Faredelbene.net



coppia -> Valutare la fase della tua vita di coppia


Valutare la fase della tua vita di coppia




Scopri come valutare la fase della tua vita di coppia

La salute di una relazione e il suo futuro successo spesso possono essere individuati tramite la valutazione della fase in cui ti trovi. Ciascuna fase di una relazione può segnalare compatibilità o divergenza continua di modi, anche se non sei ancora consciamente consapevole di quale direzione stia prendendo il tuo rapporto romantico.

Sapere in quale fase della relazione ti trovi ti aiuterà a capire se le cose stanno andando nella direzione giusta, sia che tu stia affrontando una vacanza romantica, la decisione di continuare a frequentarsi dopo un appuntamento o due, o che tu ti stia chiedendo se dover portare la relazione al livello successivo e impegnarti definitivamente. Anche se non tutte le relazioni passano attraverso una fase specifica, la maggior parte delle relazioni può essere suddivisa in 5 parti fondamentali come descritto di seguito. Ognuna mostra delle caratteristiche diverse. In questo articolo sarai capace di esplorare l’attuale stadio della tua relazione.

Passaggi

1Determina se sei ancora nella fase romantica in base a quanto tempo hai frequentato l’altra persona e il tuo atteggiamento generale nei confronti dell’altro. La fase romantica iniziale si svolge tipicamente durante i primi mesi che ci si frequenta, ma può durare fino a 2 anni. È caratterizzato dal sembrare appiccicati l’uno all’altro, vi tenete sempre le mani, sedete vicini e vi fissate negli occhi intensamente.
Puoi sentirti svenire dall’emozione quando sei vicino all’altra persona e pensi che il mondo vada a meraviglia. È amore puro e sdolcinato.
È comune avere una reazione fisica forte quando la persona che ami entra nella stanza. Il tuo cuore corre all’impazzata, diventi rosso, e vedi l'altra persona sotto una luce soffice ed eterea.
Vi comportate entrambi nel migliore dei modi. Durante la fase iniziale, potresti correre a casa per usare il bagno o assicurarti che sei pettinato perfettamente prima di vedervi, o per evitare di dare a vedere che anche tu in bagno fai rumori e odori imbarazzanti.
Non sono tutte rose e fiori. Se hai trascurato gli amici, preparati all'idea che potrebbero tenere le distanze, anche per sempre, se si sentono rifiutati. Rischi anche di identificarti troppo con l’altra persona perdendo la tua identità, magari perché sei troppo intento a stabilire un ‘noi’, o perché sei incline alla codipendenza oppure perchè ti senti vulnerabile. La noia può trovare terreno fertile se diventa chiaro che le scintille iniziali non rivelano nessun interesse comune oltre alla passione.
Prendere decisioni a lungo termine: non c’è niente di sbagliato nell’apparire al meglio per impressionare o attrarre l’altra persona, ad ogni modo non sei arrivato ancora nella fase in cui mostri il vero "te". Invece stai ancora conoscendo l’altra persona e probabilmente non hai ancora scoperto la sua vera personalità. Adesso perciò non è il momento di immergersi completamente in una relazione seria. Ti piace cosa hai visto finora ma prenditi del tempo prima di dire che hai trovato l’anima gemella. E stai attento a non lasciarti coinvolgere troppo da questa persona se la tua relazione non ha né testa né coda. Resta te stesso.
Pubblicità


