Faredelbene.net



casa -> feng shui -> Feng Shui:purificare alcuni ambienti


Feng Shui:purificare alcuni ambienti




E' indispensabile vivere in armonia e benessere negli spazi di ogni giorno.
Il salotto.
E’ la stanza principale della casa, il punto esatto in cui “siamo”, viviamo, accogliamo noi stessi e gli altri, sia come membri della famiglia, che esterni.

Deve essere essenziale. Privilegiamo tavolini in vetro, cristallo, di facile pulizia e manutenzione o legno, o bamboo. I colori delle pareti devono essere luminosi  e non scuri. Il colore è molto importante in quanto assorbe energie. I colori sicuramente consigliati sono quelli molto tenui ed il neutro. Possono esserci anche colori più accesi, ma dobbiamo saperli “gestire”.
Se i muri della casa recano i segni del tempo, come macchie, scritte di bambini, ecc, cerchiamo di imbiancare bene e tenere tutto di un colore solo e pulito.
Mai occupare spazi nuovi, vissuti da altri, senza averli ripuliti ed imbiancati.
A mano a mano i figli crescono, abbiamo montagne di giocattoli ed indumenti di  quando erano più  piccini; i loro vestiti che abbiamo conservato, pensando a figli ipotetici futuri, regaliamoli, barattiamoli o diamoli in cambio di modiche cifre.
Questo è passato che deve andare via, che coi zavorra:  dobbiamo pensare al futuro cambiando la nostra casa.
Niente fotografie dei familiari per la casa e ad imbottire effetti personali. Le  foto vanno tenute sistemate per bene nei cassetti o negli appositi album e scattate con maggior parsimonia di quanto non siam soliti fare. Non vanno esposte nei muri e nei portafoto, in quanto sono potenti oggetti che possono essere manipolati, anche solo da pensieri dei visitatori.
Se da piccoli abbiamo ricoperto di poster ed adesivi le porte ed i muri, togliamo, puliamo tutto per bene, facciamoli ritornare  alla loro forma originaria.
Preferiamo i quadri che ritraggono la natura, i paesaggi sereni.
E’ meglio evitare l’ acqua, perché  disperde  l’energia dell’ambiente; può sembrare un’assurdità, ma il dipinto di un  oceano o mare in burrasca , influenza il “clima energetico” della stanza.
Sono invece ottimi i laghi, le distese provenzali, i papaveri, la lavanda e le montagne, che rispettivamente conservano forza, e la elevano e fortificano.
Se abbiamo un ambiente molto buio, facciamo in modo da farlo diventare luminoso. Scegliamo  tende vaporose, leggere, di un colore radioso, per far passare bene la luce da fuori. L’ambiente deve avere una luce normale, né troppo forte né troppo debole, mai troppo a lungo artificiale.
Abituiamoci a mettere un pezzo di ambiente naturale in casa, ossia piante e fiori.
Le piante sono delle ottime “carte assorbenti” per l’ energia negativa, che trasformano  in positiva, oltre che ad assorbire le sostanze tossiche che circolano nell’aria della casa, purificandola.
Se abitiamo in città, e dalla nostre finestre vediamo solo palazzi e caos cittadino, schermiamoci mettendo vasetti con piantine, piante officinali e erbe aromatiche fuori dalle finestre e nei terrazzi, così da vedere al primo impatto il verde delle nostre piante che avrà un effetto calmante e rilassante per noi, oltre a bloccare fumi, smog e fastidi esterni.
Se abbiamo un terrazzo o un cortile, appendiamo almeno uno scaccia spiriti o delle canne di bamboo al vento. Il suo suono andrà a scacciare le energie negative,  a contrastare il potere del vento che si scaglia nella casa e le folate di energie non buone.
Prediligiamo ciò che da benessere a chi ci abita.
Nella nostra casa il bagno deve essere essenziale, con sanitari bianchi, perché devono  dare una sensazione di purezza. Deve essere di facile gestione, soprattutto per le pulizie ordinarie e straordinarie.
Meglio evitare i prodotti personali in bellavista. Conserviamo tutto nei mobiletti del bagno. Esponiamo invece oggetti naturali e tante candele.Posizioniamo vasetti di vetro con sabbia e sassolini e mettiamoli al posto delle solite spugne di plastica come soprammobile nel bagno: daranno energia positiva e benessere.
Molto adatte  piante come il pothos, renderanno l’ambiente armonioso e naturale.
Un luogo  speciale è la  camera da letto; è un ambiente importantissimo della casa, dove passiamo parecchie ore, per ritemprarci, rilassarci e stare bene.
Il colore dei mobili deve essere uniforme con il resto della stanza, né troppo scuro ne troppo chiaro. Quindi no al bianco ed al nero e vietatissimo qualsiasi mobile scuro, oppressivo. Crea pesantezza, cupezza o caos. Consigliato il colore legno chiaro. Se i mobili non sono di legno vero, possiamo ricreare la venatura naturale del legno, con  una verniciatura.
Dobbiamo ricreare un ambiente più naturale possibile.
Sono molto positivi i mobili di bamboo, di vimini e di tutti i materiali grezzi naturali.
La posizione del letto, dove abbiamo il capo, dovrebbe essere  rivolta  verso il nord, in modo da allinearsi e dormire seguendo il verso dell’ energia della terra. Le persone che abitano sotto l’equatore devono mettere la testata a sud.
La porta deve essere ben visibile dal letto, deve esserci una zona sgombra, in modo da vedere sempre chi entra ed avere via libera in qualsiasi situazione. Stessa cosa vale per le scrivanie, devono avere sempre vista libera dell’entrata, vi si lavorerà molto meglio e meglio se in una apposita stanza.
Argomento speciale sono poi gli specchi, così presenti, soprattutto nelle stanze.
Lo specchio riflette energia, se posizionato in maniera errata dirotta l’energia in modo sbagliato e negativo. Se per esempio abbiamo un corridoio ad angolo, di cui una sola parte ha una finestra, possiamo posizionare lo specchio all’incrocio del corridoio, così da far fluire l’energia anche nella parte di corridoio senza entrate di energia naturale. Facendo così passare l’energia in modo continuo e benefico, ma dobbiamo essere consapevoli che, pur arredando, è un oggetto da “trattare con cura” e consapevolezza.
Pavimenti e rivestimenti devono essere di colori naturali, si al color terra e color pietra. No a colori sintetici ed artificiali.
Si al parquet, caldo, morbido, arricchente, naturale.
Anche le porte è meglio se le scegliamo di un colore chiaro, con cornici esterne smussate; più armoniose, portano energia nuova agli ambienti.
Un colore troppo scuro opprime e attirerebbe troppa energia negativa invece di scacciarla.
Consigliatissima è una fontana Zen con acqua che scorre: ci dona energia positiva e la dona  alla stanza; il suo  fruscio  rilassa la mente, la ripulisce, la tranquillizza e sgombra da ogni scoria negativa.
Positive le lampade di sale al posto delle comuni lampade; quando si scaldano emanano ioni  ottimi per purificare l’aria dagli ioni emessi dagli  elettrodomestici, che inquinano l’ambiente e lo rendono pesante.
Inventatevi la vostra casa!!
Rendete ogni angolo della casa accogliente,  senza fronzoli, personale e dinamico, cioè pronto ad essere cambiato, modificato, senza timore.
Chi ha il dono di “vivere la propria casa”, di capirla, di animarla, di comprenderla , sicuramente coglie il senso delle mie parole .
Sono certa che si sintonizzerà con la propria abitazione e avrà in regalo una casa accogliente e piena di benessere.

