Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Curare la tosse con gli alimenti giusti


Curare la tosse con gli alimenti giusti




Come curare la tosse con la giusta alimentazione, scegliendo cibi naturali e con proprietà antinfiammatorie.

La tosse è soprattutto un sintomo e si presenta comunemente non solo in caso di malattie influenzali e parainfluenzali, bronchiti o infiammazioni di laringe, faringe e laringe, ma anche per altre cause, per esempio asma allergico e malattia da reflusso gastroesofageo. È, inoltre, molto frequente la tosse del fumatore.
 
Può essere grassa o secca, ossia con o senza catarro. La terapia dipende dalle caratteristiche del disturbo e dalla sua origine.
 
Gli squilibri alimentari possono essere una concausa nel determinare la ridotta capacità difensiva dell’organismo e dunque un’alimentazione equilibrata e ricca di nutrienti aiuta a combattere la tosse, così come la maggior parte delle malattie. Esistono inoltre alimenti che vantano proprietà antinfiammatorie e stimolatrici delle difese immunitarie.
 
In caso di tosse dovuta ad esofagite da reflusso, l’alimentazione è parte integrante della terapia.
 
Gli alimenti per combattere la tosse
Se la tosse è dovuta a un’infiammazione di faringe o laringe è consigliabile fare gargarismi con acqua e aceto o con acqua e limone. L’aceto ha un’azione decongestionante mentre il limone agisce contro i batteri. È, inoltre, utile seguire un’alimentazione naturale, riducendo il consumo di insaccati, dolciumi, conserve e tutti i cibi confezionati o troppo ricchi di zuccheri semplici.
 
Anche in caso di tosse dovuta ad asma allergico è consigliabile seguire una dieta naturale, oltre che limitare il consumo di tutti gli alimenti potenzialmente allergizzanti quali cioccolato, molluschi, latticini, uova e fragole.
 
Il miele contro la tosse
Il miele ha un blando potere antinfiammatorio; ha, inoltre, proprietà antibatteriche e antibiotiche. Le nostre nonne consigliavano, in caso di tosse, una tazza di latte caldo con il miele. In realtà, il miele va benissimo anche preso da solo o utilizzato come dolcificante per altre bevande calde, per esempio tè verde o camomilla.
 
In caso di tosse insistente un cucchiaino di miele fungerà da sedativo.
 
Per aiutare l’espettorazione può essere utile il seguente rimedio. Si taglia una cipolla a fette, orizzontalmente, per formare vari strati, si versa del miele su ogni strato e si lascia riposare per 24 ore. Passato questo tempo, si raccoglie il miele che è colato lungo i lati della cipolla e se ne prende un cucchiaino, al bisogno.
 
Decotto contro la tosse secca
Contro la tosse stizzosa e secca vi invitiamo a provare questo decotto di camomilla e limone.
 
Lavare e sbucciare un limone non trattato. Far bollire, per cinque minuti circa, la scorza del limone in 250 ml di acqua insieme ad una manciata di fiori di camomilla essiccati. Filtrare il decotto e completare con un cucchiaino di miele all’eucalipto.
 
La camomilla e il miele hanno proprietà lenitive, mentre la buccia di limone agisce contro gli spasmi della tosse. L’eucalipto, infine, è un decongestionante naturale.
 
Lo zenzero contro la tosse grassa
 
Contro la tosse con catarro un valido aiuto può essere rappresentato dallo zenzero.
 
Un decotto di zenzero, soprattutto se arricchito con cannella, succo di limone e miele all’eucalipto, costituisce un ottimo rimedio contro la tosse.
 
Lo zenzero aiuta a sciogliere il muco, favorendo la liberazione dei bronchi ed è utile anche contro altre malattie da raffreddamento.
 
Il decotto di zenzero non è consigliabile in gravidanza e, comunque, non va mai assunto in dosi eccessive.
 
In caso di dubbi o di tosse eccessiva e persistente, consultare uno specialista.
 
 
 
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Sono i bambini a scegliere e amare i loro genitori prima di nascere

