Faredelbene.net



coppia -> Il ricettario erotico di Salvador Dal


Il ricettario erotico di Salvador Dal




L'amore perfetto nasce in cucina

Se per lui vanno bene succo d'arancia, uova e miele, per lei verdure verdi e piccole quantità di carni rosse. E dal classico binomio ostriche e champagne, meglio eliminare l'alcol. Il menù suggerito dagli esperti per accendere la passione sotto le coperte e i consigli del ricettario erotico di Salvador Dalí e del suo Casanova Cocktail

“La mascella è il nostro strumento migliore per cogliere la conoscenza filosofica”.

 
Lo diceva Salvador Dalí, che del rapporto tra erotismo e cibo ne ha fatto un’ossessione. Lui, che da piccolo voleva fare il cuoco, dava “assoluto valore morale” al cibo, e ai crostacei in particolare. Tanto da disegnare la sua musa Gala avvolta da un abbraccio di aragoste, in una delle 136 pagine dello stravagante ricettario erotico Les Diners de Gala. Toglie forse un poco di poesia confermare che crostacei e molluschi (non solo aragoste, quindi, ma anche cozze e ostriche) possono dare un tocco di brio a una serata a due, non tanto per forma e colore – come sottolineava l’artista spagnolo – ma per il loro alto contenuto di zinco?
 
“La presenza di zinco aumenta la produttività del seme negli uomini ed è essenziale per il liquido spermatico e una buona eiaculazione”, racconta Annalisa Olivotti, biologa nutrizionista, esperta in nutrigenetica. “In questo caso la scienza dà ragione al mito. Diversa la realtà per altri cliché, come l’alcol, che può aiutare in piccole quantità. Ma se si esagera è certamente nocivo”. Come a dire che dal classico binomio ostriche e champagne, “meglio eliminare lo champagne
 
Cibo afrodisiaco: i segreti di avena e miele. “Una dieta sana ed equilibrata è la base per una buona salute sessuale. Esistono però cibi che, più di altri, possono dare una marcia in più sotto le lenzuola – spiega Vincenzo Mirone, segretario generale della Società italiana di urologia  – Alcuni sono ormai conosciuti come il peperoncino, utile per potenziare il desiderio sessuale di lui perché migliora la circolazione sanguigna nei genitali maschili e stimola la prostata e l’eiaculazione grazie alla capsacina”. Altri sono meno noti e talvolta insospettabili come l’avena o il miele, “che riattivano la produzione di testosterone aumentando la libido grazie a nutrienti come il boro, un minerale misconosciuto”, continua Mirone. Nel menù che accende la passione di lui poi entrano a pieno diritto le uova, ricche di proteine che riequilibrano i livelli degli ormoni maschili aumentando il desiderio”.
 
E parlando di cliché culinari, i dolci restano importanti per una serata a due. Forse non tutti sanno, infatti, che il “dolce” è il primo gusto che il bambino sviluppa. E questo legame primigenio gli dà importanza anche rispetto alla sfera erotica. Ma anche in questo caso, si devono prendere alcune accortezze. “Meglio evitare gli zuccheri semplici, perché innalzano l’insulina e quindi sono più dannosi di quelli complessi – continua la Olivotti – In sintesi, eliminare lo zucchero bianco e usare il miele”. Quanto al cioccolato, va bene, ma solo “un quadratino, perché ha un’azione sulle serotonina”, il neuromodulatore della felicità.
 
Rispetto alla fertilità, migliorando l’alimentazione di 40 coppie sterili, si ha avuto un successo nell’89% dei casi
“Zabaione e carotene se vuoi mettere su famiglia”. Dalí credeva nel potere salvifico del cibo seguendo solo la sua indole. C’è chi ha invece bisogno di riscontri scientifici per farlo. “Pochi anni fa è stato fatto uno studio per capire come migliorare la fertilità di 40 coppie che non riuscivano ad avere bambini – conferma Annalisa Olivotti – Quel che mi ha colpito è che migliorando la loro alimentazione, si è arrivati ad avere un successo nell’89% dei casi”.
 

