Faredelbene.net



animali -> razze canine -> Alano


Alano




L'alano viene anche chiamato l'Apollo dei cani o, nei paesi anglossassoni, il Grande Danese

Tuttavia questa razza ha origini tedesche, anche se non è chiaro come sia stato possibile ottenere un cane di dimensioni così gigantesche. C'è chi teorizza che sia imparentato con antichi molossoidi trattati dagli antichi Fenici o che le sia arrivato a seguito della migrazione di una popolazione originaria dell'attuale Iran, gli Alani.

Cane di grande taglia, nonostante le dimensioni ha un aspetto elegante e slanciato. A seconda degli standard l'altezza minima al garrese deve essere di 70 cm. per un peso di almeno 50 Kg. Nel Guiness dei Primati viene documentato un esemplare di Alano la cui altezza al garrese superava il metro. Il mantello a pelo raso può essere fulvo, nero, tigrato o bicolore nero con inserti bianchi. Il cosidetto Alano Arlecchino si distingue per la colorazione bianca a grosse macchie nere.

Di carattere fedele e leale, l'Alano è un eccellente cane da guardia anche se difficilmente arriva ad attaccare le persone. Tuttavia l'aspetto è spesso sufficiente per mettere in guardia i malintenzionati. Sono cani intelligenti, molto protettivi e fedeli verso la propria famiglia. Anche all'paerto difficilmente si allontanano dal proprio padrone. L'Alano può essere educato facilmente e non ha bisogno di un continuo allenamento per ricordare i comandi appresi.

Purtroppo, come molte altre razze di cani grandi e pesanti, l'Alano tende a soffrire di displasia, un difetto delle articolazioni del gomito o dell'anca che può portare a gravi forme di artrosi, soprattutto in età adulta e senile. Ogni esemplare di Alano dovrebbe perciò essere sottoposto ad analisi radiologica al termine del periodo della crescita per accertare il problema: solo i cani non affetti da displasia sono idonei alla riproduzione con scarse probabilità di generare individui malati.
 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Meditazione:fare la scultura di un'immagine vera

Una volta un maestro diede al discepolo una roccia e gli chiese di scolpire un'immagine. Il discepolo obbediente trascurò di mangiare e dormire e si sedette per lavorare, scolpendo un'immagine. Quando fu completata portò l'immagine al maestro e la offrì ai suoi piedi. Rimase da parte in piedi umilmente, a mani giunte e il capo chino. Il maestro guardò la scultura, la prese e la gettò via. Si ruppe in tanti pezzi.

'E' questo il modo di fare un'immagine?' chiese arrabbiato.
Il discepolo guardò i pezzi rotti e pensò: 'Non ha proferito una sola parola dolce, anche se ho lavorato così duramente per giorni senza né mangiare né dormire!' Conoscendo ciò che stava pensando, il maestro gli diede un'altra pietra e gli chiese di cominciare di nuovo a scolpire un'altra immagine.

Il discepolo andò via con la pietra e fece una nuova immagine più bella della prima. Ancora una volta si avvicinò al maestro, pensando che stavolta il maestro ne sarebbe certamente rimasto contento. Ma non appena il maestro vide l'immagine, divenne rosso in volto. 'Mi stai prendendo in giro? Questa è peggiore dell'altra!' E la ruppe.

Guardò il discepolo, che se ne stava in piedi con la testa umilmente abbassata. Questa volta il discepolo non sentì alcun risentimento verso il maestro, ma si sentì un po' triste.
Il maestro gli diede un'altra pietra e gli chiese di realizzare un'altra opera. Il discepolo scolpì la nuova immagine con molta cura. Era una grande opera d'arte. La sottomise ai piedi del maestro. Ma il maestro la prese e la fece in pezzi all'istante, rimproverando severamente il discepolo. Questa volta il discepolo non si sentì né arrabbiato né triste. Pensò: 'Se questo è ciò che il mio maestro desidera, che sia così. Ogni cosa che fa è per il mio bene.' Questa era l'attitudine alla resa in quel momento.

Il maestro gli diede ancora un'altra pietra. Il discepolo l'accettò con gioia e tornò con un'altra immagine eccezionalmente bella. Il maestro ruppe anche quella. Ma non ci fu neanche un minimo cambiamento nell'umore del discepolo. Il maestro ne fu molto compiaciuto. Mise le mani sul capo del discepolo e lo benedisse.
Un osservatore che guardi le azioni del maestro potrebbe probabilmente pensare che il maestro o fosse crudele o persino pazzo. Soltanto il maestro e il discepolo che si era completamente arreso a lui potevano sapere cosa davvero stesse accadendo. Il maestro fa passare il discepolo per numerose prove in modo da modellarlo nel modo appropriato. Ogni volta che il maestro sfracellava l'immagine che il discepolo gli portava, stava scolpendo una vera immagine nel cuore del discepolo. Era l'ego del discepolo che veniva rotto. Soltanto un satguru può fare così, e soltanto un vero discepolo può provare la beatitudine che ne viene fuori.

Fonte amma-italia.it





Categorie

tradizioni
tradizioni
stile & bon ton
stile & bon ton
beneficenza
beneficenza
salute
salute
astrologia
astrologia
significato dei colori
significato dei colori
Vini e dintorni
Vini e dintorni
scomode verit
scomode verit
musica
musica
cucina
cucina
coppia
coppia
animali
animali
attualit
attualit
bonus e incentivi
bonus e incentivi
significato sogni
significato sogni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!