Faredelbene.net



casa -> Incensi in casa


Incensi in casa




Informazioni e precauzioni sugli incensi in casa

Sono elementi base di molte religioni orientali e vengono molto usati nelle terapie naturali, per massaggi, trattamenti e nella new age in generale.

Si trovano in commercio un enorme varietà di incensi, di tutti i tipi e prezzi.

La grande diffusione che stanno avendo nelle case ha portato il mercato a proporre ovunque incensi, magari a bassissimo costo e di pessima qualità.

Normalmente gli incensi che compriamo sono quelli da bancarella o da negozietto etnico e hanno mille profumi ed etichette coloratissime con le foto dell'essenza che profuma il prodotto ed altre informazioni.
La maggiorparte di essi, se non con diversa indicazione e certificati, sono pericolosi per la salute di chi li usa.

I comuni incensi a basso prezzo vengono fabbricati in India in grandi stabilimenti che usano una svariata quantità di sostanze chimiche per dare profumo e colore al prodotto.
Possiamo trovare quindi: Essenze sintetiche di laboratorio per profumare l'incenso, coloranti sintetici per colorare , colle varie per formare il prodotto e materie prime combustibili di dubbia qualità e provenienza.
L'incenso più comune è quello a forma di cono e bastoncino, viene acceso da un estremità e lasciato bruciare per creare il fumo che ne caratterizza il prodotto.

Durante la combustione le sostanze di cui sono fatti i più comuni incensi vengono bruciate e liberate nell'aria tramite il fumo, rilasciando anche nuove sostanze formatesi dalla combustione come la formaldeide. Nella combustione queste sostanze, già piene di allergeni e materiali tossici, cambiano forma e mutano in sostanze ancora più denaturate e pericolose per la salute che vengono a contatto con noi tramite l'aria.
Inoltre contengono residui di metalli pesanti che vengono liberati nell'ambiente durante l'uso e rilasciano polveri sottilissime inalate e dannose.

I fumi che vengono prodotti da questi incensi( in questo caso di pessima qualità) , sono facilmente inalabili , scendono fin nei polmoni, possono danneggiare il cuore, i polmoni, le arterie, causare problemi respiratori e scatenare allergie di varia entità.
Se non troviamo certificati nelle etichette, non siamo sicuri del prodotto ed il negoziante non sà dare informazioni adeguate, non compriamolo .
La stessa sorte degli incensi la subiscono anche le candele profumate, troppo spesso piene di sostanze tossiche rilasciate nell'aria.
Allora come scegliere un incenso sicuro e non rischiare con la propria salute incappando in prodotti scarsi e tossici ?

Troviamo in commercio circa 4 categorie di incensi diversi.
Incensi comuni:
Sono incensi di mille forme , grandezza e colori.
Si trovano nelle bancarelle, dai venditori ambulanti e nei negozi normali. Hanno confezioni colorate con foto del prodotto e della fragranza usata per profumarlo.
Sono facilmente riconoscibili per via del loro basso prezzo e perchè non hanno nessuna garanzia in etichetta. Hanno mille profumi sintetici e non è difficile riconoscere i profumi naturali con i profumi inventati( tipo profumo di cioccolato, di zucchero, di miele, di mela verde ecc).
Hanno confezioni generalmente di carta esagonali o in plastica trasparente morbida.
Si possono trovare anche come regalo nelle riviste e in dotazione con i brucia incensi da negozio.
Tramite indagini si scopre che sono fatti prevalentemente da bambini sottopagati e sfruttati per ore ed ore dalle aziende per una miseria.Costretti a lavorare tra una miriade di pericoli e materiali tossici.

Da evitare assolutamente.

Incensi Atossici
Gli incensi atossici sono incensi certificati dagli enti predisposti e sono subito riconoscibili per la garanzia in etichetta ed i fogli informativi al loro interno.
Hanno una confezione curata ma sobria .
Sono incensi fatti con sostanze naturali, senza coloranti, profumi sintetici e materiali pericolosi.
Sono composti prevalentemente da resine , fiori, cortecce e materiali naturali per la combustione ed in parte per le note del profumo.
Il profumo vero e proprio però viene dato dagli oli essenziali delle piante che ne donano la fragranza principale .
Sono avvolti in una stecchetta di vero bambù come vuole la tradizione indiana.
Non contengono metalli pesanti e sono certificati sulla assenza della manodopera infantile e sul lavoro di soli adulti.
Hanno un prezzo generalmente più alto degli incensi comuni, ma di poco.

Buona qualità e garanzia di sicurezza.

Incensi naturali metodo antico
Sono incensi fatti a mano con resine , fiori, cortecce, materiali vegetali che ne costituiscono il corpo e il profumo. Non vengono usati oli essenziali per la profumazione perché l'essenza viene proprio dai materiali naturali utilizzati. Il corpo è fatto di bambù naturale.
Sono totalmente privi di sostanze chimiche e sono sicuramente gli incensi di maggiore qualità sul mercato.
Vengono fatti a mano da esperti indiani in fabbricazione di incensi tradizionali.

Sono i veri incensi fatti con metodi antichi della tradizione.

Resine naturali
Sono sicuramente gli incensi più grezzi presenti in natura, senza la necessità di manifattura da parte dell'uomo.
Sono le resine degli alberi prodotte per allontanare parassiti,batteri e muffe, in caso di ferite della pianta e per ripristinare il taglio e successivamente la corteccia.

Hanno la classica forma di resina naturale, tipo quella che vediamo facilmente nei pini.
Sono totalmente privi di sostanze tossiche e sono completamente ed interamente prodotti dalle piante e non tramite lavori artificiali.
Questo ne garantisce l'assoluta purezza del prodotto.
Si trovano vari profumi dati da vari tipi di piante diverse.
La loro peculiarità sta nel fatto che per essere bruciati hanno bisogno di un carboncino acceso come base.

Questi  sono gli incensi che troviamo in commercio.
Dopo che abbiamo le caratteristiche dei vari prodotti passiamo ad alcuni consigli sull'uso degli incensi in casa:
*Per prima cosa mai lasciare gli incensi incustoditi.
*Non lasciarli mai vicino a materiali infiammabili.
*Non mettere gli incensi sopra superfici sensibili al calore.
*Tenere sempre le finestre aperte ed arieggiare durante l'uso.
*Il fumo degli incensi macchia il muro e lo tinge di giallo, arieggiare sempre.
*Anche se gli incensi sono atossici , naturali o solo resine, durante la combustione producono sempre fumo, evitare di inalare direttamente , essendo il fumo sicuramente non adatto ad essere respirato e contenente sempre sostanze non idonee al corpo.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

scuola
scuola
riflessioni
riflessioni
casa
casa
religioni
religioni
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
psicologia
psicologia
bambini
bambini
coppia
coppia
storia
storia
pedagogia
pedagogia
vegan & co.
vegan & co.
animali
animali
medicina
medicina
tecnologia
tecnologia
lingua italiana
lingua italiana


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!