Ovunque nel mondo astrale, un chiaroveggente vede le anime che vogliono incarnarsi. Le condizioni di spazio e tempo nel mondo astrale sono ovviamente diverse da quelle del mondo fisico. Un anima può muoversi con grande rapidità nel mondo astrale ed è spinta da certe forze alla località dove può trovare un copo fisico e un corpo eterico che si addice quest'anima. Distanze come quella tra Budapest e New York non giocano nessun ruolo. I fattori del tempo entrano in considerazione solo nella misura in cui possono venire raggiunte le condizioni, le possibilità terrene più favorevoli per l’ incarnazione. Verso la terra arriva questa anima, che ha la forma di una campana, allargata dall'alto verso il basso, vola nello spazio astrale la componente fisica prodotta dalla linea di eredità.
Dobbiamo ora parlare brevemente di ciò che attira l'anima verso la terra e ciò che si incarna. Voi sapete che la procreazione è collegata con certi impulsi di sentimenti, impulsi d'amore, di simpatia che nasce dall'amore. Il processo di procreazione è preceduto da "simpatia che nasce dall'amore", che viene percepito da un chiaroveggente come un gioco, una impennata qua e là delle forze astrali, di flussi astrali, tra l'uomo e la donna. Qualcosa è vivo lì, che non è può essere presente se l'essere umano è solo: la corrispondenza di “affinità” tra le stesse anime si esprime nel gioco delle correnti astrali. Ma, naturalmente, ogni processo di amore è individuale e appartenente ad ogni specifica individualità. Ora, prima della fecondazione terrena, prima che venga compiuto l'atto fisico di amore, si riflette in questo gioco di forze astrali, l'individualità, l'essere che sta scendendo di nuovo a terra. Questa è la realtà fondamentale nell'atto procreativo. Così si può dire che prima della fecondazione fisica, ciò che scenderà in futuro dal mondo spirituale sta già cominciando ad essere attivo. Il mondo spirituale è anche l’artefice della riunione dell’uomo e della donna. Un gioco meravigliosamente intimo delle forze del mondo spirituale si svolge qui. L’ essere che è discendente è, in generale, collegato dall'inizio con il processo di fecondazione. E non è affatto un caso che un individualità si collega solo dopo un certo tempo. Dal momento del concepimento questa individualità è in diretto contatto con l'esito della procreazione biologica. Ci sono eccezioni, naturalmente, anche lì.
Durante i primi giorni dopo il concepimento, questa individualità spirituale che sta scendendo, ancora non effettivamente incide sullo sviluppo dell'essere umano fisico, ma è vicino, per così dire, è già in contatto con l'embrione in via di sviluppo. La congiunzione reale avviene circa fra il 18°, 19°, giorno e il 20° e del 21° dopo il concepimento: ciò che sta scendendo dal mondo superiore sta già lavorando insieme con l'essere fisico che è in procinto di venire all'esistenza. Così la delicata tessitura organica che è necessaria affinchè l’individualità umana possa essere in grado di utilizzare il corpo fisico come strumento, viene preparata fin dall'inizio in accordo con le facoltà precedenti. Che l'essere umano possa essere un'unità completa nasce dal fatto che il più piccolo organo è in linea con l'organismo nel suo complesso, cioè, anche la più piccola unità deve essere tale che l'intera struttura sia in grado di garantire che dal diciottesimo al ventunesimo giorno dopo il concepimento, l'ego possa partecipare allo sviluppo dei corpi fisici ed eterici.
Se vogliamo avere un quadro approssimativo di ciò che esiste nel mondo spirituale e sta per scendere, dobbiamo dire che è l'individuo in fase di incarnazione che riunisce coloro che si amano l'un l'altro. L'archetipo che si desidera incarnare attira a sé sostanza astrale, la quale determina un effetto sulla passione, il sentimento d'amore. La passione astrale che si impenna qua e là in basso sulla terra, rispecchia le sostanze astrali dell'entità discendente. Così la sostanza astrale proveniente dall'alto viene rilevata dalla sensazione astrale di coloro che si amano l'un l'altro, a sua volta influenzate dalla sostanza del soggetto che vuole scendere ad incarnarsi. Dobbiamo quindi dire che l'individuo che si reincarna partecipa sicuramente nella scelta dei suoi genitori. Secondo chi e che cosa egli è, si sente spinto versi una determinata coppia di genitori. Si è spesso affermato che se la scelta dei genitori fosse fatta dal figlio, la sensazione di trovare una nuova vita nei propri figli andrebbe persa e che l'amore basato su aver trasmesso la propria natura dovrebbe in tal modo venire ridotta. Questa è una paura infondata, perché l'amore materno e paterno assume un significato più alto e più bello, quando ci rendiamo conto che in un certo senso il bambino ama i genitori anche prima del concepimento, ed è quindi spinto a loro. L'amore dei genitori è quindi la risposta all'amore del bambino, è amore dinamico, ricettivo. Abbiamo così una spiegazione dell'amore che provano i genitori, come riproduzione dell’ amore che il bambino prova per loro, prima della nascita fisica.
Lecture: 7th June, 1909 | Budapest | GA0109 ] Esoterismo rosicruciano
Di R. Steiner

Fonte La Scienza dello Spirito
 





Categorie

artisti
artisti
coppia
coppia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
significato dei colori
significato dei colori
lavori creativi
lavori creativi
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
pedagogia
pedagogia
tecnologia
tecnologia
fisica quantistica
fisica quantistica
bambini
bambini
religioni
religioni
itinerari
itinerari
popoli e culture
popoli e culture
salute
salute
astrologia
astrologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!