Faredelbene.net



filosofia -> Pico della Mirandola e il suo compagno


Pico della Mirandola e il suo compagno




Visitando la chiesa di San Marco, a Firenze, si  potrebbe scorgere la tomba in cui è stato sepolto Giovanni Pico della Mirandola. Nato il 24 febbraio 1463 e morto il 17 novembre 1494, in vita ebbe un'«affettuosa amicizia» con l'umanista Girolamo Benivieni

 

La loro relazione viene liquidata in poche parole dalla maggior parte delle biografie, ma pare che ai tempi il loro amore fosse risaputo (probabilmente fu quello il motivo che spinse Girolamo Savonarola a sostenere che l'anima di Pico non aveva potuto andare subito in Paradiso, ma avrebbe dovuto soggiornare per un certo tempo nel Purgatorio a causa di «certi peccati»).
Ben più aperta a quella relazione appaiono invece i fatti: i due vennero sepolti nella stessa tomba e nell'incisione è ancor oggi possibile leggere: «Qui giace Giovanni Mirandola, il resto lo sanno anche il Tago e il Gange e forse perfino gli Antipodi. Morì nel 1494 e visse 32 anni. Girolamo Benivieni, affinché dopo la morte la separazione di luoghi non disgiunga le ossa di coloro i cui animi in vita congiunse Amore, dispose d'essere sepolto nella terra qui sotto. Morì nel 1542, visse 89 anni e 6 mesi».

Assai influenzato da Platone, Pico accettava l'ideale dell'"amore socratico" fra uomini popolarizzato da Marsilio Ficino. Così egli lo descrive:

"Nell'amor celeste (...) tutto tende, e si drizza [dirige] alla bellezza spirituale dell'animo, e dell'intelletto, la quale molto più perfetta si trova ne' maschi, che nelle donne, come d'ogni altra perfezione si vede; però [perciò] tutti coloro, che di questo Amore sono stati accesi, hanno la maggior parte amato qualche giovane d'indole generosa, la cui virtù è stata ad altri tanto più grata, quanto più quella è stata in un bel corpo, e non si sono effeminati dietro a uno armento [mandria] di meretrici" [1].

Gli antichi greci che amarono di questo amore,

"tutti non desideravano di esequire con li loro amati alcuna cosa sozza, come si credono molti, che con la misura de' loro vituperosi desideri misurano i celesti pensieri di coloro; ma solo per eccitarsi della bellezza corporale esteriore a riguardare quella dell'Anima, dalla quale emanò, e pervenne a quella corporea, ed essendo quella dell'Anima una partecipazione della Bellezza Angelica, surgendo più in su, elevarsi ad un più sublime grado di contemplazione, tanto che si pervenga al primo fonte di ogni bellezza, ch'è Iddio" [2].

Pico visse questo * tipo di "celeste amore" con Girolamo Benivieni (1453-1542), anch'egli fervente cristiano e neoplatonico, che reciprocò i suoi ardori.

Quanto possa essere costato a Pico sublimare i suoi istinti ce lo rivela comunque il superiore dell'Abbazia di Fiesole, Matteo Bossi, che in una lettera lodò come santo e virtuoso l'ossessivo controllo di sé del nostro, tale da spingerlo alla misantropia:

"Quale santità di vita e pietà religiosa (...), quale ardore verso le cose divine quale profumo di castità e di pudicizia.
Egli aveva allontanato talmente il piede da ogni mollezza e tentazione della carne da sembrare che, al di là dei sensi e dell'ardore giovanile, vivesse una vita da angelo evitando i colloqui, lo sguardo, gli atteggiamenti da cui potesse sorgere il pericolo di desiderare o di essere desiderato(...).

Da lui ho udito una volta, con molta confidenza e amicizia, che possedeva il dominio contro le forze e i richiami della libidine in modo da non avere tentazioni più gravi di quelle di un fanciullo di sette anni" [3].

Misantropia, la sua, che "ovviamente" portava anche al rifiuto del matrimonio:

Pensa - gli scriveva amico - alla "rex uxoria", cioè prendi moglie. Ma Pico da questo orecchio non ci sentiva e non gli rispose neppure. (...)
A sposarsi non pensò mai perché rifuggiva da ogni vincolo, perfino quello religioso [sic!] [4].
Eppure alla sua morte fra' Girolamo Savonarola, che conosceva Pico, fece durante una predica una rivelazione che destò scalpore: l'anima di Pico non aveva potuto andare sùbito in Paradiso, ma era assoggettata per un certo tempo alle fiamme del Purgatorio-per certi peccati (che non nominò). Che perciò i presenti pregassero per la sua anima [5].