Il cibo, quindi, non ha solo un potere afrodisiaco, ma ha anche un effetto sulla fertilità.

 
Qualche consiglio preliminare? Per lui, la dottoressa Olivotti consiglia di “tornare allo zabaione che consigliava la nonna”. Ovvero sì a latte e uova per aiutare la fertilità dell’uomo. Ma anche una buona dose di carotene, come antiossidante. E per lei, “centrale è il discorso vitaminico, in particolare del gruppo B, ovvero verdure verdi e piccole quantità di carni rosse”. Senza dimenticare che “se si cura l’alimentazione giorno dopo giorno, anche i problemi di impotenza o fertilità possono migliorare  a poco a poco”, continua la dottoressa Olivotti.
 
I problemi sessuali “sono in generale legati all’accumulo di un’alimentazione quotidiana sbagliata: troppi grassi saturi e zuccheri. Senza parlare delle “sostanze chimiche aggiunte ai nostri alimenti”, dalle quali dobbiamo imparare a difenderci perché possono creare dei veri e propri danni al nostro corpo, e quindi anche alla nostra attività sessuale. Per la nostra esperta dovrebbe essere la nostro stessa alimentazione a “migliorare i fattori circolari” del nostro organismo. I consigli sono sempre quelli: stagionalità, chilometro zero (perché frutta e verdura che arrivano dall’altra parte del mondo si ossidano e perdono le loro vitamine) ed evitare un eccesivo consumo di carni rosse, se non si vuole vedere “innalzato il livello infiammatori e innescare livelli diabetici”. Un’alimentazione naturale, e ricca di fibre, quindi, “fa più di ogni cibo afrodisiaco”, conclude la dottoressa.
 
Per la dottoressa Olivotti “le bevande dolcificate possono avere un effetto negativo sulla vita sessuale di lui” 
 
Succo d’arancia: il segreto di Dalí per una notte a due. Tornando al genio creativo di Salvador Dalí, la passione per la sua musa ispiratrice Gala (“che amo più di mia madre, più di mio padre, più di Picasso e perfino più del denaro”) lo portava a scegliere il cibo “con cautela”. Contrariato da “quella detestabile e degradante verdura chiamata spinaci” perché “informe, come il Liberty”, amava invece i cibi e le bevande con carattere. E come per i crostacei, la scienza gli dà ragione anche sul Casanova Cocktail, il drink che per Dalí era il miglior inizio per una serata a due. Gli ingredienti? Un cucchiaio di bitter Campari e uno di zenzero, quattro di brandy e una spolverata di pepe di Cayenna. Ma l’ingrediente più azzeccato del suo cocktail – che per chi volesse sperimentarlo, si deve mettere in freezer per mezz’ora prima di servire al partner – era il succo di arancia. Un rimedio ideale, stando alle parole del genio sregolato, per vincere “la stanchezza o l’eccessiva sobrietà”.
 
E se non pensate che possa essere del succo d’arancia a migliorare la vostra passione sotto le coperte, credete almeno che “il succo d’arancia aiuta fortemente la fertilità dell’uomo – continua la dottoressa Olivotti – Al contrario, un eccesso di bevande dolcificate sarebbero proprio da evitare”. Tornare quindi a un’alimentazione più naturale è l’ovvio segreto che ci dimentichiamo di seguire per una perfetta serata afrodisiaca. E naturale per naturale, forse possiamo ardire un consiglio in più: piuttosto che mangiare dolci e champagne, fare una cena senza posate può essere più salutare e d’aiuto per la serata
 
 
Fonte: il fattoquotidiano.it
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

astronomia
astronomia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
pedagogia
pedagogia
beneficenza
beneficenza
vegan & co.
vegan & co.
cucina
cucina
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
scienza
scienza
libri e recensioni
libri e recensioni
antroposofia
antroposofia
religioni
religioni
letteratura
letteratura
riflessioni
riflessioni
salute
salute
misteri e paranormale
misteri e paranormale


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!