Faredelbene.net



curiosit -> Perch mastichiamo sempre dallo stesso lato.


Perch mastichiamo sempre dallo stesso lato.




MASTICATE SPESSO DA UN LATO?

Sappiate che così facendo,  non state usando il cervello al massimo delle vostre potenzialità.

La masticazione monolaterale oltre a causare squilibri nei muscoli masticatori che poi causano contratture sui muscoli del collo, che a loro volta portano a spostamenti delle spalle, della colonna, del bacino sino ad influenzare tutta la postura, stimola preferibilmente l’attività dell’emisfero cerebrale opposto. Chi mastica preferibilmente a destra quindi, stimola prevalentemente l’emisfero sinistro, logico, razionale, analitico, mentre chi mastica soprattutto a sinistra stimola l’emisfero destro, ovvero quello artistico, emozionale, intuitivo. In entrambi i casi c’è una prevalenza di un emisfero a discapito dell’altro.
 

Quale emisfero usiamo di più?

 
Un’indicazione sul lato che mastica di più ci viene dato dalla linea mediana, ovvero la linea che passa tra gli incisivi centrali.
 
Se tutto è equilibrato, a bocca chiusa quella superiore coincide con quella inferiore. Il mascellare che si muove è quello inferiore, mentre quello superiore è fisso. Quindi se la linea mediana inferiore è spostata a destra, questo indica una masticazione prevalente sul lato destro. Se è spostata a sinistra si mastica preferibilmente a sinistra. La linea mediana spostata indica già uno squilibrio dei muscoli masticatori. E’ consigliabile quindi riabituarsi a masticare su entrambi i lati sia per un uso equilibrato di entrambi gli emisferi cerebrali, sia per favorire una postura più corretta dell’intero corpo.
 

Perche’ si mastica solo da un lato?

 
Le funzioni della bocca sono di tipo cosciente, ma in parte condizionate da meccanismi involontari mediati a livello subcorticale o dal sistema nervoso autonomo.
Il nostro stato emozionale, o in senso piu’ lato il carattere, puo’ in parte contribuire a modellare la forma della bocca modulando l’azione degli stimoli funzionali che agiscono su di essa. Cambiamenti nella respirazione, nella postura della mandibola e di tutto il capo, nel tono della lingua e dei muscoli del viso mediati da stati emozionali protratti nel tempo possono sicuramente interferire con gli schemi motori della masticazione orientandola verso una monolateralita’.
 

Masticazione e cervello

 
Se siamo più intuitivi, emotivi e dotati di estro artistico, oppure più logici, freddi e matematici può dipendere anche da come mastichiamo. Se mastichiamo prevalentemente da un solo lato della bocca, questo determinerà una maggiore attività dell’emisfero cerebrale opposto.
L’idea che nella nostra testa ci siano due cervelli è molto antica. Già Diocles di Carystus, nel IV secolo avanti Cristo, scriveva “Nella testa ci sono due cervelli: uno dà la capacità di comprendere, l’altro provvede alla percezione sensoriale. Vale a dire: sul lato destro c’è quello che percepisce, ma è con quello che sta a sinistra che comprendiamo.”
Uno studio condotto con la risonanza magnetica funzionale ha dimostrato che, durante la masticazione, si verifica un aumento dell’attività neuronale a livello della corteccia, del talamo, dell’insula e del cervelletto.
L’attivazione determinata dalla masticazione è però crociata: la masticazione sul lato sinistro incrementa l’attività dell’emisfero cerebrale destro e viceversa. Ecco come masticare abitualmente da un solo lato, come si verifica in molti soggetti, può far sì che vengano stimolate prevalentemente le capacità dell’emisfero cerebrale opposto. La masticazione dovrebbe essere monolaterale alternata: il che significa che lo stesso boccone deve essere masticato alternativamente a destra e a sinistra. In questo modo si garantisce uno sviluppo armonioso della bocca e una stimolazione cerebrale equilibrata.
 

Masticare correttamente e usare appieno le nostre potenzialità

 
La masticazione ideale dovrebbe essere bilaterale alternata. Dovrebbe essere il frutto di un corretto sviluppo della bocca e più in generale del cranio e di tutto l’organismo. Diciamo dovrebbe perché purtroppo, per varie cause, non sempre ciò avviene, costringendoci a masticazioni prevalentemente monolaterali, con sovraccarico di tutto il sistema. Una masticazione bilaterale alternata può essere considerata come portatrice di stimoli equilibrati all’intero cranio. Ogni volta che mastichiamo la nostra mandibola si comporta come un pestello che gira e lavora dentro un mortaio relativamente deformabile: il mascellare superiore. Ogni masticazione imprime una stimolazione al mascellare superiore e da questo all’intero cranio che si traduce in più benefici: i muscoli del cranio vengono sollecitati e rilassati in maniera bilanciata ed equilibrata senza creare sovraccarichi e tensioni di una parte rispetto all’altra. Il contatto bilanciato ed equilibrato delle 2 arcate dentarie trasmette dei segnali ai seni paranasali e alle tube uditive favorendo lo svuotamento continuo del muco in essi prodotto che altrimenti ristagnerebbe causando fenomeni di sinusite e o di otite. Infine la masticazione bilaterale alternata e’ in grado di automantenere nella loro posizione ideale i denti nelle 2 arcate, creando un circuito virtuoso per cui ogni sollecitazione positiva contribuisce a garantire nel corso della vita la salute del sistema.
 

Come agire

 
Bisogna per un po’ di tempo esercitarsi volontariamente alla masticazione bilaterale alternata, sia al momento dei pasti sia nel corso di brevi esercizi volontari da eseguire nel corso della giornata. Tutte le discipline che lavorano sulla consapevolezza del corpo e del movimento (yoga, tai qi, feldenkreis, alexander, …) o sullo sblocco di parti funzionali “inceppate” (osteopatia cranio sacrale, agopuntura, shiatsu, mezieres, lavoro sulle catene muscolari…) possono contribuire ad accelerare e migliorare i risultati. Molto efficace è il lavoro sulla parte emotiva e i traumi che si annidano nella muscolatura dell’intero corpo provocando tensioni e contrazioni che letteralmente deformano la naturale armonia del corpo umano; per questo lavorare con EFT, EMDR, Rebirthing e Hoponopono può essere utile. La Dentosofia inoltre lavora con degli apparecchi attivatori funzionali che indossati in bocca e portati per un numero sufficiente di ore (generalmente tutta la notte e poche ore di giorno) possono provocare un cambiamento negli schemi motori e nella posizione dei denti tale da ripristinare un’occlusione equilibrata e un nuovo schema di masticazione bilaterale alternato. Il lavoro sulla consapevolezza e sullo sblocco, sia tramite il lavoro in bocca, che tramite un lavoro più generale sull’intero individuo, deve essere considerato come modo per riattivare vie neurali poco o per nulla sfruttate e secondo la nostra esperienza può avere dei riflessi anche sullo stato emozionale dell’individuo, rendendolo più libero e più completo.
 
Fonte: dionidream.com
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Leone con Pesci

L'unione tra Leone e Pesci è l'unione tra un segno di Fuoco e un segno d'Acqua





Categorie

news
news
scuola
scuola
riflessioni
riflessioni
sesso
sesso
significato sogni
significato sogni
tecnologia
tecnologia
medicina
medicina
misteri e paranormale
misteri e paranormale
artisti
artisti
storia
storia
animali
animali
stile & bon ton
stile & bon ton
scienza
scienza
curiosit
curiosit
mamme
mamme


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!