La notizia, detta e non detta, fece discutere: alla fine si concluse che Pico aveva avuto una amante o una concubina segreta.
Vai tu a sapere, a cinque secoli di distanza, quale fosse la verità, ma la probabilità che Pico avesse semmai avuto un amante (forse lo stesso Benivieni?) diviene meno incredibile oggi, mentre stanno emergendo i documenti che mostrano la rilevanza dell'omosessualità nella cerchia degli amici di Pico, come Ficino o Poliziano.

Resta inoltre la circostanza della morte improvvisa di Pico a soli due mesi dall'altrettanto repentina morte del Poliziano, a sua volta morto poco dopo un giovane prostituto che l'accusò d'averlo contagiato (anche se forse è più probabile l'opposto). 
In passato s'è parlato di avvelenamento, ma di recente s'è sospettato che Poliziano e Pico siano stati fra le prime vittime della grande epidemia di sifilide che colpì l'Europa nel 1493-1494, con sintomi acuti e decorso rapidissimo[6].

Ma non voglio spingermi oltre sulla strada delle ipotesi, anche perché, a mezzo millennio di distanza, ogni ipotesi (compresa quella dell'avvelenamento) può essere solo illazione.

Restiamo dunque ai fatti, cioè alla circostanza che

Girolamo Benivieni, quando Pico morì, fu sul punto di suicidarsi e volle essergli sepolto vicino.
Sotto loro trovò poi posto anche Poliziano, che era morto, a quarant'anni, circa due mesi prima di Pico, lasciandolo in un dolore muto, ma straziante [7].

Ecco arrivato il momentodi parlare di Girolamo Benivieni, che condivise (e la cosa giunti a questo punto non stupirà di certo) il medesimo entusiasmo di Pico per l'amore divino, rigorosamente fra uomini.

Trascrivo a titolo di esempio un suo sonetto d'amore spirituale per Pico della Mirandola:
 

"Se in fra gli altri pensier che in mezzo al core
misero, han posta lor superba sede
veder d'alcun come la mente il vede,
signor, potessi il suo proprio valore,
vedresti bensì come in cima Amore
de' tuoi superbi don ricco si siede,
e come irato al cor null'altro or chiede,
se non ch'io torni a te, dolce signore.

Quinci cresce il disio, che a lento corso,
l'ali mie impenna; quinci il dolce sono
del suo troppo amoroso stil mi sforza.

Di qua fortuna, e con più duro morso
mi tiene, così in fra l'una e l'altra forza
afflitto in dubbio di mia vita sono" [8].

È commovente vedere come queste premesse non furono tradite dal Benivieni, che fu preceduto dall'amato nella morte di quasi mezzo secolo, e che ciò nonostante non lo dimenticò mai, al punto da farsi seppellire assieme a lui.

La tomba comune di Giovanni Pico e Girolamo Benivieni in San Marco, Firenze. 
Da Jacobelli, p. 68.

L'antica lapide sulla loro tomba, tuttora visibile nella chiesa di san Marco a Firenze, in latino, dice: 

Qui giace Giovanni Mirandola, il resto lo sanno
anche il Tago e il Gange e forse perfino gli Antipodi.
Morì nel 1494, visse 32 anni.

Girolamo Benivieni, affinché dopo la morte la separazione di luoghi non disgiunga le ossa di coloro i cui animi in vita congiunse Amore, dispose d'essere sepolto nella terra qui sotto.

Morì nel 1542, visse 89 anni e 6 mesi [9].

in vita coniunxit Amor

Sul retro della tomba (non visibile nella chiesa) appare anche un'altra lapide che inizia in latino e si conclude in italiano (questa parte della lapide fu fatta evidentemente scrivere da altri):

Girolamo Benivieni per Giovanni Pico della Mirandola e se stesso pose nell'anno 1532.
Io priego Dio Girolamo che 'n pace
così in ciel sia il tuo Pico congiunto
come 'n terra eri, et come 'l tuo defunto
corpo hor con le sacr'ossa sue qui iace [10].

amor

Non sapremo mai se Pico fu casto o no, o se il suo amore con il Benivieni fu "consumato" o meno. A noi però questa delicata testimonianza basta comunque per capire che quello fra lui e Girolamo fu amore vero.

amor

Fonti 

http://gayburg.blogspot.it/

giovannidallorto.com

 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

io non ci sto
io non ci sto
miti e leggende
miti e leggende
medicina naturale
medicina naturale
significato dei colori
significato dei colori
riflessioni
riflessioni
vegan & co.
vegan & co.
itinerari
itinerari
simboli e archetipi
simboli e archetipi
astrologia
astrologia
medicina
medicina
Vini e dintorni
Vini e dintorni
bonus e incentivi
bonus e incentivi
filosofia
filosofia
religioni
religioni
scomode verit
scomode verit


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!