2Hai bisogno di indipendenza dall’altra persona? Se è così, vuol dire che hai abbandonato la fase romantica e sei entrato nella fase della lotta per il potere dove ognuno sta cercando di stabilire la propria identità. Se hai raggiunto questa fase, stai dando prova di un comportamento sano, piuttosto che continuare a insistere che l’altra persona è la tua unica ragione di essere.
Le stravaganze o le fissazioni possono diventare noiose. Forse quella adorabile piccola mania che ti ha attratto all’inizio, ha iniziato a darti fastidio invece. Non vedi più l’altra persona come perfetta, anzi la tua relazione inizia a diventare più realistica. Il modo in cui gestisci le principali manie o abitudini fastidiose possono condizionare il proseguimento della tua relazione.
Potresti fare esperienza di un numero sempre maggiore di liti e dissapori. Appena cominci a dichiarare il tuo bisogno d'indipendenza, potresti avere altre discussioni. Non siete più legatissimi come durante la fase romantica, piuttosto vorresti vedere i tuoi amici una o due volte la settimana. Le discussioni possono avere origine da problemi sociali o cose triviali come pulire il bagno. Come riesci a gestire le discussioni e capire che stai semplicemente conoscendo meglio l’altra persona, è importante per stabilire la coesione. Se quello che fate è strillarvi contro, le cose non andranno molto bene.
Potrebbe diventare evidente che a uno di voi due piacciano i drammi e che ci resti intrappolato. Questo è un segno che la tua relazione è più una lotta di potere che un impegno reciproco. Quando litigare è la norma e non l’eccezione, siete diventati una coppia che vive di continue e crescenti discussioni per poi riappacificarsi. Questo non è salutare, anzi è stressante e deleterio.
Le incomprensioni succedono. Queste potrebbero essere la ragione più grande per le numerose discussioni. Stai comunque imparando come l’altra persona interagisce e comunica, il che può causare confusione all'interno della tua relazione. Per esempio, se ti piace uscire quando sei stressato al lavoro per sentirti meglio, non capirai perché il tuo fidanzato è così silenzioso e distante. Questo può causare disorientamento ed eventualmente fastidio, mentre in realtà lei o lui preferisce tenere dentro lo stress al lavoro, che invece tu trovi irritabile. Inoltre in questi casi, questo può far pensare al tuo partner che abbia fatto qualcosa di sbagliato. Comunicare con chiarezza è in assoluto la cosa migliore da fare durante questa fase.
Prendere decisioni a lungo termine: è un bene se impari a gestire i disaccordi amichevolmente e raggiungere compromessi che funzionano. Se entrambi avete un chiaro senso di chi siete a questo punto della relazione, le prospettive di lungo termine sono eccellenti. D’altro canto se dai priorità al tempo per te stesso rispetto a quello di coppia, passi più tempo con i tuoi colleghi e amici che con il tuo compagno, e ti senti più amico che amante, allora è probabile che senza fare ulteriori sforzi, la relazione non sia comunque destinata a durare.

3Ti senti più tranquillo del tuo rapporto e con l’altra persona? Quando la fase della stabilità si innesca nella tua relazione, dopo aver superato lo scoglio di stabilire i ruoli e l’indipendenza, inizi a trovare la tua pace e un ritmo all’interno della relazione. Questo succede quando le cose rientrano nella ruotine, ti senti completamente normale, e non potresti immaginare la vita senza questa persona; non in maniera melodrammatica come nella prima fase, ma in maniera calma, riflessiva e serena. Potrebbe anche essere che invece siete entrambi troppo a vostro agio l’uno con l’altra, e diate per scontato le cose senza parlarne chiaramente o iniziate a mancare di rispetto all’altra persona.
In questa fase entrambi capite e accettate liberamente le differenze di ognuno, e anche se non siete d’accordo, riconoscete il bisogno di farlo. Adesso per esempio, che sai che il tuo fidanzato che canta nella doccia ti da sui nervi, puoi ridere e andare in un’altra stanza, piuttosto che volergli spaccare la faccia ogni volta che prova a prendere una nota alta. A questo punto sai in anticipo cosa rende l’altra persona diversa o addirittura leggermente fastidiosa o infastidita dalle tue stesse azioni e puoi comportarti di conseguenza. Entrambi farete spazio per le stravaganze di ognuno. Potresti addirittura difendere queste manie pubblicamente davanti agli altri se necessario, anche se ti mandano su tutte le furie in privato.
C’è il rischio che la noia aumenti nella tua relazione. Potresti avere un modo di fare che non è esageratamente emozionante. Mentre sai tutto quello che c’è da sapere dell’altra persona e puoi superare alcuni aspetti che ti hanno infastidito in passato, potresti cadere in uno schema, che molte coppie si ritrovano a seguire: una routine noiosa. La monotonia di andare al cinema il venerdì e a cena nel tuo ristorante preferito il sabato, possono fornire terreno fertile per farti perdere di vista la relazione. Anche se questa fase è tranquilla, può anche essere noiosa e pericolosa per molte coppie, e questa noia può condurre all’infedeltà o apatia nei confronti dell’altra persona.
Il rischio di assumere dei ruoli tradizionali. Questa è la fase in cui la tradizione può stabilirsi anche dopo un corteggiamento selvaggio. In questo caso c’è un rischio di mettere l’altro partner in una dinamica di potere più debole, che eventualmente ti porterà a sentirti oppresso e infelice. Evitalo non dando mai per scontato qualcosa solo per il sesso o i tratti della personalità. Entrambi avete diritto a essere eguali.
Prendere decisioni a lungo termine: questa fase è pericolosa per le relazioni, specialmente se le cose diventano troppo pacate o piatte al punto che uno dei due pensa che sia meglio alzarsi e andarsene. Se uno dei due dà l’altro per scontato o semplicemente pensa che l’altra persona sarà sempre lì, si rischia di mandare la relazione a rotoli, quando uno di voi si sente messo da parte o parte della tappezzeria. Se vi state allontanando significa che ci sono dei problemi. Dove si è insediata la noia e l’apatia, se non smuovi le cose e ti impegni nella relazione, potresti ritrovarti da solo. D’altro lato durante questo periodo di comfort, questa è la prova del nove per capire se ci sarà compatibilità anche in futuro e se i momenti saranno monotoni piuttosto che eccitanti. Se ti senti a tuo agio, contento e felice in compagnia dell’altra persona anche nei momenti più noiosi, e hai rispetto reciproco per la crescita e i cambiamenti dell’altro, questa persona potrebbe essere la tua anima gemella.

