Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Acqua di melanzane per dimagrire


Acqua di melanzane per dimagrire




L'acqua di melanzane può essere un valido alleato, insieme ad una sana dieta e all'attività fisica, per perdere peso e dimagrire

L’acqua di melanzane è un semplice rimedio per perdere peso. Il contenuto di acqua, fibre, vitamine, antiossidanti e minerali la rendono una risorsa eccellente per bruciare i grassi e per fornire al nostro organismo il giusto apporto di nutrienti di cui ha bisogno. Una volta imparate le modalità di prepararzione e di consumazione, l’acqua di melanzane potrà diventare un aiuto fondamentale per ridurre a poco a poco il fastidioso grasso addominale.

Perché le melanzane possono aiutarvi a perdere peso?

Le melanzane si caratterizzano per la grande quantità di nutrienti e poche calorie. Sono, inoltre, degli eccellenti diuretici naturali, combattono la ritenzione dei liquidi e hanno un grande potere saziante.
Deve essere chiaro a tutti che se si vuole eliminare o ridurre il grasso addominale, o in generale perdere peso, bisogna cambiare alcune abitudini di vita. Questo significa che l’acqua di melanzane è utile solo se si segue una dieta equilibrata e si pratica sport o una qualsiasi attività fisica per almeno mezz’ora al giorno.
L’acqua di melanzane possiede proprietà depurative e disintossicanti, è priva di grassi ed ha pochissime calorie. Il suo apporto nutrizionale, inoltre, è l’ideale per completare una dieta sana ed equilibrata.

Quali sono gli altri benefici delle melanzane?

Le melanzane aiutano ad eliminare il colesterolo. Di sicuro vi chiederete come. I componenti della melanzana assorbono i grassi degli altri alimenti che mangiamo e che circolano nell’intestino.
Eliminano le tossine dall’organismo e regolano il transito intestinale, quindi sono molto indicate in caso di stitichezza.
Hanno proprietà antiossidanti grazie alla vitamina E e agli antociani, sostanze che proteggono da vari tipi di cancro e dalle malattie cardiache.
Le melanzane contengono anche potassio e sodio, elementi importanti per il sistema nervoso e per quello cardiovascolare.
La fibra della melanzana aiuta a depurare l’organismo, come vi abbiamo già anticipato. Permette, inoltre, di abbassare i livelli di zucchero nel sangue, quindi è un grande aiuto per le persone diabetiche.
Le melanzane contengono anche acido folico, utile per le ossa.
Sono ottime per le persone che soffrono di problemi al fegato perché stimolano l’attività della bile.
Sono delle verdure ricche di magnesio e ferro, quindi aiutano a prevenire l’anemia e a migliorare le nostre difese immunitarie.

Come dimagrire con l’acqua di melanzane?

Come e per quanto tempo bere l’acqua di melanzane?
Bisogna berla per sette giorni di seguito. Vi consigliamo il consumo dell’acqua di melanzane almeno una volta al mese perché, oltre ad aiutarvi a combattere il grasso addominale, vi aiuterà a depurare l’organismo.
Per una settimana dovete seguire una dieta soprattutto a base di insalate e succhi, oltre a ridurre al minimo il consumo di grassi industriali e di farine raffinate.
Dovete bere almeno mezzo litro di acqua di melanzane al giorno. Un bicchiere prima dei pasti principali.
Potete arrivare a perdere 2 chili durante questa settimana. Tenete presente, però, che il metabolismo varia da persona a persona, quindi anche il numero di chili persi.
Oltre a bere l’acqua delle melanzane, potete anche consumarle in altri modi, al forno o bollite, ad esempio. In qualsiasi modo vi piacciano, purché non siano crude. La melanzana cruda è tossica perché contiene un alcaloide chiamato solanina che può provocare vomito e diarrea.


Come preparare l’acqua di melanzane?

Il procedimento è molto semplice. Sbucciate e lavate una melanzana di medie dimensioni e tagliatela a cubetti.
Prendete una caraffa e riempitela con mezzo litro d’acqua. In seguito, aggiungete i cubetti di melanzana. Dovrete lasciare riposare l’acqua tutta la notte, per questo vi consigliamo di prepararla un giorno prima e di lasciarla a macerare durante la notte.
Potete servirla fresca e con un po’ di succo di limone. Grazie al limone, il sapore sarà più particolare e aumenterà anche la quantità di antiossidanti. Ricordate di bere l’acqua di melanzane prima di ogni pasto, per una settimana. Potete fare questa dieta una volta al mese, poco a poco noterete i risultati.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

pedagogia
pedagogia
mamme
mamme
popoli e culture
popoli e culture
attualit
attualit
significato sogni
significato sogni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
bambini
bambini
psicosomatica
psicosomatica
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
astrologia
astrologia
coppia
coppia
libri e recensioni
libri e recensioni
salute
salute
tecnologia
tecnologia
amore e dintorni
amore e dintorni


Leggi Anche..

Maca per placare l'appetito
Data: 2014-09-10

Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco
Data: 2015-02-22

Proprieta' curative e benefici della Zucca
Data: 2014-10-03

Betulla e Stevia per spegnere la voglia di zuccheri
Data: 2014-10-14

Dieta dimagrante con legumi
Data: 2015-01-08

Dimagrire naturalmente?! Prova l'aceto di sidro....
Data: 2014-07-07

Franco Berrino, Oncologo, su latte, zucchero, proteine: quello che dobbiamo sapere su ci che mangiamo
Data: 2014-08-01

Zenzero per curare lo stomaco e sciogliere il grasso addominale
Data: 2015-01-09

Come ridurre l'accumulo di grassi con il Pu'er
Data: 2003-01-10

Zenzero e limone: dimagrire naturalmente
Data: 2016-01-13





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!