Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Dieta alcalina per ridurre l'acidit


Dieta alcalina per ridurre l'acidit




Conoscere la differenza fra dieta alcalina e cibi acidificanti è importante per il nostro benessere e la nostra vitalità

 Anche se non alcalinizziamo al 100% il nostro corpo è importante farlo almeno al 60 – 70%.

Ma vediamo un po’ che cosa significa cibi alcalini e cibi acidificanti.

A seconda delle loro caratteristiche nutrizionali, tutti i cibi possono essere classificati in alcalini o acidificanti. Il metro attraverso il quale si può misurare l’alcalinità o l’acidità dei cibi è il pH.

Il pH il è una scala di valori che va da 0 a 14 e viene usato anche per misurare l’acidità e l’alcalinità all’interno del nostro corpo.

Come?

Analizzando liquidi organici come il sangue, la saliva o l’urina.

Come facciamo a capire se l’ambiente all’interno del nostro corpo è acido o alcalino?

E’ piuttosto semplice come concetto:

Se il pH all’interno del nostro corpo è compreso fra 0 e 7.06 l’ambiente all’interno del nostro corpo è acido.
Se è uguale a 7.o7 è neutro.
Se invece è compreso fra 7.o7 e 14.14 il pH si può definire alcalino o basico.

Come posso testare il livello di acidità nel mio corpo?

Ci sono svariati strumenti che puoi utilizzare, ma quelli che puoi facilmente trovare anche nella tua farmacia sono le strisce indicatrici di pH e il pH-metro (quest’ultimo utilizzato anche per misurare il pH degli acquari (ebbene si, anche i pesci, per vivere, hanno bisogno di un pH alcalino).

Per fare il test usa un campione di saliva o urine.

Leggi anche Alimenti alcalinizzanti e acidificanti

Come alcalinizzare la propria dieta senza stress?

La dieta alcalina non è qualcosa di nuovo, è qualcosa di antico semmai. In passato, la nostra dieta era costituita per lo più da cibi alcalini o neutri come: legumi, verdure, frutta, noci, semi e tuberi.

Oggi invece questi alimenti si sono ridotti a dei tristi contorni per alimenti acidificanti come: carne, latte, uova, formaggi, sale, cibi raffinati e cosi via.

Questo cambiamento comporta che la maggior parte delle persone conducono uno stile di vita acido.

Dobbiamo capire che un ambiente acido nel nostro organismo non solo uccide la nostra vitalità, ma è anche un terreno fertile per ogni genere di parassiti, disturbi e malattie tra le quali anche il cancro.

Quello che mangi però non è l’unica ragione per cui il tuo organismo può essere acido.

Un secondo fattore importantissimo che dobbiamo considerare sono le emozioni:

Emozioni come paura, rabbia, frustrazione, risentimento, ci stressano e danno vita a reazioni biochimiche che aumentano l’acidità del nostro organismo.

Non è necessario seguire regole rigide dobbiamo solo evitare alcuni cibi e privilegiarne altri. Possiamo tradurre questo processo di alcalinizzante in 6 punti principali:

1. Mangia cibi vivi e naturali


Cosa intendo per cibi vivi, se hai letto il secondo pilastro ormai puoi capirlo, ossia cibi crudi o non troppo cotti.

Non troppo cotti come ho spiegato anche nell’articolo precedente significa che la temperatura di cottura non deve superare i 47°C.

Alcuni lettori però hanno trovato difficile cuocere i cibi a 47°C.

Se anche tu sei fra loro devi sapere che è del tutto normale, perché non è possibile cuocere i cibi a quella temperatura, si possono solo marinare o essiccare usando un essiccatore.

2. Evita i veleni

Per veleni intendo sostanze inutili per l’organismo, elementi che non portano niente di buono e che il nostro corpo deve sforzarsi per eliminare come: caffè, alcool, fumo, bibite gassate, coloranti, conservanti, aromi artificiali, medicinali, farmaci (a meno che non sia strettamente necessario prenderli), e droghe di alcun genere.

3. Riduci considerevolmente il consumo di alimenti acidificanti

I cibi acidificanti come accennavo prima sono: carne, i dolci, la farina bianca e tutti i suoi derivati, latte e formaggi, uova, leguminose secche (fagioli, piselli, ceci, lenticchie ecc.), cereali.

Capisco che in teoria può sembrare un’esagerazione ma nella pratica è molto più semplice e fattibile

4. Idratati

L’idratazione è molto importante. Mi ricordo che un’amica lettrice mi disse che assumere 2 litri di sola acqua durante la giornata è impossibile.

Ebbene fidati, è possibilissimo, invece di pensare alla mega bottiglia di 2 litri prova a portarti a presso durante la giornata 4 bottiglie di 0.5 l vedrai che non solo ci riesci a berla ma non ti basterà.

Un’altra cosa importante per quanto riguarda l’acqua è che deve essere anch’essa alcalina, con un pH superiore a 8.

5. Fai attività fisica ma senza sforzarti.

Fare attività fisica  è molto importante, ma è anche molto importante farla bene. Infatti se non ne fai va male ma se strafai, oltre a togliere sangue e ossigeno agli organi vitali produrrai anche acido lattico il che, come puoi capire dal suo nome, contribuirà ad acidificare il tuo corpo.

6. Respira bene e medita

Come ti ho già detto prima l’acidità all’interno del tuo corpo non è causata solo dai cibi ma anche dallo stress e dalle emozioni negative.

I due modi più semplici ed efficaci per evitare o superare questi ostacoli della nostra vitalità sono la respirazione consapevole e la meditazione

George Luis

Fonte http://linfavitale.com

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

amore e dintorni
amore e dintorni
scomode verit
scomode verit
popoli e culture
popoli e culture
musica
musica
cucina
cucina
lavori creativi
lavori creativi
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
artisti
artisti
io non ci sto
io non ci sto
pedagogia
pedagogia
miti e leggende
miti e leggende
simboli e archetipi
simboli e archetipi
medicina naturale
medicina naturale
animali
animali
astrologia
astrologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!