Faredelbene.net



cucina -> dolci -> Semifreddo al caff


Semifreddo al caff




Una delizia da gustare sempre! 

Per una valida alternativa al gelato, ecco la ricetta di un dolce che può essere gustato sempre sia d'inverno che d'estate: il semifreddo al caffè.
 
 
Ingredienti e Quantità
 
Caffè  60 ml
Uova  5 tuorli
Zucchero  80 gr
Panna  350 ml
Mascarpone  100 gr
Biscottini e chicchi di caffè  qb
 
Preparazione...
 
La prima cosa da fare è molto semplice: dovete preparare il caffè. Lasciatelo raffreddare, poi procuratevi un pentolino con il fondo spesso e versate al suo interno il caffè e lo zucchero. Mescolate il tutto con un cucchiaio di legno e portate ad ebollizione.
Rompete le uova e raccogliete i tuorli in un recipiente. Lasciateli cuocere a bagnomaria e nel frattempo amalgamateli con una frusta. Aggiungete a filo la miscela di caffè e zucchero e continuate a mescolare il tutto con la frusta fino a che non avrete ottenuto un composto cremoso.
Ed ora? E' arrivato il momento di versare la crema al caffè in una planetaria. Montatela fino a che vi sembrerà compatta. Procedete versando del mascarpone e  due cucchiai di panna. Nella panna rimanente, invece, versate la crema al caffè e mescolate. Quando avrete ottenuto un composto ben amalgamato accorpate il mascarpone.
Ed ecco che siete arrivati alla parte conclusiva. Versate il composto in pratici bicchierini, poneteli nel freezer e lasciateli qualche ora. Per ottenere buoni risultati vi suggeriamo di lasciarli almeno cinque ore.
Estraeteli poi dal freezer una decina di minuti prima di servirli. Il tocco in più è la decorazione: guarnite i semifreddi con biscottini e chicchi di caffè.
 
Come rinunciare ad un dolce così buono?
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

PER LE MAMME:INFORMAZIONI UTILI SUI DENTI DA LATTE

Care mamme, quante informazione utili avete sui denti da latte?

 

I primi denti  a comparire sono i denti da latte, destinati poi a cadere. L’essere umano ha due dentature, quella da latte o decidua e quella permanente. I denti da latte vengono chiamati cosi per il loro colore molto bianco, questi sono 20, (di numero inferiore rispetto alla dentatura permanente che è di 32 ).

E' molto importante conservare i denti da latte del vostro bambino. In pratica, il dentino perso viene congelato e conservato a basso costo per oltre vent’anni. In attesa che la ricerca sulle cellule staminali dica come e quando poterlo riutilizzare per creare nuovi tessuti e nuovi denti. Limitando sempre più l’uso di materiali sintetici. La metodica comporta l’utilizzo di un laser che permette di effettuare sul dente alcuni fori affinché sia possibile rimuovere, in modo preciso e selettivo, porzioni di smalto dentale senza il rischio di asportare, lacerare o surriscaldare la polpa dentale. Le cellule staminali estratte da un dente presentano una capacità replicativa nelle colture cellulari simile a quella delle cellule fresche, non crioconservate

I genitori, dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di conservare quei denti. Recenti studi scientifici hanno scoperto che conservare denti da latte può comportare importanti benefici per la salute, altri studi sui neonati nel loro primo anno di vita hanno confermato un legame fra una serie di disturbi ed il fastidioso singhiozzo dopo pasto.

I denti da latte contengono cellule staminali all’interno della polpa dentale. Le cellule staminali possono rigenerare in neuroni, ossa e cartilagine, e alcune cellule cardiache riparando il tessuto cardiaco danneggiato.

