Faredelbene.net



curiositÓ -> 12 cose che le persone introverse vorrebbero che capiste


12 cose che le persone introverse vorrebbero che capiste




Nonostante i numerosi articoli, i libri e le conferenze sull’argomento, le persone introverse (o dalla cosiddetta personalità riservata) possono sentirsi ancora incomprese in una società che promuove continuamente i caratteri estroversi. Abbiamo raccolto i pareri di alcuni esperti e le risposte della comunità social sulle cause di questa incomprensione. Ecco una serie di cose su cui queste persone vorrebbero essere comprese

1. Non odiano le feste

Gli introversi non sono dei guastafeste che odiano divertirsi. Molti di loro amano andare alle feste se questo significa interagire con persone con cui sono a loro agio. La cosa fastidiosa delle occasioni sociali sono l’eccessivo carico di input e le conversazioni prive di sostanza. Come ha spiegato Laurie Helgoe nel suo libro “Introvert Power: Why your Inner Life is Your Hidden Strenght”, le persone riservate non amano le chiacchiere e preferiscono conversazioni più intime. “Chiariamo una cosa: gli introversi non amano chiacchierare, ma non significa che non gli piacciano gli altri” ha scritto. “Odiamo i convenevoli perché non siamo a nostro agio con le barriere che si creano tra le persone”.

2. Non sono asociali anche se desiderano tempo per sé stessi

Le persone introverse hanno bisogno di tempo per “ricaricarsi”, ma vogliono comunque frequentare gli amici dopo aver trascorso del tempo da sole. Non sono asociali, ma “socialmente selettive”. “Solo perché 9 volte su 10 declino il tuo invito, non significa che non voglio più essere invitato” come ha spiegato la lettrice Carolyn MaeLadas su Facebook.

3. Non sono dei libri aperti (e va bene così)

Difficilmente le persone introverse sputeranno la prima cosa che hanno in mente. L’abitudine di riflettere con calma è uno degli elementi caratteristici di questo tipo di personalità, praticamente opposto a quello degli estroversi, che esternano immediatamente i loro pensieri.
“Spero che le persone riescano a capire che non sento il bisogno di condividere ogni piccolo dettaglio della mia vita”, ha spiegato Claire MaySarlandie-Partiot su Facebook. “Se voglio parlarne, lo farò. Ma se non me la sento, è meglio non forzarmi. Mi renderà ancora più chiusa, come un’ostrica”

4. I loro spazi hanno un valore enorme

Le persone introverse sono più inclini a scegliere il posto lato corridoio, piuttosto che quello centrale, per evitare di essere “circondati”, come ha spiegato Carolyn Gregoire dell’HuffPost. Questo consente loro di allontanarsi se hanno bisogno di ricaricarsi.

5… Ma sì, vi concederanno un abbraccio

Dovete solo chiederlo prima. Un fumetto disegnato dall’artista Roman Jones riassume perfettamente l’interazione con una persona introversa: lasciate che v’invitino nella loro “bolla”.

6. Solo perché sono riservati, non significa che siano timidi

Spesso si accomunano personalità introverse e timide ma non è così. Gli introversi non hanno paura delle occasioni sociali, ma danno più valore alle interazioni personali e significative, e sono perfettamente a loro agio nella loro “comfort zone”.
“Sto bene nel mio guscio, ma non vuol dire che sia timido” ha spiegato il nostro lettore Jeremy Flowers su Facebook.

7. E non sono pieni di sé

Un atteggiamento riservato non è necessariamente altezzoso. Quando le persone introverse non partecipano più di tanto ad una conversazione, è perché preferiscono osservare. “Il mio essere riservata non ha a che fare con gli altri. Non significa che sono sgarbata o snob… Non è una cosa che posso controllare, ma ne sono perfettamente cosciente. Posso solo sforzarmi fino a diventare fastidiosa”, ha spiegato la lettrice Brittany Pettus su Facebook, spiegando che è stata anche presa in giro per questo suo modo di essere.

