Faredelbene.net



attualit -> Che cos'e' la Brexit


Che cos'e' la Brexit




“Brexit” sta per l'abbreviazione di "uscita britannica", che si ispira al termine “Grexit” coniato a suo tempo a proposito della Grecia, si riferisce alla possibilità di uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea.

Ecco cosa spiegata la situazione. Un certo numero di partiti politici britannici sostiene un referendum sull'adesione all'UE; il più importante è il partito conservatore, che ha promesso un referendum nel 2017, mentre l'UK Independence Party (UKIP), continua ad opporsi all'adesione della Gran Bretagna alla UE.
 
La più grande fondazione operativa privata non profit in Germania, la Bertelsmann Stiftung creata nel 1977, ha stilato uno studio secondo cui i cittadini europei vedono la UE come garante del welfare: da Lisbona a Helsinki, le persone oscillano fra speranza e paura quando si tratta del futuro del “welfare state”. Ciò che preoccupa maggiormente i cittadini sono le pensioni e l'assistenza agli anziani, la maggioranza di loro conta sull'UE per conservare gli standard di assistenza sociale e vorrebbe addirittura che Bruxelles assumesse un ruolo più attivo.
 
Ma a conti fatti e al di là di speranze e considerazioni soggettive, quanto converrebbe, dal punto di vista economico, alla Gran Bretagna uscire dalla Unione Europea? A conti fatti, il costo sarebbe certamente sproporzionato.
Ai britannici, infatti,  la “Brexit” costerebbe 300 miliardi di euro in 12 anni con un conseguente e consistente calo del PIL. Tentativi della Gran Bretagna di contrastare il progetto di unità europea risalgono a decenni fa e proseguono ancora adesso. L'affermazione alle elezioni europee dell'UKIP, il partito antieuropeo britannico,  ha indotto il premier David Cameron ad alzare la posta con le richieste inviate al presidente del Consiglio Europeo, Donald Trunk. Incombe, come detto, il referendum pro o contro la UE. 
 
Secondo il Financial Times, il governo non ha adeguatamente considerato che cosa accadrebbe se un elettorato scontento sostenesse la Brexit. Questo darebbe a David Cameron (o più probabilmente il suo successore come Primo Ministro) un chiaro messaggio per uscire dalla UE, ma senza una chiara indicazione su cosa mettere al suo posto. “La Gran Bretagna dovrebbe cercare qualche tipo di accordo oppure dovrebbe recidere tutti i legami e, come fecero gli Elisabettiani, cercare di ricostruire le sue fortune sulla scena mondiale?” si chiede il quotidiano britannico.
 
Staccarsi dall'UE significherebbe per la Gran Bretagna fare gli affari propri e, ad esempio, potrebbe chiudere le sue frontiere ai migranti. “Il trucco è quello di essere populista anti-tutto: anti-élite, anti-grande impresa, anti-globalizzazione, anti-Bruxelles e, naturalmente, anti-immigrazione” prosegue con perplessità il Financial Times. E conclude: “Gli amici della Gran Bretagna capiscono le necessità della “realpolitik”. I leader di Stati Uniti, Australia, Canada, India, Giappone, e non solo loro, sono però stupiti che la Gran Bretagna debba contemplare la Brexit. Anche il nuovo migliore amico di David Cameron, il presidente cinese Xi Jinping, sta sostenendo gli europeisti. Solo a Vladimir Putin piacerebbe vedere una Gran Bretagna indebolita”.
 
Un po’ diverso è il punto di vista di Graeme Leach, senior fellow presso l'Istituto Legatum di Londra, secondo lui, infatti, la maggior parte delle analisi dell'impatto della Brexit naturalmente si concentra sui costi e benefici economici di questa scelta.
 
“Ma per quanto riguarda il potenziale impatto sul benessere soggettivo, o la qualità della vita? Brexit renderebbe le persone più felici?” -  “Ci sono anche domande più profonde riguardanti gli atteggiamenti verso libertà e controllo economico, le cui risposte non possono essere limitate al solo si-no della votazione, ma che in ultima analisi influenzano il benessere soggettivo su questo tema”.
 
Non va dimenticato in ogni caso che nel 2016 il tema Brexit potrebbe compromettere anche il mercato dei cambi fra Sterlina e altre valute.
 
Sta di fatto che ora Cameron affronta i rischi di un’uscita dall’Ue. E cinque ministri voteranno per dire addio all’Europa.
 
David Cameron, sostiene che “il patto dà al Regno Unito uno status speciale” perché, si sa, ai sudditi di sua maestà non è mai piaciuto essere assimilati al resto degli europei.
 
Cameron, così, ha messo il suo sigillo all’accordo raggiunto nella tarda serata di venerdì 19 febbraio, facendo intendere come, alla fine, contenga le migliori concessioni che Bruxelles potesse fare a Londra, ovvero la possibilità di negare il welfare agli immigrati comunitari nel caso di flussi ‘eccessivi’, innanzi tutto, ma anche l’esclusione del Regno Unito dai progetti di una Ue futura sempre più coesa e compatta e la tutela della Gran Bretagna, che non ha mai abbandonato la sua sterlina, come area al di fuori dell’eurozona ma comunque meritevole di protezione per la sua condizione di outsider monetaria. Il tutto come a voler dire che pur non adottando mai l’euro l’Europa non dovrà discriminarla per questo.
Cameron potrà ora presentarsi di fronte all’opinione pubblica con un risultato che gli dia maggiore garanzia di una bocciatura della Brexit alle urne del referendum fissato per il 23 giugno.
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
popoli e culture
popoli e culture
psicosomatica
psicosomatica
simboli e archetipi
simboli e archetipi
salute
salute
scuola
scuola
significato dei colori
significato dei colori
artisti
artisti
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
tecnologia
tecnologia
Vini e dintorni
Vini e dintorni
sesso
sesso
io non ci sto
io non ci sto
medicina
medicina
storia
storia


Leggi Anche..

Che cos'e' la Brexit
Data: 2016-02-21

Referendum del 17 aprile. Come spiegarlo a mia figlia.
Data: 2016-04-02





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!