Le staminali adulte sono cellule che costantemente contribuiscono a riparare e rigenerare i nostri tessuti; una cellula staminale è infatti capace di differenziarsi e creare nuove cellule specializzate in grado di rimpiazzare le cellule morte. Le staminali adulte sono presenti in tutti i tessuti, ma quelle più studiate, perché più facilmente isolabili e conservabili, sono quelle presenti nel sangue cordonale, aspirato alla nascita dal “cordone ombelicale”, e nel “midollo osseo”, contenuto all’interno di tutte le ossa umane.

In breve, queste cellule staminali possono aiutare a curare una miriade di malattie che possono colpire i bambini. Le malattie come il morbo di Hodgkin, leucemia e mieloma multiplo, una volta essere trattati solo con il trapianto dolorose midollo osseo (e procedure invasive simili), grazie ai staminali del bambino come quelle che si trovano nei denti.

Molti genitori negli ultimi decenni hanno raccolto le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, da dopo la nascita del loro bambino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spunta il primo dentino?

 

Per i primi denti dei bambini è meglio usare i rimedi naturali, ideali per la salute di denti e gengive.

Come affrontare il dolore dei primi denti dei bambini senza farmaci

Avere denti sani e ben allineati è importante per tanti motivi, sia funzionali che estetici. Una dentatura sana permette di sminuzzare efficacemente il cibo e di digerirlo con facilità. Inoltre evita negli anni dolori articolari dovuti a mal occlusioni e cioè a una non perfetta corrispondenza tra le arcate dentarie inferiori e superiori. Questo spiega perché dobbiamo controllare la crescita e lo sviluppo dei denti fin dalla più tenera età. I primi denti che fanno capolino nella bocca di un bambino sono gli incisivi centrali, prima gli inferiori e poi i superiori, che erompono tra i 6 e i 10 mesi d'età. Tra gli 11 e i 12 mesi fanno la loro comparsa gli incisivi laterali, prima superiori e poi gli inferiori. A 18 mesi spuntano i primi molari, a 20 mesi i canini e a 24 mesi i secondi molari. Sono i denti da latte (o decidui) che verranno successivamente sostituiti con i denti permanenti, più grandi e definitivi. L'eruzione dei denti si accompagna in genere a gengive gonfie e infiammate e a salivazione abbondante; spesso si osservano in concomitanza altri piccoli disturbi come irritabilità, insonnia, diarrea, inappetenza, febbre e abbassamento delle difese immunitarie, che possono a loro volta favorire anche bronchiti e otiti. In questi casi i rimedi naturali ci danno una mano.

I rimedi naturali per i primi denti dei bambini;

- L'omeopatia consiglia di somministrare Chamomilla 3 DH, 20 gocce secondo necessità, o Chamomilla 15 CH, 3 granuli 4-5 volte al giorno, quando si manifestano forti dolori, le gengive sono molto arrossate e infiammate, l'umore è irritabile e le feci sono giallo-verdi in presenza di muco.

 

- Quando il bambino ha la febbre alta, il viso arrossato, suda copiosamente e ha le gengive lucide e arrossate, si può utilizzare Atropa belladonna 9 CH, 3 granuli anche ogni 2-3 ore, fino a miglioramento.

 

- Un po' di sollievo alle gengive doloranti si procura col miele rosato, che ha proprietà astringenti ed emollienti. Si tratta di miele depurato con aggiunta di estratto di rosa. Importante: è bene non prepararlo in casa, ma acquistarlo in farmacia: in alcuni mieli di tipo artigianale potrebbe essere presente una tossina, innocua per gli adulti ma pericolosa per i bambini fino a un anno di età. Il miele rosato può essere applicato più volte durante il giorno





Categorie

tradizioni
tradizioni
scomode verit
scomode verit
astrologia
astrologia
vegan & co.
vegan & co.
bonus e incentivi
bonus e incentivi
coppia
coppia
pedagogia
pedagogia
Vini e dintorni
Vini e dintorni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
astronomia
astronomia
antroposofia
antroposofia
popoli e culture
popoli e culture
beneficenza
beneficenza
diete
diete
miti e leggende
miti e leggende


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!