Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Il piacere del mangiare i legumi


Il piacere del mangiare i legumi




I legumi, un regalo dalla natura per il benessere, la dieta e la linea. Come mangiarli senza avere il fastidio dell'aria nella pancia.

Ceci, fagioli e leguminose sono un regalo della natura per la dieta, il benessere e la linea.
Ogni volta che si parla di questi prodotti di origine vegetale è inevitabile che qualcuno se la ridacchi pensando alla pancia piena di aria che, in effetti, segue spesso l'assunzione sporadica di questi alimenti.
La produzione di aria nella pancia, nota anche come "meteorismo", dipende principalmente da tre fattori: l'infiammazione generale, la non abitudine dell'intestino a interagire con l'alimento e la non abitudine dell'intestino a interagire con la fibra.
Gli stessi motivi che rendono questi alimenti spaventosi sono anche quelli che ne fanno mezzi utili e importanti per raggiungere il benessere desiderato.
Come già noto a molti, la varietà alimentare è una delle risorse più importanti al fine del mantenimento o del recupero di una buona salute. Ed ecco che le leguminose spezzano la routine, aiutando a ridurre quell'infiammazione da cibo che in un primo momento può causare un po' di fastidio alla loro introduzione.
Un organismo infiammato reagisce agli alimenti nuovi come una persona spaventata lasciata da sola in un posto che non conosce. Nella fattispecie, l'intestino umano non digerisce bene mentre la flora intestinale produce aria.
Sfiammare l'organismo è il primo passo per renderlo nuovamente in grado di reagire agli stimoli in maniera coerente, tollerante e intelligente.
La tolleranza alimentare può essere raggiunta attraverso una dieta di rotazione che permetta di affiancare settimanalmente prodotti nuovi a quelli che si è da sempre abituati a mangiare. Ecco che sostituire i fagioli con il tonno alla pasta col pomodoro per un paio di giorni a settimana può in un primo momento creare un po' di subbuglio a fronte di tanto bene nel lungo periodo.
L'azione di riduzione dell'infiammazione da cibo non è l'unica cosa positiva che le leguminose regalano a chi ne mangia: esse sono ricche di fibra vegetale, minerali e grassi polinsaturi (buoni).
Nel complesso questi alimenti proteggono il sistema cardiocircolatorio, la linea, il cervello. Abbassano l'indice glicemico, l'infiammazione generalizzata e persino il conto sullo scontrino del supermercato.
Inoltre, riducono nel tempo, non solo l'aria nella pancia a loro dovuta, che diventa inesistente, ma anche il gonfiore addominale tipico del post pranzo, quando essi siano utilizzati nella logica di una dieta di rotazione che controlli l'infiammazione da cibo.
È indubbio che le leguminose siano doni della natura da usare con serenità, amicizia e gusto.
 
È comunque importante ricordare che ai fini di una sensata introduzione proteica giornaliera le più celebri leguminose, una volta idratate, contengono circa la quantità proteica di un qualsiasi cereale.
Le leguminose sono costituite più da carboidrati che da proteine e per questo è utile abbinarle a un'altra fonte proteica a completamento del pasto.
Se per gli infiammati è meglio cominciare a far uso di queste meraviglie alimentari nel fine settimana, possibilmente lontano da occasioni di obbligata socialità, con il tempo diventano uno strumento di salute potente, buono, soddisfacente, per tutti, senza più aria nella pancia per alcuno.
 
