Faredelbene.net



diete -> Frutti esotici per dimagrire


Frutti esotici per dimagrire




Tra tanti frutti esotici ne esistono alcuni  innocui dal punto di vista calorico e dotati di proprietà drenanti, digestive …e persino afrodisiache

Eccoli:


Ananas

Utilizzato nelle diete dimagranti e anti cellulite per lo spiccato effetto diuretico, viene anche consigliato alla fine di un pasto a base di carne o pesce perché contiene un enzima (bromelina) che favorisce la digestione delle proteine. Contiene 64 calorie ogni 100 grammi.

Papaya

Presenta una buccia verde quando è acerba, gialla se matura. Contiene 28 calorie ogni 100 grammi. E in più ha un enzima (la papaina) che facilita la digestione delle proteine.

Mango

Originario dei paesi tropicali è caratterizzato da una polpa fresca e dolce ideale da consumarsi come macedonia o sorbetto. Vale 53 calorie all’etto.

Kiwi

Il kiwi è originario della Nuova Zelanda. Ricchissimo di vitamina C (batte persino gli agrumi), è adatto a chi soffre di stitichezza ostinata. Contiene 44 calorie ogni 100 grammi.

Banana

È una miniera di potassio e di fibre benefiche che stimolano dolcemente la funzionalità intestinale. Consigliata a chi suda molto e durante la convalescenza di bambini e anziani, contiene 65 calorie ogni 100 grammi.

Babaco

È un frutto esotico non molto conosciuto, dal sapore simile a quello della papaya. Contiene solo 21 calorie ogni 100 grammi e contiene una discreta quantità di potassio.

Granadilla

Più conosciuta come frutto della passione, ha un sapore dolce con una piacevole punta acidula. È ottimo consumato tagliato a pezzi e mescolato a yogurt magro. Vale 90 calorie ogni 100 grammi. 

Per depurarsi e alleggerirsi

- Una volta alla settimana consumare solo ananas, a pranzo e a cena, è un ottimo rimedio per depurare l’organismo, sgonfiare la pancia e asciugare le caviglie gonfie.

- Chi soffre di stipsi ostinata, ma anche di colon irritabile, dovrebbe mangiare il mango: stimola l’intestino senza troppa "violenza".

- Una banana media contiene le stesse calorie di una grossa mela, ma sazia molto di più ed è una fonte di potassio, indispensabile per l’equilibrio idro-salino corporeo.

Tre ricette che mettono d’accordo linea e dolcezza

Il frullato vitaminico (per una persona)

Ingredienti: 100 gr. di pompelmo, 1 kiwi, 100 gr. di ananas, 1 manciata di lamponi, 1 manciata di more o mirtilli.

Preparazione: frullare gli ingredienti e servire fresco: disseta, è ricco di vitamina C e prepara l’organismo ad affrontare l’autunno.


Papaia cremosa (per due persone)

Ingredienti: 2 papaie, 1 manciata di ribes, 2 tuorli, il succo di un limone e la scorza di mezzo limone, 20 gr di fruttosio.

Preparazione: sbucciare le papaie e affettarle. Montare i tuorli col succo di limone, il fruttosio e la scorza grattugiata. Cuocere a bagnomaria per 5 minuti.Versare la crema sulla papaia, e servire col ribes.


Kiwi ripieni (per due persone)

Ingredienti: 4 kiwi, 1 tuorlo d’uovo, 2 cucchiai di zucchero, 80 gr. di ricotta, 1 bustina di vanillina.

Preparazione: amalgamare tuorlo, zucchero, ricotta e vanillina. Tagliare a meta I kiwi, scavare un pò la polpa e frullarla. Unire crema di kiwi e di ricotta e con una tasca da pasticceria riempire il frutto.

Fonte Riza

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Sognare un gatto, significato

Il gatto nei sogni  simboleggia l'istinto legato alla sfera femminile. E' il guardiano del focolare, colui che rappresenta il confort e la sicurezza del proprio appartamento. Ciò si ricollega anche al sentimento di sicurezza interiore. Il gatto associato alla casa è un segno di tranquillità e di pace dell'animo. E' anche il bisogno di avere un spazio tutto per sé, un luogo in cui ci si possa ritrovare e rassicurare. E' un segno femminile che può riguardare sia l'uomo sia la donna.

Sognare un gatto nero, gatto bianco
Il gatto nero è associato ai segni del destino. Generalmente indica che un avvenimento funesto o spiacevole rischia di succedere. Questa immagine superstiziosa, comunque, non prevale sempre e la presenza di un gatto nero può evocare anche il bisogno di un ritorno verso il focolare domestico o verso il proprio universo intimo, un po' trascurato. E' indice di un bisogno di intimità e introspezione. Il gatto bianco, invece, evoca l'arrivo di un lieto evento, per esempio una nascita; oppure può trattarsi della necessità di ritrovare la propria femminilità per una donna o la propria sensibilità per un uomo.

Sognare un gatto aggressivo
Un gatto aggressivo è l'espressione di un istinto sensibile che attacca chi lo sogna, coma la propria intimità che si vendiaca per essere stata trascurata (ciò può presentarsi sottoforma di malattia) o come una persona che nutre dei sentimenti negativi nei nostri confronti. Bisogna essere vigili e cercare di capire ciò che succede.

Sognare un gatto morto
La presenza di un gatto morto o che sta morendo esprime una negligenza verso se stessi, o psichica o fisica. Chi sogna un gatto morto deve porsi con urgenza una domanda: "che tipo di vita voglio vivere?" Il bisogno di sicurezza materiale e psicologica è pressante.

Fonte alfemminile.com





Categorie

beneficenza
beneficenza
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
libri e recensioni
libri e recensioni
popoli e culture
popoli e culture
casa
casa
mamme
mamme
scomode verit
scomode verit
numerologia
numerologia
filosofia
filosofia
lingua italiana
lingua italiana
antroposofia
antroposofia
religioni
religioni
miti e leggende
miti e leggende
coppia
coppia
medicina
medicina


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!