Faredelbene.net



curiosità -> Come utilizzare la buccia d’arancia in cucina e non solo


Come utilizzare la buccia d’arancia in cucina e non solo




E’ bella, colorata, aromatica, non vorremmo mai finisse nel bidone della spazzatura, ma a volte non abbiamo proprio idea di come utilizzare la buccia d’arancia. In questo articolo desidero darvi qualche suggerimento in tal senso

Anzitutto vi consiglio di mangiare la parte callosa bianca sotto la buccia, che è una fibra dalle innumerevoli proprietà: regola, infatti, l’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine evitando così l’insorgere di malattie quali il diabete e il colesterolo.

Eliminata anche la parte bianca, quello che rimane è la scorza arancione. Ecco alcuni modi in cui potete utilizzare la buccia d’arancia.

Bucce d’arancia candite: la ricetta

Le bucce d’arancia candite si preparano solitamente nel periodo di Natale, ma nulla vi impedisce di prepararle quando più vi aggrada. Tagliate la buccia d’arancia a strisce di almeno 1 cm di larghezza secondo il verso degli spicchi. Mettetele a bagno in acqua fredda per 3 giorni preoccupandovi di cambiare l’acqua 2-3 volte al giorno in modo che l’amaro contenuto nella buccia sparisca. Preparate uno sciroppo sciogliendo 1/2 chilo di zucchero in 250 ml di acqua. Versate le bucce di arance nel tegame dove preparate lo sciroppo e portate ad ebollizione; fate bollire un paio di minuti ancora, scolate le bucce (senza buttare lo sciroppo che vi servirà in seguito) e disponetele su un piatto ad asciugare per un’intera giornata. Ripete l’operazione altre due volte. Alla fine potete scegliere di intingere le bucce d’arancia nello zucchero semolato o nel cioccolato sciolto a bagnomaria, in quest’ultimo caso prima di mangiarle vanno fatte asciugare un altro intero giorno.

Bucce d’arancia per profumare la casa

Le bucce d’arancia possono essere utilizzate come deodorante naturale per profumare la casa. Tutto quello che dovete fare è prendere le bucce d’arancia, farle essiccare in forno a temperatura bassa (50°/60° per un paio d’ore) dopo di che infilarle all’interno ai alcuni sacchetti di plastica (quelli che usiamo per congelare andranno benissimo) nei quali avrete praticato dei piccoli fori con degli spilli. Appendete i sacchetti con del fil di ferro all’interno delle stanze, vedrete che diffonderanno un piacevole aroma…

Le bucce d’arancia essiccate secondo il metodo spiegato sopra possono essere macinate per ricavarne una polvere d’arancia dall’aroma fortissimo che potete utilizzare successivamente come condimento per le insalate, le salse dolci o salate, il pesce, la carne, i dolci e quanto più vi piace. Un pizzico di povere d’arancia è ottimo anche per aromatizzare il caffè.

I benefici delle bucce d’arancia per la pelle

Le bucce d’arancia possono essere impiegate in trattamenti di bellezza soprattutto per le pelli grasse. Prendete le bucce d’arancia e fatele bollire in acqua con aggiunta di un cucchiaino di succo di limone, fino a ottenere un composto omogeneo di colore bianco. Massaggiate il viso col preparato ottenuto e sciacquare con acqua tiepida. Ricordo inoltre che la vitamina C di cui le arance e ancor più le bucce sono piene, è indispensabile per la riproduzione del collagene, rende la pelle soda ed elastica, ha un forte potere levigante, tonificante e disinfettante ed è perfetta per combattere rughe, macchie scure e impurità.

Fonte: donna.nanopress.it

Link: http://donna.nanopress.it/casa/come-utilizzare-la-buccia-darancia-in-cucina-e-non-solo/P304081/

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

fisica quantistica
fisica quantistica
donna
donna
stile & bon ton
stile & bon ton
scienza
scienza
astrologia
astrologia
scomode verità
scomode verità
letteratura
letteratura
casa
casa
religioni
religioni
medicina
medicina
vegan & co.
vegan & co.
scuola
scuola
sesso
sesso
misteri e paranormale
misteri e paranormale
news
news


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!