4Decidi se questo è il tipo di relazione che potrebbe durare per la vita. Hai visto tutto e state ancora insieme, questa è la fase dell’impegno. Le coppie che sono arrivate a questa fase potrebbero averci impiegato da uno a 10 anni, e probabilmente hanno attraversato (e superato) momenti belli e brutti. Hanno visto sia il meglio che il peggio dell'altra persona, ma continuano ancora ad amarsi, rispettarsi e desiderare la sua compagnia. A questo punto le coppie potrebbero considerare di rendere la loro relazione permanente, con il matrimonio o con un'altra forma di impegno formale.
Hai un legame con il passato, presente e futuro? Riesci a immaginare come passato e presente della tua relazione possano spronarti al futuro? Hai costruito una storia solida con l'altra persona e vuoi vedere dove la vita vi porterà?
Riesci a immaginare la vita senza questa persona? Cerca di immaginare la tua vita senza e a come sarebbe. L'altra persona ti rende la vita migliore; se così, in che modo?
Vedi l'altra persona come un vero compagno? Dalle finanze al romanticismo, vedi l'altra persona come un tutt'uno? Qualcuno che condivide i tuoi stessi valori e punti di vista su aspetti importanti della vita come la famiglia, le finanze, e lo stile di vita? Siete d'accordo sulla possibilità di diventare genitori e potreste stabilire una vera relazione qualora decideste di avere un figlio?
Prendere decisioni a lungo termine: raggiungere questa fase è un buon indice che sarete compatibili nel lungo periodo. Diversamente dalla fase romantica, quando impegnarsi si sarebbe trattato di un semplice "Vuoi sposami?" e "Oh sì!"; qui invece hai attraversato la lotta per il potere, la noia e le asperità, e le rivelazioni, e adesso sai che si tratta di una persona con cui puoi impegnarti. È una fase salutare dato che entrambi siete ben consapevoli dei vostri punti forti e deboli. I problemi sorgono quando uno di voi è pronto a impegnarsi e l’altro no; in questo caso potresti tornare alla fase della lotta del potere, o scegliere di stare insieme e continuare a vivere la fase della stabilità piuttosto. È probabile che sia a lungo termine il momento in cui decidete di diventare una coppia.

