Faredelbene.net



fisica quantistica -> Attenzione a cosa chiedi, perch ti sar dato


Attenzione a cosa chiedi, perch ti sar dato




Bisogna stare molto attenti a quello che chiediamo, perché l’Universo ci risponde sempre con la massima precisione

Ho voluto scrivere questo articolo per sottolineare un’aspetto della legge di attrazione che forse non tutti hanno considerato nel suo pieno significato.
Molti infatti esprimono i loro desideri non facendo bene attenzione al contenuto di quello che stanno chiedendo. Dovete considerare che ogni nostro pensiero è un ordine che viene sempre eseguito ‘alla lettera’. Quando dico ‘alla lettera’ intendo dire che qualsiasi particolare deve essere espresso con la massima precisione, non lasciando nulla al caso.

Voglio raccontarvi un paio di episodi che mi sono capitati in passato, quando ancora questo concetto della precisione non mi era poi così chiaro.

Vivere in un residence

Qualche anno fa, avendo appena scoperto l’esistenza della  legge di attrazione, preso dall’entusiasmo di poter chiedere all’Universo qualsiasi cosa, pensai subito che sarei potuto diventare ricco in breve tempo (originale, non trovate?).
Dato che però avevo sentito dire che non bisogna mai chiedere denaro (qualche anno dopo scoprii che questo è vero solo in parte, come spiego ampiamente nel mio libro “La via della Creazione Consapevole“), iniziai a chiedermi cosa facessero di solito le persone ricche, così da poter chiedere la stessa cosa, invece del vile denaro.

Mi venne così in mente che molte persone ricche vivono in albergo, così iniziai, ogni notte prima di addormentarmi, a chiudere gli occhi e a immaginarmi dentro una stanza d’albergo.
Visto che potevo chiedere qualsiasi cosa, pensai che forse sarebbe stato più utile chiedere all’Universo di vivere in un residence, così avrei avuto anche tutti i confort di un piccolo appartamento, come per esempio una piccola cucina, un salottino per ricevere gli amici, ecc.

Nelle mie visualizzazioni mi immaginavo rientrare la sera e venir salutato dall’addetto alla reception, prendere la chiave e salire al mio appartamento, trovandolo ogni volta perfettamente pulito e rassettato, sentendo in me la soddisfazione di poter vivere finalmente la vita dei miei sogni.

Ho fatto queste visualizzazioni per almeno 5-6 mesi, quasi tutte le sere, per poi quasi dimenticarmene (ho capito più tardi che il ‘dimenticarsene‘ è di fondamentale importanza).
Circa un anno e mezzo dopo, l’azienda per cui lavoro mi offre di andare a lavorare per un periodo di circa due anni a Parigi, per supervisionare un importante progetto.

Indovinate un pò dove ho vissuto per quei due anni?
Esatto, proprio in un residence, nel centro di Parigi, in un appartamento con un angolo cottura e un piccolo salotto. E proprio come nelle mie visualizzazioni, tutte le sere rientrando dal mio ufficio venivo accolto con il saluto dell’addetto alla reception, che ormai conoscendomi mi consegnava la chiave della stanza senza che io dovessi ricordargli il numero.

Tutto come avevo visualizzato, fin nei minimi particolari, con una precisione sconcertante. Il problema però è che non ero diventato ricco, perchè la stanza era pagata dalla mia azienda, e io continuavo a percepire il mio normale stipendio. Dove avevo sbagliato?

Avevo semplicemente ‘dimenticato‘ di sentirmi ricco in quelle visualizzazioni. Ecco qual era stato l’errore. L’Universo riproduce tutto alla lettera, comprese le nostre emozioni. Così l’Universo mi ha portato tutto quello che avevo chiesto, facendo anche in modo che nella realtà, in quel residence, io mi sentissi la stessa persona di sempre, così come avevo fatto durante le visualizzazioni.

Il mio attico di 140 mq

Se non siete ancora convinti, sentite quest’altro episodio.
Circa un anno fa, stanco di vivere nella mia casa di Fiumicino, decisi che era venuto il momento di cambiare e tornare a vivere a Roma, la mia amata città natale.
Nel frattempo, indipendentemente da questa mia esigenza, iniziai anche a redigere i 101 desideri con la tecnica descritta da Igor Sibaldi (per chi non conosce la tecnica, trovate il video in fondo a questo articolo). Dato che Sibaldi invita a esagerare nell’esprimere i propri desideri, scrissi come uno dei 101 desideri quello di volere un bellissimo attico da 140 mq nei pressi della zona di Roma in cui lavoro (per chi conosce Roma, vicino Villa Pamphili).

Dato che non potevo permettermi un attico di quella metratura in quella zona di Roma, non avevo minimamente collegato quel desiderio alla ricerca di casa che stavo effettuando, tant’è che non stavo cercando affatto un attico. Per l’Universo però quello era un desiderio espresso, quindi un ordine ben preciso da esaudire, sul quale tra l’altro stavo anche operando attraverso delle azioni ben precise, come il fatto che mi misi a scandagliare tutti gli annunci di appartamenti in quella zona (l’azione che segue un desiderio è di fondamentale importanza, non dimenticatelo).

A un certo punto, per brevità non vi spiego come (ma c’è della magia anche nel modo in cui la cosa è arrivata), mi venne offerto un attico con vista su Villa Pamphili, più o meno al prezzo che intendevo spendere.
Indovinate un pò? L’attico era composto da un appartamento di 40 mq più un enorme e bellissimo terrazzo da 100 mq.

Ebbene sì, l’Universo mi aveva portato un attico con una metratura totale di 140 mq, esattamente come avevo chiesto. In questo caso, nello scrivere il desiderio, non avevo indicato la metratura della parte coperta, e quindi l’Universo ha fatto quello che meglio credeva per me. E dato che vivo da solo, di un’appartamento di 140 mq non avrei saputo proprio cosa farmene.
Strabiliante, non trovate?

Fai sempre la richiesta giusta

Avrai capito, quindi, che è molto importante chiedere con precisione quello che desideri, cercando di immaginare tutti i particolari, senza trascurarne nessuno. Importantissima è l’emozione che provi mentre visualizzi il tuo desiderio.

La perfezione di Dio si riflette nella perfezione dell’intero Creato, pertanto non dimenticare mai di fare attenzione a cosa chiedi, perchè poi ti verrà dato con una precisione sconcertante.

Paolo Marrone

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

stile & bon ton
stile & bon ton
coppia
coppia
casa
casa
libri e recensioni
libri e recensioni
religioni
religioni
itinerari
itinerari
pedagogia
pedagogia
miti e leggende
miti e leggende
Vini e dintorni
Vini e dintorni
lingua italiana
lingua italiana
autismo
autismo
significato sogni
significato sogni
lavori creativi
lavori creativi
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
significato dei colori
significato dei colori


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!