Faredelbene.net



bambini -> Spiegare la morte ai bambini


Spiegare la morte ai bambini




Così è la vita è il titolo di un libro di Concita De Gregorio. Il sottotitolo dice “imparare a dirsi addio”.

E questo chiarisce l’argomento del libro: come trattare il tema della morte con i bambini.

Sarà che i miei nipotini oltre ad avere quattro nonni hanno anche 4 bisnonni (addirittura quando è nato T i bisnonni erano 5), sarà che T è molto curioso per quanto riguarda la morte, ma l’argomento mi interessa particolarmente e questo è il motivo per cui ho letto il libro.

 

T chiede spesso, generalmente guardando immagini, quadri e ultimamente le vetrate del Duomo: “ma quello è morto?” e, se la risposta è affermativa, la domanda subito conseguente è “ma era cattivo?”. Quasi che la morte, nella sua mente, possa essere associata solo al fatto di essere cattivi.

Concita De Gregorio insiste nel sostenere che i bambini non sono stupidi e sono perfettamente in grado di affrontare la verità.

Inutile dire ai bambini che il nonno è andato in cielo o è partito per un lungo viaggio o è andato su una nuvola ecc.

Il bambino continuerà ad aspettare il ritorno della persona cara e soprattutto si chiederà cosa ci fa il nonno in cielo, su una nuvola ecc.

“Non è andato in cielo, è andato nel mio cuore” ha detto Olivia di nove anni davanti a una folla di cento persone parlando del papà.

Oppure Carmen, sette anni, che in un tema scrive del suo papà: “Mi ha insegnato a piantare i bulbi dei fiori a testa in su, così ogni anno fioriscono. E siccome lui è morto ma io i bulbi li pianto e fioriscono ancora, allora non è per niente andato sulle nuvole. È andato nei fiori.”

 

Ancora una volta i bambini ci insegnano a non sottovalutare la loro intelligenza e la loro sensibilità.

Forse la nostra psicologa Irene Koulouris può aiutarci a capire come comportarci in questi frangenti.

Ecco quello che ci dice.

 

Il tema della morte è forse uno dei più difficili da affrontare con i nostri piccoli che ci sottopongono domande difficili, a volte con tranquilla curiosità e altre con forte angoscia.

 

I bambini a partire circa dai 3 anni si interrogano, a modo loro, sul senso della vita, su come ha avuto origine e su come avrà fine.

Ma si preoccupano anche che i genitori possano morire e che a loro stessi possa capitare qualcosa di brutto e fatale.

Perché parlarne ci mette tanto in difficoltà?

Innanzitutto perchè nessuno di noi ha in realtà risposte certe su cosa ci sia dopo la morte. Ognuno ha delle convinzioni diverse e qualcuno resta nel dubbio, comunque verità assolute da spiegare non ve ne sono (e questo si può anche dire, spiegando che c’è chi crede in questo, chi in quello… Prima o poi sentiranno comunque punti di vista diversi).

E poi perchè è un argomento a cui è difficile e talvolta doloroso pensare anche per noi, tanto più in una cultura come la nostra dove si tende a non pensare che la vita prima o poi finirà per tutti, che appunto “così è la vita”, a tempo limitato.

Come parlarne quindi?

La “regola” di base è quella sempre valida quando si parla di comunicazione con i nostri bambini: più di tutto conta la serenità che abbiamo e trasmettiamo nel parlare con loro.

E’ importante, quando il piccolo si rivolge a noi angosciato all’idea che la mamma possa morire, potergli parlare con reale calma tranquillizzandolo, possibilmente in modo “realistico”: non possiamo promettere che vivremo in eterno, ma possiamo rassicurarlo del fatto che la mamma è sana e non c’è motivo di pensare che possa morire a breve, e che comunque non resterebbe mai da solo (o qualcosa di simile).

Più dei contenuti, che come Nonna Maria ha già detto probabilmente verranno comunque da lui/lei rielaborati a sua misura, conta il “contenimento emotivo” e fargli sentire che se ne può parlare, che può dar voce anche ai pensieri brutti e difficili e che noi non ce ne facciamo spaventare.

Come comportarsi quando viene a mancare una persona cara?

Nel caso si trovi ad affrontare un lutto reale confermo quanto già detto dalla nostra nonna 2.0:  è bene dire le cose come stanno, senza inventarsi viaggi, lunghi sonni o altre favole che creano confusione e illusione di un ritorno.

Ed è anche una buona idea far partecipare il bambino ai funerali, in modo che possa assistere ai saluti e alla “cerimonia di commiato”.

Capiterà di essere triste ed è legittimo piangere se viene. La persona che non c’è più continuerà a vivere nei nostri e nei suoi ricordi.

Fonte mammeacrobate.com/

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

arte
arte
letteratura
letteratura
numerologia
numerologia
donna
donna
casa
casa
salute
salute
storia
storia
attualitÓ
attualitÓ
scienza
scienza
riflessioni
riflessioni
scuola
scuola
bambini
bambini
astronomia
astronomia
amore e dintorni
amore e dintorni
psicologia
psicologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!