Faredelbene.net



bonus e incentivi -> Bonus famiglie numerose 2015 agevolazioni e detrazioni figli a carico


Bonus famiglie numerose 2015 agevolazioni e detrazioni figli a carico




Bonus famiglie numerose 2015 quali sono le agevolazioni e detrazioni figli a carico, esenzione ticket sui farmaci e 80 euro alla neo mamma per nuovo nato

Bonus famiglie numerose 2015 agevolazioni e detrazioni figli a carico, esenzione ticket sui farmaci per i nuclei familiari con figli, arriverà a dicembre con la revisione della compartecipazione alla spesa sanitaria, come anticipato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin e dai 500 milioni destinati al Fondo Famiglie dalla Legge di Stabilità 2015.
Tale incentivo, rientra nel piano per la natalità del Governo Renzi atto a sostenere le famiglie con più figli o con bimbi fino al terzo anno di età soprattutto in questo periodo di crisi visto l'aumento delle spese per il mantenimento e crescita oltre che delle rette degli asili nido.

Bonus famiglie numerose 2015 Legge di Stabilità:

Dal testo della legge di Stabilità 2015 bonus famiglie articolo 13 il Governo stanzia 500 milioni di euro cper il Fondo famiglia che serviranno ad aumentale le detrazioni famiglie numerose in primis per i nuclei familiari monoreddito.
La platea di contribuenti a cui sarà destinato il bonus, verosimilmente a partire dal 1° gennaio dovrebbe essere la stessa che ha beneficiato del bonus degli 80 euro IRPEF, anche se  le modalità di erogazione del fondo sono ancora tutte da definire anche se già si parla di utilizzare con molta probabilità della formula della card, quindi molto simile alla procedura utilizzata per social card sul modello ideato dal ministro Tremonti. Ossia, in funzione dei requisiti del nuovo ISEE 2015 precompilato convalidato dall'INPS, nuove soglie di reddito per accedere alle agevolazioni, composizione del nucleo familiare e del reddito, privilengiando le famiglie monoreddito.

Bonus neomamme per i nuovi nati 2015:

Bonus alle neomamme per i nuovi nati 2015 INPS questa è la più grande e inaspettata novità introdotta dal Governo Renzi per sostenere la famiglia in Italia. Il bonus, è quindi un'agevolazione fiscale che verrà erogata per 3 anni alla neomamma che viene ovviamente erogato fino al compimento del terzo anno di vita del bimbo.

Per fruire del bonus neomamme, il reddito annuale non potrà superare i 90.000 euro ma ancora da sapere e verificare se il Governo intende al lordo o al netto e l'ìimporto compelssivo non potrà superare i 960,00 euro all'anno.
Notizie per ora certe e confermate al momento non ci sono, si dovrà attendere il decreto attuativo che determinerà le regole per fruire del nuovo bonus alle neomamme 2015 di 80 euro per 3 anni. Un'agevolazione che già rispetto al 2014, viene profondamente modificata tornando a prevedere come in passato, l'erogazione in denaro e non più in 300 euro di voucher per pagare baby sitter o rette dell'asilo e riservato alle neomamme con uno o più figli, mamme lavoratrici che rinunciano all’assegno di maternità facoltativa, mamme disoccupate e casalinghe solo per quei Comuni che avevano destinato fondi al bonus bebè.

Bonus famiglie numerose 2015 esenzione ticket sui farmaci:

Una delle agevolazione fiscali fino a questo momento confermata anche dalle parole del Ministro Lorenzi, è quella che prevede a partire dal 1° gennaio 2015 un bonus famiglie numerose con l'esenzione dai ticket sui farmaci.
Tale iniziativa, era giù stata annunciata dal ministro come piano per la natalità in Italia atto a promuovere e sostenere le coppie a fare figli anche in un paese fortemente danneggiato dalla dura crisi economica e politiche sulla famiglie a volte troppo inique.
Ora, la possibilità concreta di utilizzare un fondo creato apposta per la famiglia e nello specifico a sostegno delle famiglie numerose con la cancellazione del ticket e poi con l'aumento delle detrazioni figli a carico, e il bonus di 80 euro per le neomamme con figli il cd. bonus bebè 2015 per 3 anni sembra finalmente pensare  in Italia qualcosa si stia muovendo. Ovviamente, per parlare di esenzione ticket farmaci si dovrà attendere la revisione della spesa per la sanità a dicembre 2014. Tale iniziativa, si va ad allineare con il cd. assegno terzo figlio destinato alle famiglie con almeno 3 minori a carico fino al 18° anno all'interno dello stesso nucleo familiare sia che i figli siano naturali che in adozione o in affidamewnto preadottivo, comprese anche le famiglie comunitarie ed extracomunitarie con permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo, rifugiati politici o per protezione sussidiaria). Per accedere al bonus, oggi, bisogna anche avere anche un reddito ISEE inferiore alla soglia che ogni anno viene calcolata dall’Inps in base all'aggiornamento dei dati Istat, che per esempio nel 2014, è 21.691,19 euro.

Di Alessandra Losito   

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

significato sogni
significato sogni
mamme
mamme
libri e recensioni
libri e recensioni
misteri e paranormale
misteri e paranormale
simboli e archetipi
simboli e archetipi
numerologia
numerologia
beneficenza
beneficenza
astrologia
astrologia
salute
salute
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
bambini
bambini
scuola
scuola
psicologia
psicologia
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
lavori creativi
lavori creativi


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!