Faredelbene.net



libri e recensioni -> Alimentazione Salute Benessere -> Il tuo corpo implora acqua


Il tuo corpo implora acqua




Un testo prezioso e semplice per una cura preventiva con l’acqua, pubblicato dalla Macro Edizioni, Il tuo corpo implora acqua

Tante delle malattie che attualmente affliggono milioni di persone in tutto il mondo derivano da una semplice causa non riconosciuta: non beviamo acqua a sufficienza. Quando il nostro corpo di tanto in tanto protesta attraverso il dolore, noi chiamiamo questi disperati segnali di sete (disidratazione) asma, diabete, artrite, angina, obesità, morbo di Alzheimer, alto tasso di colesterolo, ipertensione e così via. Questa è la rivoluzionaria scoperta medica del Dott. Batmanghelidj, iraniano: Se bevessimo giornalmente più acqua, egli sostiene, molte malattie degenerative potrebbero essere prevenute, o perfino curate. L’autore scoprì per la prima volta i poteri terapeutici dell’acqua in una prigione di Teheran dove fu recluso durante la rivoluzione del 1979.

Caduto prigioniero durante la “rivoluzione” iraniana che rovesciò lo Scià, proprio nel dover curare senza mezzi i suoi compagni di carcere, prescrisse a uno dei suoi compagni di pena l’unico medicamento che avesse a disposizione: un paio di bicchieri d’acqua. Dopo il suo rilascio, il Dott. Batmanghelidj si trasferì negli USA per iniziare ulteriori ricerche circa l’uso dell’acqua come medicina. Quasi totalmente ignorato dall’ Associazione Medica Americana, dopo aver esposto le sue scoperte quasi 20 anni fa, ha reagito scrivendo un libro ” Il tuo corpo implora l’acqua” per supportare i suoi numerosi, accurati e meticolosi articoli scientifici. Secondo Batmanghelidj, l’acqua è la sostanza fondamentale e l’agente principale in tutti i processi che si verificano normalmente nel corpo umano. Egli dimostra, in teoria e attraverso molti esempi di guarigioni, che il non raggiungimento del fabbisogno giornaliero, che egli chiama “disidratazione”, può causare molti tipi di malattie. Egli afferma che la più grande scoperta di tutti i tempi a proposito della salute è che l’acqua sia la cura naturale per un ampio numero di disturbi.
L’effetto positivo dell’acqua sul nostro organismo è dovuto al suo potere depurante e disintossicante. Il nostro organismo riceve, attraverso l’ambiente e l’alimentazione, molte sostanze tossiche. Altre ne crea attraverso lo stress e le abitudini emotive negative.

L’acqua oltre ad essere indispensabile per tutte le funzioni più importanti dell’organismo, può funzionare anche da drenante delle sostanze tossiche introdotte o create e quindi, anche per questa via, può funzionare da sostanza terapeutica e favorevole alla salute. Per capire l’importanza del ruolo dell’acqua nel corpo umano si consideri anche che esso è composto per una percentuale del 75% proprio di acqua.

Una pluralità di segnali di emergenza indicano che il corpo sia disidratato cioè non sufficientemente fornito di acqua. Quando il corpo è disidratato, visto che dispone solo dell’acqua che è al suo interno, attiva un sistema di razionamento e distribuzione dell’acqua disponibile, secondo un predeterminato programma di priorità. La mancanza cronica di insufficiente acqua può causare allergie, asma e dolori cronici in diverse parti del corpo. Fra questi dolori cronici ci sono: il mal di stomaco, l’acidità, la gastrite, l’ulcera, l’artrite reumatoide, l’angina, il dolore lombare, l’emicrania, il dolore da colite e stitichezza. Di conseguenza questi dolori e disturbi dovrebbero essere trattati con regola e con maggior quantità d’ acqua giornaliera. Le indicazioni del Dott. Batmanghelidj valgono soprattutto per  prevenire tutti i disturbi indicati. Se invece si soffre già di uno o più disturbi legati alla disidratazione e la malattia non è giunta ad uno stadio irreversibile si può ben sperare di poter guarire. Occorre però non immaginare di poter capovolgere la situazione in un lampo “annegandosi” nell’acqua. Bisogna procedere con buon senso e gradualità. Si incomincia con l’aumentare gradualmente la quantità di acqua bevuta e si osserva se aumenta corrispondentemente anche l’urina. Se si stanno prendendo dei diuretici essi possono essere ridotti gradualmente e poi eliminati perché l’acqua è in assoluto il miglior diuretico esistente, per di più naturale, sempre ammesso che i reni non siano stati danneggiati in precedenza.

Secondo il Dott. Batmanghelidj il nostro corpo ha un assoluto bisogno di circa 2 litri d’ acqua al giorno. In questo conteggio non sono incluse bevande come l’alcool, il caffè, il tè e le bevande contenenti caffeina, che andrebbero escluse. Sono inoltre sconsigliate bevande artificiali. I momenti migliori per bere acqua sono al mattino presto e poi in relazione ai tre pasti principali (colazione, pranzo e cena), bevendo un quarto di litro, sia mezz’ora prima che due ore e mezzo dopo ogni pasto principale. L’ultima bevuta di acqua può essere fatta prima di andare a dormire.

Il motivo per cui pochi sanno dell’ importanza dell’acqua è data dal fatto che, con la cura dell’acqua nessuno ci guadagna se non il paziente. Le industrie chimiche, che dominano il sistema sanitario e la ricerca scientifica, sono contro tale tipo di terapie perché mette in discussione il loro operato. Oggi siamo nella situazione scandalosa in cui di nessuna grave malattia cronica, la medicina convenzionale indica e fornisce la causa.

Si limita a identificare e descrivere le malattie, i loro sintomi ed individuare i medicinali con cui trattarli per reprimerli, quando non sia consigliato l’intervento chirurgico. I pazienti non devono essere guariti, ma devono essere resi in grado di assumere per tutta la vita grandi quantità di medicinali, sopportando le controindicazioni, gli effetti collaterali e le nuove malattie generate dai farmaci stessi. La ricerca è indirizzata principalmente in base ai desideri delle industrie farmaceutiche.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

amore e dintorni
amore e dintorni
stile & bon ton
stile & bon ton
news
news
diete
diete
attualit
attualit
astronomia
astronomia
bambini
bambini
lingua italiana
lingua italiana
significato sogni
significato sogni
tradizioni
tradizioni
psicologia
psicologia
autismo
autismo
sesso
sesso
medicina
medicina
antroposofia
antroposofia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!