8. Non desiderano essere più socievoli

Molte persone credono che essere introversi sia un difetto, ma non i tipi più riservati, amano il loro carattere e non vogliono cambiare.
“Il rimedio non è diventare improvvisamente estroversi. Alcuni di noi non vogliono mai diventarlo”, ha ammesso Lori Armstrong su Facebook.

9. Hanno un atteggiamento diverso sul posto di lavoro

Le persone introverse non amano gli spazi di lavoro condivisi e a volte possono incontrare difficoltà a trovare un ambiente lavorativo ideale. Trovare un posto tranquillo, partecipare solo alle riunioni importanti e avere degli scambi di routine con i colleghi, può aiutarli a superare questi ostacoli, secondo Susan Cain, autrice di “Quiet: The Power of Introversts in A World that can’t stop talking”.

“Durante gli incontri di lavoro dove tutti esprimono chiaramente le loro idee, tendo a tirarmi indietro, ma ciò non significa che non sia interessata all’argomento sul tavolo o che non stia prestando attenzione”, ha spiegato la lettrice Marisa Honeb Fedele. “Ho solo bisogno del mio tempo per raccogliere i pensieri prima di esternarli all’interno di un gruppo”.

10. Non vanno proprio matti per le telefonate

Quando volete una conversazione “tecnologica”, optate per un messaggio. Le telefonate improvvise possono risultare invadenti e questo può portare ad evitare le vostre chiamate.
“Parlare al telefono può essere una forma di tortura. Preferisco i messaggi o la chat” ha spiegato Cindy Spreg su FB. “Vi prego, non offendetevi quando vi scrivo invece di richiamarvi. Non siete voi, sono io”.

11. Le feste a sorpresa sono una pessima scelta

Una grande festa dove l’introverso è al centro dell’attenzione? Assolutamente NO!
“Non voglio una festa di compleanno da sogno”, ha spiegato la nostra lettrice Jacke George “Preferisco avere accanto pochi amici per una serata di giochi, vino e conversazioni, piuttosto che una stanza piena di persone che conosco a malapena. NO!"

12. Hanno un’indole “intuitiva”

Le persone introverse riescono ad essere in armonia con quanto le circonda. Spesso colgono gli aspetti più sottili di conversazioni ed umori che non sono così evidenti ai soggetti estroversi. "Gli introversi sono ottimi osservatori”, ci ha detto la lettrice Cora Donnel. “Se non ci piacciono i vostri amici, è perché riusciamo a cogliere qualcosa in più”.

Fonte: Huffingtonpost.it

Autore: Lindsay Holmes

Editore: L'Huffington Post

Link: http://www.huffingtonpost.it/2015/04/24/12-cose-persone-introverse-vorrebbero-capiste_n_7134460.html

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
sesso
sesso
curiositÓ
curiositÓ
miti e leggende
miti e leggende
medicina
medicina
popoli e culture
popoli e culture
astronomia
astronomia
coppia
coppia
pedagogia
pedagogia
Vini e dintorni
Vini e dintorni
religioni
religioni
attualitÓ
attualitÓ
mamme
mamme
simboli e archetipi
simboli e archetipi
spiritualitÓ ed esoterismo
spiritualitÓ ed esoterismo


Leggi Anche..

Cos'Ŕ la droga
Data: 2014-10-22

Le 5 abitudini che danneggiano la tua salute giorno dopo giorno
Data: 2014-10-15

Indonesia, aereo AirAsia risulta disperso: a bordo 162 persone
Data: 2014-12-28

Il cane che parla al telefono
Data: 2014-12-11

Gestire emozioni
Data: 2014-12-07

Scrocchiare le dita fa male o no?
Data: 2015-03-31

Le proprietÓ benefiche del miele, dolce e salutare e terapeutico
Data: 2014-11-10

PerchÚ le donne sono sempre nervose? Ecco svelati i motivi
Data: 2014-10-21

Come fanno le api a produrre miele?
Data: 2014-11-10

Le erbe e i cibi che proteggono dalle radiazioni
Data: 2014-10-20





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!