Faredelbene.net



astrologia -> pietre zodiacali -> Pietre e cristalli per la Vergine


Pietre e cristalli per la Vergine




Pietre e cristalli per la Vergine

Ad ogni segno zodiacale sono associate delle pietre, le quali servono per allontare le negatività create da situazioni della vita comune.

Per assicurare un effettivo utilizzo di una pietra, bisogna seguire alcuni accorgimenti prima del suo utilizzo. Innanzitutto la pietra deve essere "purificata" lavandola sotto acqua corrente e successivamente va depositata in un recipiente colmo d'acqua, al quale va aggiunto del sale fino, e lasciata "riposare" per un periodo di almeno quattro ore (ad eccezione di pietre porose che è meglio lasciare nell'argilla, per evitare un loro deterioramento.).
Successivamente la pietra va sciacquata ancora sotto acqua corrente e va "energizzata" lasciandola qualche tempo all'aria aperta e alla luce del sole, non diretta.

Al segno della Vergine, governato da Mercurio, sono associate le pietre grigie, cangianti e opalescenti.
Pietra del segno à considerata lo Zaffiro, che può indirizzare energie di guarigione e amore su chi ne ha bisogno.

Per rinforzare la memoria e utilizzare al meglio l'intuito e la razionalità, oltre che a contrastare l'insicurezza e la paura, sarà particolarmente utile la Kunzite.

A livello fisico sono consigliati il Quarzo rutilato, molto utile contro la stanchezza, o l'Agata, considerata un ottimo energetico capace di dare forza a tutti i livelli.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Sognare di morire o la morte

Tra i sogni più frequenti, sognare di morire è sicuramente uno dei più angosciosi, di cui si parla poco volentieri e spesso si cerca di rimuovere subito perché si pensa che possa essere in qualche modo premonitore.

Raramente un sogno del genere è premonitore, anche se esistono molti aneddoti di personaggi famosi (ad esempio, il presidente Abramo Lincoln, o John Lennon) che pare abbiano avuto in sogno la visione della propria morte imminente, proprio così come si è poi verificata.

Queste premonizioni, a ben vedere, possono sempre essere spiegate razionalmente tenendo conto della particolare sensibilità della nostra mente durante il sonno. Vedere in sogno la propria morte può essere preso sul serio come un avvertimento; può infatti essere inteso come invito ad essere più prudenti, a badare alla propria salute, a non correre rischi inutili, ad evitare certe situazioni, ecc.

Sono frequenti i sogni in cui si va molto vicini alla morte, però il sogno finisce un attimo prima della vera e propria morte: ad esempio, si sogna di precipitare da un posto alto, o da un areo; si vede la terra che si avvicina sempre più, fino quasi a schiantarsi contro il terreno, tuttavia prima dell’impatto ci si sveglia.

Altre volte, invece, si sogna anche la vera e propria morte del nostro corpo. Alcune persone riferiscono sensazioni fisiche molto intense: ad esempio, affermano di aver sentito il proprio cuore scoppiare, o di aver sentito il sangue uscire fuori dalla testa, ecc.

A volte nei sogni può capitare di morire di morte violenta: è possibile sognare di essere uccisi, di essere strangolati, di ricevere un colpo di pistola, ecc.

Sognare di morire può avere vari significati:

Potrebbe essere, come detto, un’immagine che indica la fine di una fase della tua vita e l’inizio di un’altra; la tua morte in questo caso indica la tua volontà di abbandonare una vecchia immagine di te e di farne cominciare un’altra. Questo sogno può capitare in particolari fasi della vita (adolescenza, gravidanza, menopausa) o se se stai attraversando profondi cambiamenti, come ad esempio cambiare lavoro, cambiare casa, andare a vivere da solo, sposarti, nascita di un figlio, morte di un familiare, ecc.
Il sogno può nascere dalla paura di morire: aver paura della morte è umano e naturale, così come è normale che nella vita ad un certo punto alcuni eventi spingano a riflettere maggiormente sulla morte, e sulla propria morte in particolare. La morte (anche la propria) va accettata come parte della vita, necessaria alla vita stessa.  Non avere troppa paura della morte, pensa a godere della tua vita e coltivare l’attimo di eterno che essa contiene.
Il sogno può indicare che stai vivendo una situazione o una relazione molto opprimente e frustrante. Forse stai pretendendo troppo da te stesso, la tua mente sta cercando disperatamente un modo per evadere.
Il sogno può rappresentare un avvertimento: ripensa alla causa della tua morte nel sogno e prova a capire se in qualche modo ciò potrebbe verificarsi nella realtà e cosa puoi fare per evitarlo. In generale, può voler dire che stai indugiando troppo in comportamenti autodistruttivi.

Sognare che qualcuno ti dice che morirai

Può accadere, durante il sogno, di sentirsi annunciare la propria morte, o di sentir parlare della propria morte. Potresti, ad esempio, sognare un morto che ti dice che morirai; magari ti dice anche la data precisa. Questi tipi di sogno creano, come comprensibile, una grande angoscia, e paura di morire veramente. In realtà questo sogno indica che avverti in te una certa urgenza di cambiamento: senti che c’è qualcosa deve essere assolutamente cambiato nel tuo modo di vivere; oppure devi compiere una scelta importante.

Vedere se stessi morti in sogno

Alcune volte può succedere di vedere se stessi morti nel sogno; si verifica perciò uno sdoppiamento, in cui tu sei sia il soggetto che guarda sia l’oggetto del guardare: sei quello che guarda te stesso, e lo vede morto. Il sogno indica il superamento di un periodo negativo, o un cambiamento interiore, un’evoluzione del proprio modo di essere.

Numeri del lotto:

Sognare di morire 21; vedersi morto in sogno 18.

Fonte http://significatosogni.altervista.org/





Categorie

lavori creativi
lavori creativi
fisica quantistica
fisica quantistica
popoli e culture
popoli e culture
miti e leggende
miti e leggende
numerologia
numerologia
diete
diete
coppia
coppia
religioni
religioni
libri e recensioni
libri e recensioni
casa
casa
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
bambini
bambini
antroposofia
antroposofia
tradizioni
tradizioni
astronomia
astronomia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!