpes labiale sono comparse, a patto che non si abbia una pelle particolarmente sensibile, è possibile provare a trattare la parte applicando dell'aceto di vino bianco con l'aiuto di un batuffolo di cotone, ma senza strofinare eccessivamente. L'applicazione di aceto di vino bianco velocizza la guarigione dell'herpes.

5) Melissa

Le foglie essiccate di melissa possono essere acquistate in erboristeria ed utilizzate per preparare un infuso da applicare come impacco sull'herpes labiale al fine di lenire il prurito o il dolore che esso può provocare. L'infuso dovrà essere applicato sotto forma di impacco una volta tiepido con l'aiuto di un batuffolo o di un fazzolettino di cotone.

6) Echinacea

Pomate naturali a base di echinacea o estratti di echinacea vengono consigliati dalla fitoterapia come rimedi per rendere più rapida la guarigione dell'herpes labiale e per alleviare i fastidi ad esso legati. Un'altra soluzione utile potrebbe consistere nel ricorso alla tintura madre di echinacea. L'echinacea possiede proprietà immunostimolanti e antinfiammatorie utili per la cura dell'herpes labiale.

7) Salsapariglia

La medicina fitoterapica cinese consiglia tra i possibili rimedi naturali per la cura dell'herpes labiale il ricorso alla salsapariglia (Smilax aspera), appartenente alla famiglia delle liliacee, come stimolante del sistema immunitario della quale utilizzare la radice per la preparazione di infusi da impiegare come impacchi sulla pelle oppure sotto forma di tintura madre, da assumere diluita in acqua.

8) Bardana

La bardana è considerata una delle piante erbacee più indicate per la cura di disturbi della pelle come dermatiti ed eczemi. Essa può essere utilizzata una volta essiccata per la preparazione di infusi da utilizzare tiepidi per la preparazione di impacchi da applicare sull'herpes labiale immergendo nel liquido il lembo di un fazzolettino in cotone.

9) I cibi da preferire

Quando l'herpes labiale compare, l'organismo ha ancora maggiormente bisogno di impiegare un elemento nutritivo chiamato lisina, utile per aiutarlo a dare vita a nuovi tessuti a seguito di lesioni. La lisina viene ricavata dall'organismo attraverso il cibi, grazie all'assunzione di legumi come ceci, lenticchie, fagioli e soia.

10) I cibi da evitare

Tra gli alimenti imputati di poter riattivare il virus latente dell'herpes, vi sono i cibi ricchi di arginina, come il cioccolato, le arachidi, le mandorle e le noci. Questi alimenti andrebbero il più possibile evitati sia quando l'herpes labiale è già comparso, sia nel caso si sappia di esserne frequentemente soggetti. Andrebbe inoltre limitato il consumo di alcol, caffè e bibite gassate, che potrebbero aggravare l'infiammazione.
 

Fonte: Marta Albè

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
miti e leggende
miti e leggende
bonus e incentivi
bonus e incentivi
io non ci sto
io non ci sto
itinerari
itinerari
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
attualit
attualit
mamme
mamme
amore e dintorni
amore e dintorni
bambini
bambini
animali
animali
numerologia
numerologia
artisti
artisti
sesso
sesso


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!