5Sei andato oltre la relazione e stai cercando di formare una famiglia? Se è così, sei nella fase della co-creazione, che significa che ti sei impegnato in una relazione monogama e vuoi ampliare il tuo amore portando un bambino nelle vostre vite.
Hai già fatto il nido e stabilito una casa permanente. Sebbene tu possa ancora gradire la compagnia dell’altro, i giorni selvaggi e avventurosi dell'essere una coppia sono finiti. Cerchi emozione ed eccitazione diventando genitore e vuoi condividere questo amore con un bambino.
Sei andato oltre la relazione. La relazione è diventata più grande di voi due. Condividi la stessa opinione e filosofia sul crescere i bambini e ti sei impegnato a dargli una casa piena d’amore.
Prendere decisioni a lungo termine: la decisione è un bene se resti impegnato all’altro e non trascuri la tua relazione per altri interessi e i bambini. Questo equilibrio può essere difficile. Crescere i bambini è difficile (emozionalmente, fisicamente e mentalmente) e a volte può esporre negativamente una già debole relazione, specialmente se le dinamiche del potere fanno sentire l’altro partner eccessivamente responsabile di crescere i propri figli. Le prospettive sono buone se entrambi riconoscete le sfide e ci lavorate insieme, e accettate con tutto il cuore che questa fase della vita dura circa 20 anni, dopo i quali, quando i bambini vanno via di casa, potreste rientrare nuovamente nella fase romantica.
6Sii consapevole che le fasi della relazioni possono fluttuare o essere cicliche. Non è necessariamente vero che si è limitati a seguire queste fasi in progressione lineare. In ogni momento può succedere che una relazione si trovi in una fase precedente a seconda dello stress, cambiamenti, nuovi membri nella famiglia, periodi di transizione, grandi eventi, ecc. Per esempio come già detto nel passaggio precedente, ci si può innamorare di nuovo quando i figli vanno via; mentre una persona che è pronta a impegnarsi con qualcuno che non lo è, potrebbe ricadere nella fase della lotta di potere. È importante riconoscere la fase della relazione in cui ti trovi, perché questo potrebbe aiutarti a trovare le abilità giuste per superare le sfide e trovare una soluzione che ti porta a un'interazione salutare.


Consigli

Riassumendo le 5 fasi di una relazione sono:
Romanticismo
Lotta per il potere
Stabilità
Impegno
Co-creazione

Durante le ultime fasi di una relazione, quando potresti essere concentrato su altri aspetti, non dimenticare di continuare a nutrire la relazione e comunicare con il tuo partner.
La fase della stabilità è una dei momenti più comuni in cui si divorzia o ci si separa. Impara a individuare i segni dell’apatia della relazione per evitare la rottura. Cercare assistenza psicologica può salvare una relazione sofferente se riconosci la fase in cui ti trovi, e se fai qualcosa per risolverla, invece che limitarti a rimprovare l’altro.
 

Avvertenze

Durante la fase della lotta di potere, cerca aiuto e supporto, se le liti o discussioni diventano aggressive, violente o fisiche. Nessuna relazione dovrebbe includere la violenza da nessuna delle due parti. In questo caso, può essere a malapena definita relazione, ma è semplicemente violenza.
Tieni gli occhi aperti durante la fase romantica iniziale della relazione. Potresti vedere il tuo partner come meraviglioso, mentre alcuni segnali di pericolo o problemi che gli altri intravedono, sono invisibili ai tuoi occhi.
Durante la fase in cui si crescono i bambini, è facile trascurarsi perché si è stanchi, impegnati o concentrati su tanti altri problemi. Ritagliati del tempo per stare insieme regolarmente, o potresti svegliarti un giorno con accanto uno sconosciuto.
Non iniziare a dire a tutti che stai frequentando qualcuno se non sei esattamente sicura dello status della tua relazione.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

scomode verit
scomode verit
animali
animali
popoli e culture
popoli e culture
numerologia
numerologia
scienza
scienza
beneficenza
beneficenza
significato sogni
significato sogni
psicologia
psicologia
amore e dintorni
amore e dintorni
simboli e archetipi
simboli e archetipi
donna
donna
io non ci sto
io non ci sto
astrologia
astrologia
Vini e dintorni
Vini e dintorni
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!