Dimenticavo: ringraziatela e fatele piccoli pensieri ( un fiore reciso, una candela profumata, un incenso …) ed essa in cambio vi accoglierà sempre con tanta amorevole energia buona.”

Fonte sottounarcobalenodiluce.com

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Meditazione di Pasqua di Rudolf Steiner

Sul Sinai, tra tuoni e fuoco di lampi, il Cristo si annunciò a Mosè. Fu Egli infatti che disse a Mosè: «Io sono l’Io sono». Egli si preannunciò donando la Sua grazia come
il fuoco di un lampo sul Sinai. In seguito Egli apparve in un essere umano in Palestina: nel fuoco che vive nel sangue umano vi è il Divino, che prima si era annunciato sul Sinai e poi apparve in un corpo umano nell’evento
di Palestina.…Tutto il cammino del cosmo consiste nella spiritualizzazione di ciò che è materia. Nel roveto ardente sul Sinai il fuoco apparve a Mosè in forma materiale. Quel fuoco è stato spiritualizzato dal Cristo. E dopo l’avvento del Cristo, chi può nuovamente vedere il
Fuoco ardente? L’occhio spirituale, dischiuso dall’energia attiva del Cristo, e che da questa energia attiva viene destato. Quel Fuoco ardente agí quindi nell’interiorità con effetto spirituale. E quando venne percepito di nuovo?
Allorché l’occhio illuminato e divenuto chiaroveggente di Saulo vide irraggiare il Fuoco celeste e riconobbe Colui che aveva celebrato il Mistero del Golgota. Entrambi videro il Cristo: prima Mosè nel fuoco materiale e poi Paolo, al cui occhio illuminato si palesò il Fuoco spiritualizzato raggiante dal Mondo spirituale. Come materia e Spirito, ecco come stanno l’uno di fronte all’altro nel cammino del mondo il fuoco materiale del Sinai e il Fuoco spirituale che folgorò Paolo.…Il simbolo pasquale ci si mostra in tutta la prospettiva dell’evoluzione terrestre avvenire e ci fa comprendere che l’intera cristianità si trasformerà da Saulo in Paolo.
Come Mosè vide il Cristo nel fuoco sensibile del Sinai, cosí Egli ci apparirà in un Fuoco spiritualizzato.
Egli è presso di noi tutti i giorni fino alla fine del mondo, e si manifesterà in Fuoco spirituale a coloro che saranno illuminati dalla comprensione dell’evento del Golgota. Essi
Lo vedranno. Se in passato potevano vederlo in un modo diverso, nel futuro vedranno in un Fuoco spirituale la vera figura del Cristo.

Rudolf Steiner

Da La Festa di Pasqua, O.O. 109, conferenza

tenuta a Colonia l’11 aprile 1909





Categorie

amore e dintorni
amore e dintorni
coppia
coppia
curiosit
curiosit
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
vegan & co.
vegan & co.
scuola
scuola
tradizioni
tradizioni
salute
salute
autismo
autismo
pedagogia
pedagogia
significato dei colori
significato dei colori
diete
diete
musica
musica
arte
arte
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!