Faredelbene.net



animali -> animalisti -> Operazione Salvataggio Pesci: cos gli animalisti mettono in pericolo l'ambiente


Operazione Salvataggio Pesci: cos gli animalisti mettono in pericolo l'ambiente




Il Fronte Animalista in azione nel canali di Milano e su Facebook. Ma il “salvataggio” potrebbe rappresentare un danno ecologico per la tutela della fauna autoctona. Il caso del gambero rosso e quello dello scoiattolo grigio

A partire dalle 7.30 di sabato 27 settembre il Fronte Animalista si è imbarcato in una nuova missione chiamata «operazione salvataggio pesci». I canali di Milano in alcune zone son stati prosciugati. Il Fronte animalista è furioso perché il comune si sarebbe disinteressato della fauna dei navigli. Una cinquantina di secchi, qualche attivista armato di buona volontà preleva gli animali e li immette in oasi protette. Le foto autocelebrative vengono caricate su Facebook con «un plauso particolare a chi si è attivato ed ha macinato molti chilometri per contribuire al salvataggio», collezionando commenti di apprezzamento e like. Qualcuno mostra qualche perplessità, i commenti spariscono.

PERCHÉ LIBERARE ANIMALI È PERICOLOSO

L’attività nella quale si sta impegnando il Fronte Animalista, anche adesso mentre leggete, potrebbe sembrare nobile per una persona che non conosce le regole in materia di gestione della fauna selvatica; in realtà può rappresentare un grave danno ecologico per l’ambiente e per la tutela della fauna autoctona. Il gambero rosso della Louisiana, detto anche gambero killer, è una specie aliena (ovvero estranea al nostro escosistema) , proviene dagli USA e si sta diffondendo in Europa minacciando la biodiversità dei nostri fiumi e dei nostri canali, è più robusto e aggressivo rispetto ai nostri gamberi, resiste per molto tempo fuori dall’acqua grazie alla conformazione della sua camera bronchiale. È portatore sano dell’afanomicosi, un fungo letale per i gamberi dei nostri fiumi, in alcune regioni italiane son partiti dei progetti da milioni di euro sponsorizzati dalla Commissione Europea per tutelare alcuni dei nostri gamberi, come il progetto Life Rarity per contrastare la diffusione del gambero rosso della Louisiana e per tutelare l’Austropotamobius pallipes, gambero nativo più importante del Friuli-Venezia Giulia, che rischia l’estinzione. Un altro problema sono le tartarughe americane dalle, definite dal Fronte Animalista come “tartarughe di palude”. Queste tartarughe, estremamente adattabili e aggressive, sono un flagello per il nostro delicato ecosistema. Spesso queste tartarughe vengono acquistate quando sono piccole a pochi euro a qualche fiera. In pochi anni possono raggiungere le dimensioni di 30-35 cm e hanno bisogno di spazio, per cui, l’ignorante in buona fede le libera nei Navigli e qualche altro ignorante in buona fede le sposta in oasi protette, creando un grande problema per la fauna locale. Queste tartarughe, infatti, possono vivere fino a 30 anni, sono più grosse e aggressive rispetto alle tartarughe autoctone con le quali competono per la nicchia ecologica, inoltre, essendo carnivore, possono nutrirsi delle uova dei pesci e degli anfibi autoctoni, minacciando il fragile equilibrio dell’ecosistema. Esistono dei centri di raccolta per tartarughe: se non si volesse fare un danno ecologico bisognerebbe rivolgersi presso essi, invece che rilasciarle in oasi protette.

IL PROBLEMA DEGLI SCOIATTOLI GRIGI

Per quanto riguarda i pesci, lo spostamento potrebbe rappresentare uno grande fattore di stress lo shock termico. Pozza calda, secchio caldo, fiume o lago freddo… dovrebbero adattarsi al nuovo ambiente in modo graduale, immergendo il secchio e aggiungendo pian piano l’acqua in modo di permettere ai pesci di uscire da soli. Inoltre c’è una grande incognita che non viene considerata. Non è detto che il nuovo habitat sia idoneo, inoltre potrebbe essere che quei pesci prelevati dai navigli trasportano parassiti o batteri che possono essere nocivi per i pesci del nuovo ambiente. Quindi quando si parla di “vite salvate” riguardo gli animali prelevati dal canale e liberati in ambienti nuovi ci si scorda del fragile equilibrio naturale, di quante vite possono essere spezzate, di quante popolazioni possono essere messe in pericolo da queste vite salvate. Se il problema dell’ignoranza in malafede si fermasse alle piccole associazioni di attivisti i danni sarebbero abbastanza limitati, tuttavia esistono grosse associazioni animaliste che contrastano attivamente le politiche di gestione della fauna selvatica, soprattutto le campagne di controllo delle specie invasive che ispirano più temerezza, per esempio le nutrie e dello scoiattolo grigio. Lo scoiattolo grigio, di origine nordamericana, compete per lo spazio e per il cibo con il nostro scoiattolo rosso, portandolo all’estinzione. In alcuni territori ha completamente soppiantato lo scoiattolo rosso, tanto da indurre le stesse autorità e gli esperti di gestione faunistica a prendere delle misure per la sua eradicazione. Dove c’è lo scoiattolo grigio non c’è più lo scoiattolo rosso. In Italia ci sono grosse associazioni animaliste che richiedono campagne di sterilizzazione per impedire l’abbattimento e altre associazioni animaliste, che fanno ricorso contro le campagne di sterilizzazione: continuando di questo passo lo scoiattolo rosso si estinguerà presto.

LE POLITICHE DI CONTENIMENTO, CONTENUTE

La nutria è un mammifero roditore apprezzato per la sua pelliccia, originario del sud America ora invece è molto gradito per le campagne animaliste. Si sta diffondendo molto rapidamente arrecando danni dal punto di vista ambientale e biologico, distruggendo gli argini ed entrando in competizione con la fauna locale, non essendo presenti nel nostro Paese i suoi predatori naturali. L’uomo, in quanto responsabile del caos biologico, dovrebbe, soprattutto nei casi gravi (quando appunto come in questo caso una specie alloctona mette a rischio la vita di una specie autoctona), rimediare con efficaci politiche di contenimento ed eradicazione. Ma molte delle decisioni prese dalle amministrazioni più responsabili (non tutte, per fortuna) sono finite in tribunale, bloccate poi dai ricorsi degli animalisti. Esistono anche soluzioni più razionali della “liberazione” vera e propria, le quali, anche se illegali allo stesso modo, almeno non danneggiano l’habitat. Che gli animalisti adottino gli animali che salvano e che facciano in modo che non si riproducano. Meglio fare così che fare danni, no?


Fonte: Feder Fauna

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

antroposofia
antroposofia
animali
animali
tradizioni
tradizioni
filosofia
filosofia
scuola
scuola
attualit
attualit
pedagogia
pedagogia
simboli e archetipi
simboli e archetipi
psicosomatica
psicosomatica
Vini e dintorni
Vini e dintorni
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
bambini
bambini
scomode verit
scomode verit
riflessioni
riflessioni
beneficenza
beneficenza


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!