Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Liberare il corpo dal sale accumulato


Liberare il corpo dal sale accumulato




Il sale è uno dei condimenti presente nella maggior parte delle cucine del mondo, visto che riesce a dare un sapore speciale a tutti i pasti. Tuttavia, le ricerche realizzate nel corso degli anni hanno dimostrato che questo prodotto ha un impatto negativo molto serio sulla nostra salute, e la cosa più preoccupante è che la maggior parte delle persone lo consuma in eccesso

Senz’altro, il nostro corpo ha bisogno di un po’ di sale, o sodio, per funzionare correttamente, ma questo non significa che possiamo consumarlo in eccesso. Di fatto, alcuni esperti si trovano d’accordo nell’affermare che è meglio eliminare del tutto il sale dalla dieta e scegliere di acquisire quella dose di sodio consumando altri alimenti.

Il consumo eccessivo di sale a lungo termine può causare seri problemi di salute, come malattie cardiache, ictus e altri problemi. Si è scoperto inoltre che è una delle principali cause della ritenzione idrica e del gonfiore. Per fortuna, possiamo modificare la cattiva abitudine di consumare troppo sale e liberare il nostro organismo dal sale accumulato.

Consigli per eliminare il sale accumulato nel nostro organismo


Consumare più acqua: gli esperti raccomandano di bere dai 6 agli 8 bicchieri di acqua al giorno, visto che, anche se può sembrare un controsenso, consumare acqua stimola l’eliminazione dell’eccesso di liquidi ritenuti nel corpo; inoltre l’acqua trascina via l’eccesso di sodio e lo elimina attraverso l’urina. Questa buona abitudine ci aiuta a ripulire l’organismo, ci mantiene idratati e riduce il gonfiore del corpo.
Eliminare il sale dalla dieta: anche se per molti il sale è un ingrediente che non può mancare nei pasti, l’ideale sarebbe iniziare a cercare altre alternative per potenziare il sapore degli alimenti. Possiamo consumare delle dosi minime di sale, preferibilmente aggiunte ai cibi fatti in casa. Tenete presente che il sale in eccesso è già presente nei salumi, il cibo in scatola, le zuppe già pronte, i surgelati e il cibo spazzatura, etc. Invece di consumare questo tipo di alimenti, cercate di aggiungere più frutta e verdura alla vostra dieta, visto che aiuta a eliminare l’eccesso di sodio durante la digestione.
Sostituire il sale: eliminare il sale dalla dieta può essere possibile se iniziamo ad abituarci a sostituire questo condimento con delle alternative più salutari, come per esempio l’aglio, il pepe nero fresco, il curry, il prezzemolo, l’origano e il rosmarino.
Fare attività fisica: si raccomanda di fare esercizio aerobico ogni giorno, o qualsiasi altro tipo di attività che stimoli la sudorazione. Quando camminiamo, balliamo, corriamo, andiamo in bici o persino quando andiamo in una sauna, stiamo liberando il nostro corpo dalle impurità e dall’eccesso di sale, grazie alla traspirazione. Ricordate di portare con voi una bottiglietta d’acqua ogni volta che fate esercizio.

Il prezzemolo per eliminare il sale accumulato nel corpo
 

Il prezzemolo è un ingrediente famoso per la sua capacità depurativa sui reni e perché stimola l’eliminazione delle tossine attraverso l’urina. Sappiamo che i reni hanno un ruolo fondamentale nella disintossicazione del corpo, visto che sono gli organi responsabili di filtrare il sangue per eliminare l’eccesso di sale e qualsiasi altra sostanza tossica nell’organismo.

Come ci può aiutare il prezzemolo?

Per sfruttare i suoi benefici nella pulizia dei reni, dovete semplicemente preparare un infuso di prezzemolo, usando una manciata di prezzemolo pulito e tagliato a pezzetti, da mettere a bollire in un litro d’acqua per 10 minuti. Una volta pronto, lasciate riposare e consumatelo preferibilmente a digiuno. Versate ciò che resta in una caraffa e conservatelo in frigorifero per consumarlo diverse volte al giorno, ogni giorno.

Ricordate!
Per potenziare gli effetti di questa bevanda nell’eliminazione dell’eccesso di sale, è molto importante integrarla con le raccomandazioni che vi abbiamo dato in precedenza, e ricordare di berla spesso.
Oltre ad aiutarvi a pulire l’organismo, è l’ideale per combattere la ritenzione idrica, prevenire la pressione arteriosa alta e perdere peso. Ovviamente questi benefici saranno possibile se avrete uno stile di vita salutare.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

curiosit
curiosit
animali
animali
storia
storia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
stile & bon ton
stile & bon ton
scienza
scienza
religioni
religioni
simboli e archetipi
simboli e archetipi
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
significato sogni
significato sogni
beneficenza
beneficenza
scuola
scuola
medicina naturale
medicina naturale
amore e dintorni
amore e dintorni
significato dei colori
significato dei colori


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!