Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Perdere peso pulendo il fegato


Perdere peso pulendo il fegato




Una buona pulizia del fegato include l’assunzione di alcuni integratori per migliorare le funzioni di questo organo

Esistono diverse “ricette” per pulirlo e tutti includono oli, sali, succhi o integratori naturali. Quando il vostro fegato è pulito, la salute in generale ne beneficerà, perché potrete eliminare tutto ciò che non è necessario per l’organismo.

Che cosa bisogna sapere sulla pulizia del fegato?


Prima di tutto, dovete sapere quali sono gli effetti che otterrete con questa tecnica, che viene scelta da chi desidera perdere peso oppure da chi ha sofferto di qualche danno a questo organo. L’obesità o il sovrappeso sono il risultato di aver mangiato troppo, per cui l’organismo immagazzina gli alimenti e li trasforma in grassi. Quando ci sono dei danni epatici possiamo soffrire di minzione inadeguata, ostruzione della cistifellea, feci liquide o stitichezza, il tutto causato dall’accumulo di materiali tossici non necessari. Tutto ciò viene eliminato con una buona pulizia del fegato. Gli integratori ingeriti durante il trattamento aiutano l’organo a continuare a svolgere il suo compito e, quanto maggiore sarà l’efficienza e la funzionalità del vostro organismo, maggiori saranno le possibilità di dimagrire.

Anche se una pulizia epatica è un metodo efficace per perdere peso, non deve essere realizzata in modo inadeguato o solo per questo fine. Prima di procedere con il trattamento è bene parlarne con un medico e informarsi sugli ingredienti che potete o non potete consumare. Ricordate che non serve per curare malattie o complicazioni epatiche. E non abusate della pulizia, perché nemmeno questo è buono per la salute: se volete ripeterla, aspettate prima un po’ di tempo.

Esistono diverse ricette che potete utilizzare per pulire il fegato, aiutando ad incrementare il movimento intestinale e facendo sì che sia questo organo che la cistifellea eliminino tutto ciò che non è necessario. Durante la pulizia non è raccomandabile realizzare troppa attività né sollevare troppo peso, ed è meglio restare a casa. Non sdraiatevi subito dopo aver consumato la ricetta scelta perché potreste causare giramenti di testa, nausea o vomito.

 

Perché è necessario fare una pulizia del fegato?

Semplicemente a causa dello stile di vita che portiamo avanti, della nostra alimentazione disordinata e sbilanciata e della mancanza di attività fisica o sport. Per colpa di tutto ciò, il fegato produce più grassi e li immagazzina in eccesso. È importante fare una dieta di disintossicazione del fegato ogni tanto, in modo da migliorare la funzione epatica e aumentare i livelli di energia. Potreste anche sentire più voglia di fare attività fisica, di alzarvi più presto, ottenere migliori risultati al lavoro e all’università, ecc.

In generale, vi sentirete molto meglio in diversi aspetti: alcuni riportano di aver avuto dei cambiamenti nella pelle, per esempio con la scomparsa dell’acne, e la maggior parte di chi ha provato a fare questa pulizia afferma che è servita anche a perdere peso.

 

Come pulire il fegato?


Ricordate che il lavoro realizzato ogni giorno da questo organo causa un accumulo di tossine, per cui l’idea è quella di eliminare questi residui negativi. Si può ripetere il procedimento fino a tre volte all’anno. Prendete appunti su queste ricette per una pulizia epatica efficace:

Succo di pompelmo con aglio e zenzero: È meglio realizzare questo procedimento durante il weekend. Vi aiuterà anche a fortificare il vostro sistema linfatico. Avrete bisogno di due pompelmi, quattro limoni, due spicchi di aglio, una rondella di radice di zenzero, 300 ml di acqua distillata e due cucchiai di olio d’oliva. Spremete i pompelmi e i limoni, grattugiate lo zenzero e pressate l’aglio. Mettete il tutto dentro il frullatore e mischiate bene. Bevete la sera prima di andare a dormire.
 

Succo di arancia, aglio e olio d’oliva: Avrete bisogno di un quarto di tazza di olio d’oliva, un quarto di succo di arancia appena spremuto, mezzo cucchiaio di zenzero grattugiato e mezzo cucchiaio di aglio sminuzzato. Frullate bene e bevete prima di andare a dormire, ricordandovi di coricarvi sul fianco destro. Dev’essere ripetuto per tre giorni di fila.

Alimenti che vi aiuteranno a disintossicare il fegato

Oltre alle due ricette che vi abbiamo appena menzionato, potete, durante la settimana prima e quella dopo la cura, preparare il corpo e mantenerlo lungo la via della disintossicazione naturale. Per farlo, vi consigliamo di consumare i seguenti alimenti:

Cereali integrali: sono ricchi di vitamina B e migliorano la metabolizzazione dei grassi e la funzione epatica
Tè verde: possiede molti antiossidanti (catechine), utili per aiutare il fegato
 

Uva: vi darà zuccheri naturali e molti antiossidanti, attivando a sua volta la funzione di pulizia del fegato e la produzione di bile
Mele: hanno una grande quantità di pectine e di componenti chimici che aiutano l’organismo a eliminare le tossine dell’apparato digerente
Carote e barbabietole: hanno molti flavonoidi e betacarotene, che stimolano la funzione epatica
Verdure a foglia verde: sono alleate perfette per pulire il fegato, grazie alla clorofilla che assorbe le tossine del flusso sanguigno e protegge questo organo così importante
Olio d’oliva: è utile se impiegato in quantità moderate
Melanzane: sono un tonico digestivo che serve per attivare le funzioni della cistifellea
Scarola e indivia: entrambe contengono una sostanza dal sapore amaro che serve per svuotare in modo naturale la cistifellea
Avocado: protegge il fegato dal sovraccarico di tossine e aumenta il potere di pulizia del trattamento da voi scelto.
 

Ed ecco le ultime raccomandazioni: riducete le porzioni che consumate, evitate l’alcol, la carne rossa, i latticini e i prodotti raffinati, bevete acqua a sufficienza e realizzate dell’attività fisica moderata.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

lingua italiana
lingua italiana
autismo
autismo
coppia
coppia
letteratura
letteratura
musica
musica
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
artisti
artisti
cucina
cucina
lavori creativi
lavori creativi
pedagogia
pedagogia
itinerari
itinerari
medicina naturale
medicina naturale
tecnologia
tecnologia
popoli e culture
popoli e culture
scomode verit
scomode verit


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!