Fonte: eurosalus.com
 
Michela Speciani
Redazione Eurosalus
 
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



L'ARTE DI ASCOLTARE

Non ce ne avvediamo, ma è raro che noi sappiamo realmente ascoltare un interlocutore. Eppure una grande ricchezza interiore, un’animazione nuova e creativa ci possono
venire dal saper ascoltare e forse ancora qualcosa di più essenziale che tenteremo descrivere. Per solito non ascoltiamo l’altro, ma noi stessi: crediamo di seguire il filo del discorso dell’altro, ma seguiamo invece la nostra confutazione, una sorta di borbottio psichico che continuamente si interpone tra noi e l’interlocutore: ed è il nostro giudizio. Crediamo di avere afferrato un contenuto, ma ancora una volta non abbiamo altro che la nostra segreta opposizione al mondo. Si provi una volta a tacere interiormente, a non intervenire con la propria immediata confutazione o con la propria passiva accettazione: si lasci giungere nell’anima il suono della voce di chi parla, il senso delle sue parole: si ascolti realmente, per conoscere nella sua interezza che cosa ci viene comunicato.
Si scoprirà che si tratta di un atteggiamento nuovo, che non s’era mai prima di allora sperimentato: si sentirà farsi in noi una calma che può accogliere l’altro e che può dargli modo di esprimersi con una libertà che in lui tende normalmente ad affermarsi, ma che viene sempre respinta dal non trovare risonanza all’esterno. Non dovrebbe sembrare immagine retorica il sentire che colui che è dinanzi a noi e ci parla, proprio in quanto in quel momento stabilisce un rapporto vivo con noi, è l’essere più importante del mondo: è il rappresentante dell’umanità, è noi stessi. Nel tacere, nel vietarsi di confutare e di commentare, si ascolta veramente l’altro e lo si aiuta, lo si conosce nella sua profondità, si può rilevare in lui quello che v’è di più singolare e che altrimenti, non venendo ad espressione, andrebbe perduto per il mondo. Si provi a usare questo atteggiamento con
un essere semplice, a cui non si è usi attribuire importanza: per esempio con un bimbo, con una domestica, con uno spazzino: si può scoprire nell’ascoltarlo con quanta ottusità ci si comporta di solito, vietandosi di far giungere effettivamente a noi il messaggio essenziale che può venirci da un individuo qualsiasi. Ci si avvede che noi, con giudizi già belli e costituiti, anzi con un abito giudicante regolamentare, ci chiudiamo ai significati più vivi, alle singolari espressioni degli esseri, che sono la pulsante vita del reale.
Si può scoprire che non v’è creatura da cui non si abbia da imparare qualcosa, che si
può rimanere silenziosi ad accogliere la comunicazione di un essere semplice lasciando così che la sua anima si immerga nella nostra e vi rechi risonanze che fanno parte del mistero meno conoscibile della vita interiore e a cui sarebbe difficile trovare altro linguaggio che quello dell’arte o della filosofia. Si reca un concreto giovamento a colui che ci parla, se lo si sa ascoltare: lo si aiuta come se gli si dischiudesse il varco ad un più fecondo incontro con se medesimo. L’interlocutore sente che infine è ascoltato, ossia compreso, sente che può varcare la chiusura della propria individualità e riversarsi nel mondo, perché in quel momento chi lo ascolta è il mondo intero. La parola allora si ravviva del “calor cogitationis”, in cui filtra l’intelligenza del cuore e nasce quella comunione che è il germe della vera socievolezza, ossia della fraternità. Chi sa ascoltare diviene il sollecitatore di quanto di meglio può scaturire dall’anima dell’interlocutore:
lo fa sbocciare in sé, lo rende artista e, propiziando una migliore relazione fra la psiche di lui e il mondo esteriore, giova anche alla sua salute fisica. È un’arte non facile, soprattutto perché di solito non si sa dimenticare se stessi se non nei gesti e negli atti istintivi: mentre ci si ricorda troppo di sé, delle proprie opinioni, delle proprie preferenze, quando si è presenti a se stessi. Ricondurre al silenzio il proprio opinare, il
proprio reagire, dà peraltro una grande calma. Si potrebbe obiettare che una tale attitudine attenua la coscienza di sé ed elimina quello spirito critico che nell’esperienza normale ci garantisce la scelta del vero e del buono. Ma la realtà è che una scelta secondo verità non possiamo farla se prima non ci poniamo dinanzi i contenuti quali sono e non lasciamo che essi ci rivelino la loro realtà. Immergendosi nell’ascolto dell’altro, l’uomo estingue in sé l’“io” più effimero o più egoistico, quello che borbotta, critica, soggettivizza, quello che riduce tutto a termini dialettici: è evidente perciò che quello che sta ad ascoltare è il vero “Io”, o Io superiore. Il buon ascoltatore diviene calmo e prova quella rara esperienza che fa accogliere gli interessi dell’altro come interessi propri: esperienza che rafforza la volontà, libera dall’angoscia e dalla paura,
chiarisce il senso di ciò che comunemente si chiama “amore verso il prossimo”, ma che rimane espressione verbale, mera immagine, se non lo si attua attraverso una pratica, che concretamente svincoli da se stessi. Il potere della volontà scorre creativamente nell’uomo che sappia stabilire in sé un silenzio non artificioso, narcisistico, retorico, ma un silenzio dedito alla conoscenza degli uomini e delle cose, vastamente aperto a tutti i suoni e le espressioni dell’essere: per cui l’individuo non opponga continuamente se stesso al messaggio del mondo ma offra la sua interiorità perché questo vi si esprima in pienezza.

Massimo Scaligero

Fonte http://www.larchetipo.com/2011/ago11/





Categorie

scienza
scienza
pedagogia
pedagogia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
curiosit
curiosit
stile & bon ton
stile & bon ton
medicina naturale
medicina naturale
lavori creativi
lavori creativi
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
amore e dintorni
amore e dintorni
astronomia
astronomia
riflessioni
riflessioni
coppia
coppia
significato dei colori
significato dei colori
storia
storia
numerologia
numerologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!