Faredelbene.net



animali -> razze canine -> Cocker Spaniel


Cocker Spaniel




Il cocker spaniel inglese condivide con altre razze canine un’origine molto controversa ed incerta

Il nome spaniel rimanderebbe alla lingua spagnola sicché sono in molti ad individuare nella penisola iberica la culla degli spaniel in genere, cani il cui utilizzo primario era quello di indurre la selvaggina ad alzarsi in volo o scappare dal nascondiglio per essere preda di falchi, levrieri o reti.

La razza (e gli spaniel in generale) è presente in Gran Bretagna da secoli visto che documentazione del milletrecento già narrano delle gesta venatorie della stessa.

Il cocker spaniel inglese è un cane con altezza contenuta tra i 38 ed i 41 cm al garrese, pesante meno di 15 kg., orecchie lunghe attaccate basse con frange di pelo, mantello di pelo piatto, setoso con numerose frange, colore rosso, arancio, nero, roano blu, fegato, nero focato, bicolore o tricolore (lo standard ammette ogni colore).

Il cocker, nome con il quale è più familiarmente conosciuta la razza, nasce come cane da caccia, inimitabile nello scovare la preda nascosta e costringerla a fuggire, senza timore alcuno di dover avventurarsi in cespugli, rovi e fitta boscaglia alla ricerca della selvaggina; in generale adatto a tutta la selvaggina, il cocker spaniel inglese è particolarmente adatto alla caccia di conigli, beccacce, fagiani, pernici, quaglie ed allodole che stana dopo averli individuati con il suo fine olfatto.

Cane che non teme né intemperie, né terreni ostili, effettua un ottimo riporto e s’avventura senza timore in acqua. Il cocker spaniel inglese, a dispetto di queste doti da cane da caccia, è più conosciuto come cane da compagnia, il suo bell’aspetto ed il carattere gioioso e vivace sono stati i requisiti principali del suo successo. Si tratta, peraltro, di un razza piuttosto longeva, che si adatta facilmente anche alla vita in appartamento (d’obbligo il movimento che si addice ad ogni razza nata per la caccia), di buona salute con l’accorgimento di controllare la pulizia delle orecchie.

I cuccioli di cocker spaniel inglese vanno educati con una certa fermezza (mai brutalità) ma la fama di cani mordaci è del tutto ingiustificata e risale ad un periodo in cui il cocker era richiestissimo e molte persone, senza la dovuta preparazione, si sono improvvisate allevatori con l’ovvia e conseguente immissione sul mercato di esemplari con tare genetiche caratteriali.

L’attuale allevamento della razza, in Gran Bretagna come in Italia, assicura l’omogeneità e l’equilibrio del carattere del cocker spaniel inglese.

Caratteristiche del Cocker Spaniel

Corpo:

Linea superiore ferma e dritta, in leggera pendenza verso la coda tra la fine della regione lombare e la coda stessa. Regione lombare corta e larga. Petto: ben sviluppato, con la regione sternale ben discesa, non troppo larga né troppo stretta nella parte anteriore. Costole ben cinturate.

Mantello:

Pelo piatto, tessitura setosa mai a filo di ferro, non ondulato, non troppo abbondante e mai arricciato. Frange abbondanti sugli arti anteriori, il corpo, gli arti posteriori al di sopra dei garretti. Colore: ammessi vari colori. Nei soggetti multicolori il bianco è ammesso solo sul petto.

Testa:

Cranio ben sviluppato, nettamente cesellato, non troppo fine né troppo spesso. Ben marcato; situato a metà distanza fra l'estremità del tartufo e la punta dell'occipite.

Coda:

Attaccata in posizione lievemente più bassa della linea del dorso. È sempre movimento; è portato orizzontalmente e mai rialzata.

Carattere:

Naturalmente allegro; con la coda che si muove continuamente il Cocker si da sempre da fare in azione, in particolare quando segue una pista, senza temere i cespugli fitti. Dolce e affettuoso, pieno di vivacità e di esuberanza.

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

medicina
medicina
scomode verit
scomode verit
amore e dintorni
amore e dintorni
scuola
scuola
stile & bon ton
stile & bon ton
donna
donna
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
miti e leggende
miti e leggende
itinerari
itinerari
musica
musica
attualit
attualit
antroposofia
antroposofia
astronomia
astronomia
artisti
artisti


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!