Faredelbene.net



astrologia -> oroscopo del mese -> Oroscopo dicembre: Cancro


Oroscopo dicembre: Cancro




L’ultimo mese di un anno coinvolgente e importante, potrebbe essere il più arduo per te. Dicembre ti mostra qualche verità senza fronzoli, è tempo di bilanci soprattutto nel lavoro

Se i tuoi sforzi sono stati ripagati continuerai, altrimenti il 2015 potrebbe iniziare con un volta pagina. Nonostante le buone possibilità e i risultati raccolti, è probabile avvertire un po’ di ansia verso il futuro: sei una concreta ma anche un segno emotivo e sensibile, con il Sole, Mercurio, Venere e Plutone opposti sarà inevitabile sbraitare con tutto e tutti. Il clima familiare sotto le feste quest’anno risente di qualche polemica, s’alza la voglia di trasgredire e fuggire, magari in compagnia di qualche Scorpione libertino. La nostalgia fa capolino attorno al 29, organizza un Capodanno rilassante ma lontano dalla tua città, hai bisogno di ossigenare la mente e ripartire da zero con l’arrivo del nuovo anno.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

La verit presente in tutte le cose- Gangaji

"La presenza è la stessa, la presenza è continua. È la verità, ed è la continuità della presenza che va compresa. La presenza è permanente. Le esperienze di felicità o di infelicità si sovrappongono a questa presenza. Le esperienze di confusione o di chiarezza sono sovrapposte a questa pura presenza. La presenza non è un'esperienza. È più grande della mente, più grande delle emozioni, più grande delle circostanze. La presenza è sempre presente, su questo non può esserci confusione. Lascia che la confusione partecipi a questa presenza. Lascia che eoni di confusione entrino in questa presenza. Accogli la confusione [...]. Quando riconosci che la presenza è qui ed è continua, [...] questo annuncio si propaga nell'etere e attira la confusione, i dubbi e le paure. [...] Quando riconosci di essere presenza, la confusione, le paure e i dubbi vengono lasciati liberi. [...] Non sei tu a doverti liberare, tu sei già intrinsecamente libero. Ciò che deve essere liberato sono le idee che hai sovrapposto a te stesso. [...] Le sensazioni, belle o brutte sono tutte potenziali veicoli per questa scoperta sublime. Il segreto si scopre nell'istante in cui cessano tutte le attività tese a reprimere, nascondere, negare, fuggire, vincere, seguire o indulgere. Qualunque attività della mente cessa nell'istante dell'esperienza diretta. [...] Nell'agio o nel disagio si fa sempre la stessa scoperta; nella paura, nella noia, nel blocco, nella disperazione, nella beatitudine e nella gioia: in ogni esperienza. L'intero spettacolo delle percezioni e delle emozioni, spiacevoli o no, diventa un gioco che serve ad approfondire la rivelazione. Niente va sconfitto, occorre soltanto andargli incontro. Questa è l'indagine di sé ed è un'indagine che non ha fine. La coscienza illimitata è presente in tutti i pensieri, le forme, le emozioni e le esperienze. La verità è presente in tutte le cose, in tutti i fenomeni. [...] Finché vorrai fare alcune esperienze e non altre vivrai la schiavitù [...]. Ma se sei disposto a sperimentare tutto, scopri che l'esperienza della schiavitù è in realtà un'illusione. [...] Fatevi trovare" (pp. 127, 130-131).
.
Allora è il sentire una condizione o meglio una pre-condizione al di là di qualsiasi dualismo. La pratica non è produrre una particolare emozione, non è pensare un pensiero profondo o non pensare alcun pensiero, non è essere felici e nemmeno eliminare qualsiasi sofferenza. La pratica è abitare quella presenza nella quale si pensano i pensieri, si è in momenti di felicità e nei loro contrari, è quello stare in aderenza a sé stessi, quell'essere totalmente quello che si è, è quel sentire pieno, aperto, non reattivo, in abbandono, in completa partecipazione. È dimorare il reale, attraverso l'apertura, è quell'esperire il vuoto nel quale ciò che è, è. È quella protezione sempre presente, che realizzi solo se smetti di obiettare, di proteggerti, di parare i colpi. Allora è una esperienza di caduta di liberazione, dove le corazze sono state deposte, dove tutte le frasi fatte, le espressioni impostate, i percorsi reiterati, le abitudini introiettate, arrivano alla loro semplicità, al loro porto. Hai finalmente smesso con la chiacchiera, sei emerso, completamente affondato. È tutto un sentire.





Categorie

autismo
autismo
psicologia
psicologia
coppia
coppia
casa
casa
tradizioni
tradizioni
religioni
religioni
mamme
mamme
popoli e culture
popoli e culture
simboli e archetipi
simboli e archetipi
misteri e paranormale
misteri e paranormale
itinerari
itinerari
musica
musica
lingua italiana
lingua italiana
artisti
artisti
stile & bon ton
stile & bon ton


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!