Faredelbene.net



animali -> Ebola - Anche cani e gatti sviluppano la malattia?


Ebola - Anche cani e gatti sviluppano la malattia?




Mancano ancora conoscenze sufficienti per rispondere appieno a questa domanda. È quanto afferma un Rapporto Europeo EFSA e ECDC in risposta a un quesito della Commissione UE. Comunque in Europa il rischio per gli animali domestici di contrarre l’ebola per contagio dall’uomo è ritenuto molto basso, dato che i pazienti vengono prontamente isolati

In Europa, risulta molto bassa la probabilità che cani e gatti vengano esposti al virus per contatto con l’uomo, ma ancora non ci sono evidenze chiare se questi animali possano effettivamente sviluppare la malattia e trasmetterla. Lo afferma un Rapporto degli Organismi europei EFSA (European Food Safety Authority) e l’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control), che hanno effettuato una valutazione del rischio che gli animali domestici, in particolare cani e gatti, possano essere contagiati e trasmettere il virus. Il Rapporto ha valutato tre differenti aspetti: la probabilità che l’animale entri in contatto con un paziente con virus ebola, la probabilità di essere contagiato dal virus e la probabilità di trasmetterlo all’uomo.

Dal rapporto, risulta molto bassa la probabilità che cani e gatti vengano contagiati dall’ebola venendo a contatto con persone che hanno contratto il virus in Europa, principalmente per il fatto che i malati vengono prontamente isolati.

In ogni caso Efsa raccomanda agli operatori sanitari e alle autorità veterinarie preposte alla cura degli animali, di valutare l’eventuale rischio sulla base di uno schema caso per caso, considerando tra i principali fattori per la valutazione il tipo di contatto avuto e lo stadio della malattia. Gli esperti inoltre hanno identificato possibili misure precauzionali, quali l’automonitoraggio e in alcuni casi l’isolamento degli animali.

Ulteriori analisi nei prossimi mesi indagheranno il rischio di trasmissione tra gli animali e gli uomini nelle regioni dell’Africa occidentale. Un altro aspetto da approfondire riguarda il rischio di trasmissione del virus attraverso la catena alimentare: in particolare, l'EFSA valuterà i rischi associati con il consumo di cibi crudi importati dai paesi africani più colpiti dalla malattia.

Viola Rita
 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

salute
salute
artisti
artisti
libri e recensioni
libri e recensioni
stile & bon ton
stile & bon ton
filosofia
filosofia
cucina
cucina
tecnologia
tecnologia
news
news
autismo
autismo
psicologia
psicologia
numerologia
numerologia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
astronomia
astronomia
tradizioni
tradizioni
diete
diete


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!