Faredelbene.net



astrologia -> caratteristiche segni -> Caratteristiche del segno del Toro


Caratteristiche del segno del Toro




Caratteristiche del segno del Toro

Il pianeta dominante è Venere, l'elemento è la terra, la qualità è fissa.
Il Sole si trova in Toro all'incirca tra il 21 Aprile e il 21 Maggio.
Colore da portare: il verde, il colore di Venere.
Pietra portafortuna: Smeraldo.
Metallo: il rame che appartiene a Venere.
Giorno favorevole: il Venerdì, dominato da Venere.

Caratteristiche analitiche del segno

E' un segno molto stabile in cui sono presenti testardaggine e molta possessività. Come l'animale si muove e pensa lentamente, ma nel momento stesso in cui impara qualcosa lo assimila in modo duraturo. I Toro detestano i cambiamenti e possiedono il dono di saper maneggiare il denaro. Non vengano deviati dalle lusinghe, insistono su una logica e non disperdono i propri interessi. Di solito godono di ottima salute. Le persone di questo segno hanno un intenso magnetismo fisico nei confronti del gentil stesso.


La sua più grande virtù è la pazienza come anche la costanza. Il nato nel segno del Toro è tenacissimo nel perseguire uno scopo, pur essendo forte e piuttosto lento, e quando la sorte gli è avversa, sa attendere con grande calma e ricominciare con grande calma senza affaticarsi e senza perdere tempo in recriminazioni che, per lui, sarebbero inutili. La natura si esprime in modo passionale, più sensualmente che sentimentalmente. Sono individui leali, pur con qualche debolezza: hanno molto il senso dell'amicizia, farebbero veramente tutto per un amico, anche aiutarlo economicamente, anche se il Toro non manca di una grande parsimonia. La formazione dell'individuo è influenzata dall'infanzia e dall'ambiente familiare, sa dove vuole arrivare e non tollera imposizioni, inoltre odia l'intrigo e rifugge il pettegolezzo. Diventa assai pericoloso quando si accorge di essere stato tradito e strumentalizzato.
Al Toro non mancano comunque i difetti: la natura possessiva, la pigrizia, la totale mancanza di autocritica che lo porta ad una sorta di presunzione. Il Toro sa dare calore ed amore a chi gli sta vicino, ma è altrettanto egoista e geloso delle stesse persone. All'apice dell'amore il Toro giunge alla possessività della persona amata così come si intende il possesso di un oggetto, ecco perché sin dalla più tenera età, bisognerebbe insegnare, ai nati sotto questo segno, il dominio degli istinti ed il controllo della prepotenza. Fin da giovanissimo sarà favorito nei rapporti con gli altri, desidera mostrarsi simpatico e spesso ci riesce, i suoi legami sono costanti e duraturi, siano essi di amore o di amicizia.

Il Toro in Amore

 
Oltre ad essere molto passionale e geloso è anche una persona tranquilla, stanziale, bisognosa di sicurezze e di benessere. Riesce a far sentire protetto il partner, provvedendo ai suoi bisogni, lo coccola, investe su di lui, non perché lo consideri suo, ma perché lo vede come una sorta di prolungamento fisico della sua persona.
In amore vede un corpo solo: il suo. Se la persona che ama lo lascia, subisce l’abbandono come una vera e propria mutilazione fisica. Ecco perché tutela in quel modo il partner ed è possessivo, in fondo stai proteggendo anche se stesso.

Il Toro nell'Amicizia

Come in amore, anche nell’amicizia manifesta una forma di gelosia nei confronti dei suoi amici, che sono quasi sempre in numero ristretto e selezionato.
Non è particolarmente generoso ed è meglio non interpellalo per eventuali prestiti, però è in grado di fornire gratuitamente numerosi e saggi consigli.
E' in grado di conservare bene i rapporti di amicizia che risalgono all’infanzia, grazie al suo buon carattere che gli consente di essere amato e apprezzato, nonostante i piccoli difetti.

Il Toro nel Lavoro

Il nativo del Toro è particolarmente determinato in ambito lavorativo, la sua tenacia infatti lo porta a produrre in silenzio, in cambio di fiducia e gratificazione.
Predilige un'occupazione che non comporti rischi economici e che garantisca un introito fisso e dunque una remunerazione che non subisca variazioni inattese.

E' portato per le professioni manuali e a contatto con la natura: il soggetto Toro potrebbe farsi largo nel settore agricolo oppure edile, oppure potrebbe esprimere la sua creatività con il cibo, diventando chef, o nel mondo della moda come stilista o visagista.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

news
news
scomode verit
scomode verit
antroposofia
antroposofia
psicologia
psicologia
riflessioni
riflessioni
Vini e dintorni
Vini e dintorni
astronomia
astronomia
scienza
scienza
bonus e incentivi
bonus e incentivi
significato sogni
significato sogni
artisti
artisti
scuola
scuola
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
medicina naturale
medicina naturale
vegan & co.
vegan & co.


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!